Passa ai contenuti principali

Una riflessione sul libro " anticomunista ed antijugoslavo" di Cox, "la corsa per Trieste"



Liberale, capo dell'intelligence office del Generale Freyberg, Cox, che ha vissuto di prima persona i fatti di Trieste e Gorizia nel 1945, con il suo libro la corsa per Trieste, quella che ha visto contrapposti da un lato i Neozelandesi, gli Angloamericani, e dall'altro gli Jugoslavi, se non ha propriamente dato il là alla campagna anti-jugoslava sicuramente è stato determinante per tale fine. Ne è stato determinante per quella letteratura e storiografia che si è affermata sulle vicende del Confine Orientale in ottica anticomunista ed anti-jugoslava. Perché gli schemi che verranno prodotti saranno proprio quelli introdotti dal libro di Cox Un libro farcito di pregiudizialità incredibili, dove addirittura i tremendi Cetnici saranno più presentabili dei partigiani jugoslavi. Così presenterà i Cetnici che inneggiavano contro la Germania ed il comunismo e speravano di allearsi con i neozelandesi "avevano l'assetto di soldati freschi, ben nutriti e ben equipaggiati, in breve un esercito che è stato rifornito in abbondanza, non una banda di partigiani". L'esercito popolare di liberazione jugoslavo, verrà presentato come una banda, di visi tirati, stanchi, vestiti male, le donne con i fianchi larghi, senza trucco. Sarà che si era in guerra, ma con destrezza riesce a lanciare dei sassolini che rimarranno impressi nella mente del lettore. Se da un lato riconoscerà, sforzandosi, che la presa di Trieste e Gorizia è avvenuta per merito di Tito e demerito dei neozelandesi, perché Tito è riuscito a fare in pochi giorni quello che era stato preventivato in un mese, poi, però, si arriverà al nocciolo della questione. Non parlerà praticamente mai delle foibe, che in Italia sono state esasperate fino all'ennesima potenza, ma il contesto con il quale presenterà l'operato dei partigiani jugoslavi e l'ostilità di questi nei confronti di tutto ciò, che a detta sua, si opponeva all'annessione di Trieste alla Jugoslavia, basterà perché l'ignaro lettore possa immaginare Tito come Hitler o Mussolini e non a caso si riporterà un telegramma nel quale si accuserà Tito di essersi comportato come la Germania nazista, od il Giappone nel Confine Orientale. Emergeranno tutte le pressioni che Churchill ha esercitato nei confronti di Truman per spingere ad aggredire l'alleato per allontanarlo da Trieste e Gorizia ed anche da Pola. Insomma dal 2 maggio del 1945, dal giorno in cui i neozelandesi metteranno piede a Trieste, si rischierà un nuovo tremendo conflitto. La guerra fredda è iniziata a Trieste, anche se non vedeva contrapposti il blocco sovietico e quello occidentale, ma quello jugoslavo e quello occidentale, pur sempre comunisti contro capitalisti. E si è andati ad un passo dalla guerra nella guerra. Tanto che sarebbe bastato un solo colpo sparato dagli Jugoslavi per scatenare un putiferio. E di pretesti ne avrebbero avuti a decine, ma non hanno reagito. Non hanno reagito neanche quando è partito il primo colpo tra "alleati".L'unico sparo fu quello di una sentinella dei maori, che tra le altre cose erano gli unici che avevano fraternizzato con gli Jugoslavi perché alcuni di loro erano discendenti di Dalmati, in base a quello che dice Cox. "Uno sparo che colpì i pneumatici posteriori di una macchina militare jugoslava che aveva rifiutato di fermarsi. Ma nonostante le gomme forate la macchina continuò sobbalzando la sua corsa e la vicenda fu dimenticata." Se fosse ciò accaduto da parte avversa, Trieste e Gorizia avrebbero vissuto una catastrofe, altro che foibe od esodo. E' questo il vero rischio che si è scatenato nel Venezia Giulia dal primo maggio del 1945, una nuova guerra  e tra alleati quando ancora il secondo conflitto mondiale non era finito. Il giorno della vittoria sarà il 9 maggio e poi si dovrà attendere la catastrofe della guerra con il Giappone. Un Cox che ha anche minimizzato il fenomeno dell'esodo, contrariamente da come avvenuto in Italia," nel complesso gli eventi riguardarono direttamente appena 250 mila italiani e qualche decina di migliaia di sloveni. Solo una porzione minuscola della nuova frontiera dell'Europa post bellica ne era stata interessata".

Marco Barone 

Commenti

  1. Un libro che ha dato il la' alla campagna anti jugoslava? Mi dia l'indirizzo del suo pusher...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…