Passa ai contenuti principali

Iniziano i boicottaggi dei docenti, no alla funzione di coordinatore di classe





Le scuole italiane sono in movimento.
Da giorni, sia le assemblee dei lavoratori che i collegi docenti, da Trieste a Palermo, producono centinaia di documenti che hanno come scopo quello di mettere nero su bianco il no a tutte quelle attività che non sono obbligatorie per i docenti, ma semplicemente facoltative. Il tutto per dire no al PDL Aprea/Ghizzoni, all'Invalsi, alle violazione delle prerogative contrattuali.
Arrivano però voci, come sollevate da alcune realtà sindacali che più che tutelare i lavoratori sembrano voler tutelare i ruoli gerarchici nella scuola, che non si può rifiutare l'attività di coordinatore di classe.
Questo è un falso clamoroso.
Come prima cosa deve essere ricordato che quella del coordinatore di classe è una figura sui generis non prevista nell'ordinamento giuridico che caratterizza la vita scolastica del personale docente.
E' prerogativa del Dirigente scolastico quella di coordinare ma è pur vero che con atto scritto avente valore di delega, dopo aver previsto la scuola tale figura all'interno del POF, può conferire la detta funzione ad un docente che ha manifestato la disponibilità in tal senso.
Dunque può e disponibilità.
Non si deve e né è obbligatorio.
Il Coordinatore di classe di norma si occupa di varie attività come mantenere la collaborazione con gli altri docenti, verificare la regolare frequenza degli studenti, segnala i problemi che si possono verificare in una data classe . Spesso che si assume questa delega vive personalmente un ruolo di gerarchia improprio esplicando la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa.
Ma essendo una figura non obbligatoria, fondata sul principio della libera disponibilità, il docente in qualsiasi momento può produrre le dimissioni. La motivazione non è richiesta e non è neanche obbligatoria.
Il Dirigente scolastico se vuole imporre questa attività altra possibilità non ha che quella di emettere ordine di servizio, ma che rischia di essere palesemente illegittimo, per i motivi appena citati, incrementando dunque l'inevitabile contenzioso che verrà.
Ma se l'ordine di servizio verrà emanato probabilmente si verificherà anche una risposta collettiva all'intero della scuola medesima, poiché queste battaglie non sono più individuali ma collettive, finalizzate a ripristinare il carattere pubblico ad una scuola di stampo aziendalista.
Nessuna colpa potrà essere addebitata ai docenti se le scuole cammineranno con lentezza.
D'altronde una sana lentezza può essere utile per riflettere meglio sul ruolo dell'istruzione pubblica che vive una involuzione a dir poco preoccupante.

Marco Barone
xcolpevolex









Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone