Passa ai contenuti principali

Una riflessione sul libro " anticomunista ed antijugoslavo" di Cox, "la corsa per Trieste"



Liberale, capo dell'intelligence office del Generale Freyberg, Cox, che ha vissuto di prima persona i fatti di Trieste e Gorizia nel 1945, con il suo libro la corsa per Trieste, quella che ha visto contrapposti da un lato i Neozelandesi, gli Angloamericani, e dall'altro gli Jugoslavi, se non ha propriamente dato il là alla campagna anti-jugoslava sicuramente è stato determinante per tale fine. Ne è stato determinante per quella letteratura e storiografia che si è affermata sulle vicende del Confine Orientale in ottica anticomunista ed anti-jugoslava. Perché gli schemi che verranno prodotti saranno proprio quelli introdotti dal libro di Cox Un libro farcito di pregiudizialità incredibili, dove addirittura i tremendi Cetnici saranno più presentabili dei partigiani jugoslavi. Così presenterà i Cetnici che inneggiavano contro la Germania ed il comunismo e speravano di allearsi con i neozelandesi "avevano l'assetto di soldati freschi, ben nutriti e ben equipaggiati, in breve un esercito che è stato rifornito in abbondanza, non una banda di partigiani". L'esercito popolare di liberazione jugoslavo, verrà presentato come una banda, di visi tirati, stanchi, vestiti male, le donne con i fianchi larghi, senza trucco. Sarà che si era in guerra, ma con destrezza riesce a lanciare dei sassolini che rimarranno impressi nella mente del lettore. Se da un lato riconoscerà, sforzandosi, che la presa di Trieste e Gorizia è avvenuta per merito di Tito e demerito dei neozelandesi, perché Tito è riuscito a fare in pochi giorni quello che era stato preventivato in un mese, poi, però, si arriverà al nocciolo della questione. Non parlerà praticamente mai delle foibe, che in Italia sono state esasperate fino all'ennesima potenza, ma il contesto con il quale presenterà l'operato dei partigiani jugoslavi e l'ostilità di questi nei confronti di tutto ciò, che a detta sua, si opponeva all'annessione di Trieste alla Jugoslavia, basterà perché l'ignaro lettore possa immaginare Tito come Hitler o Mussolini e non a caso si riporterà un telegramma nel quale si accuserà Tito di essersi comportato come la Germania nazista, od il Giappone nel Confine Orientale. Emergeranno tutte le pressioni che Churchill ha esercitato nei confronti di Truman per spingere ad aggredire l'alleato per allontanarlo da Trieste e Gorizia ed anche da Pola. Insomma dal 2 maggio del 1945, dal giorno in cui i neozelandesi metteranno piede a Trieste, si rischierà un nuovo tremendo conflitto. La guerra fredda è iniziata a Trieste, anche se non vedeva contrapposti il blocco sovietico e quello occidentale, ma quello jugoslavo e quello occidentale, pur sempre comunisti contro capitalisti. E si è andati ad un passo dalla guerra nella guerra. Tanto che sarebbe bastato un solo colpo sparato dagli Jugoslavi per scatenare un putiferio. E di pretesti ne avrebbero avuti a decine, ma non hanno reagito. Non hanno reagito neanche quando è partito il primo colpo tra "alleati".L'unico sparo fu quello di una sentinella dei maori, che tra le altre cose erano gli unici che avevano fraternizzato con gli Jugoslavi perché alcuni di loro erano discendenti di Dalmati, in base a quello che dice Cox. "Uno sparo che colpì i pneumatici posteriori di una macchina militare jugoslava che aveva rifiutato di fermarsi. Ma nonostante le gomme forate la macchina continuò sobbalzando la sua corsa e la vicenda fu dimenticata." Se fosse ciò accaduto da parte avversa, Trieste e Gorizia avrebbero vissuto una catastrofe, altro che foibe od esodo. E' questo il vero rischio che si è scatenato nel Venezia Giulia dal primo maggio del 1945, una nuova guerra  e tra alleati quando ancora il secondo conflitto mondiale non era finito. Il giorno della vittoria sarà il 9 maggio e poi si dovrà attendere la catastrofe della guerra con il Giappone. Un Cox che ha anche minimizzato il fenomeno dell'esodo, contrariamente da come avvenuto in Italia," nel complesso gli eventi riguardarono direttamente appena 250 mila italiani e qualche decina di migliaia di sloveni. Solo una porzione minuscola della nuova frontiera dell'Europa post bellica ne era stata interessata".

Marco Barone 

Commenti

  1. Un libro che ha dato il la' alla campagna anti jugoslava? Mi dia l'indirizzo del suo pusher...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …