Passa ai contenuti principali

Una riflessione sul libro " anticomunista ed antijugoslavo" di Cox, "la corsa per Trieste"



Liberale, capo dell'intelligence office del Generale Freyberg, Cox, che ha vissuto di prima persona i fatti di Trieste e Gorizia nel 1945, con il suo libro la corsa per Trieste, quella che ha visto contrapposti da un lato i Neozelandesi, gli Angloamericani, e dall'altro gli Jugoslavi, se non ha propriamente dato il là alla campagna anti-jugoslava sicuramente è stato determinante per tale fine. Ne è stato determinante per quella letteratura e storiografia che si è affermata sulle vicende del Confine Orientale in ottica anticomunista ed anti-jugoslava. Perché gli schemi che verranno prodotti saranno proprio quelli introdotti dal libro di Cox Un libro farcito di pregiudizialità incredibili, dove addirittura i tremendi Cetnici saranno più presentabili dei partigiani jugoslavi. Così presenterà i Cetnici che inneggiavano contro la Germania ed il comunismo e speravano di allearsi con i neozelandesi "avevano l'assetto di soldati freschi, ben nutriti e ben equipaggiati, in breve un esercito che è stato rifornito in abbondanza, non una banda di partigiani". L'esercito popolare di liberazione jugoslavo, verrà presentato come una banda, di visi tirati, stanchi, vestiti male, le donne con i fianchi larghi, senza trucco. Sarà che si era in guerra, ma con destrezza riesce a lanciare dei sassolini che rimarranno impressi nella mente del lettore. Se da un lato riconoscerà, sforzandosi, che la presa di Trieste e Gorizia è avvenuta per merito di Tito e demerito dei neozelandesi, perché Tito è riuscito a fare in pochi giorni quello che era stato preventivato in un mese, poi, però, si arriverà al nocciolo della questione. Non parlerà praticamente mai delle foibe, che in Italia sono state esasperate fino all'ennesima potenza, ma il contesto con il quale presenterà l'operato dei partigiani jugoslavi e l'ostilità di questi nei confronti di tutto ciò, che a detta sua, si opponeva all'annessione di Trieste alla Jugoslavia, basterà perché l'ignaro lettore possa immaginare Tito come Hitler o Mussolini e non a caso si riporterà un telegramma nel quale si accuserà Tito di essersi comportato come la Germania nazista, od il Giappone nel Confine Orientale. Emergeranno tutte le pressioni che Churchill ha esercitato nei confronti di Truman per spingere ad aggredire l'alleato per allontanarlo da Trieste e Gorizia ed anche da Pola. Insomma dal 2 maggio del 1945, dal giorno in cui i neozelandesi metteranno piede a Trieste, si rischierà un nuovo tremendo conflitto. La guerra fredda è iniziata a Trieste, anche se non vedeva contrapposti il blocco sovietico e quello occidentale, ma quello jugoslavo e quello occidentale, pur sempre comunisti contro capitalisti. E si è andati ad un passo dalla guerra nella guerra. Tanto che sarebbe bastato un solo colpo sparato dagli Jugoslavi per scatenare un putiferio. E di pretesti ne avrebbero avuti a decine, ma non hanno reagito. Non hanno reagito neanche quando è partito il primo colpo tra "alleati".L'unico sparo fu quello di una sentinella dei maori, che tra le altre cose erano gli unici che avevano fraternizzato con gli Jugoslavi perché alcuni di loro erano discendenti di Dalmati, in base a quello che dice Cox. "Uno sparo che colpì i pneumatici posteriori di una macchina militare jugoslava che aveva rifiutato di fermarsi. Ma nonostante le gomme forate la macchina continuò sobbalzando la sua corsa e la vicenda fu dimenticata." Se fosse ciò accaduto da parte avversa, Trieste e Gorizia avrebbero vissuto una catastrofe, altro che foibe od esodo. E' questo il vero rischio che si è scatenato nel Venezia Giulia dal primo maggio del 1945, una nuova guerra  e tra alleati quando ancora il secondo conflitto mondiale non era finito. Il giorno della vittoria sarà il 9 maggio e poi si dovrà attendere la catastrofe della guerra con il Giappone. Un Cox che ha anche minimizzato il fenomeno dell'esodo, contrariamente da come avvenuto in Italia," nel complesso gli eventi riguardarono direttamente appena 250 mila italiani e qualche decina di migliaia di sloveni. Solo una porzione minuscola della nuova frontiera dell'Europa post bellica ne era stata interessata".

Marco Barone 

Commenti

  1. Un libro che ha dato il la' alla campagna anti jugoslava? Mi dia l'indirizzo del suo pusher...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…