Passa ai contenuti principali

Dalla strage di Vergarolla al massacro del Circeo, la maledizione di "Pola"


Pola (Pula in croato), meravigliosa e vitale cittadina, italiana per poco più di vent'anni, è stata, suo malgrado, segnata da drammi, violenze, direttamente ed indirettamente che vedono il suo nome essere coinvolto. Città che venne citata da Dante nella Divina Commedia: «Sì com’a Pola presso del Carnaro, ch’Italia chiude e i suoi termini bagna» Citazione strumentalizzata, ancora oggi, per fini nazionalistici, come se Dante in quel tempo avesse realmente in mente una Italia politica ed amministrativa se non addirittura geografica unita che includesse anche Pola. Eppure questo è stato il pensiero dei nazionalisti, che invece ignorano quanto Dante scrisse sull'Italia di quel tempo: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”. Parole, visto quello che accade nell'Italia di oggi, a dir poco attuali e valide.

Era il 18 agosto del 1946. Sulla spiaggia di Vergarolla vi erano accatastate ventotto mine marittime con nove tonnellate di tritolo, prive di detonatori ma non vuotate dell’esplosivo in esse contenuto. Quelle mine, dalle varie informazione recuperate in rete e dalle varie testimonianze diffuse sembra che siano state disinnescate da tre squadre di artificieri e che dunque non sarebbero mai potute scoppiare senza detonatori. 
Alcune testimonianze, proprio per evidenziare la convivenza che sussisteva con quelle mine, sottolineavano che i bambini ci giocavano, a cavalcioni sopra i cilindri metallici, che tutti sapevano essere degli oggetti di origine militare ma inoffensivi e lasciati incustoditi sulla spiaggia dai militari alleati verso cui, gli italiani di Pola, riponevano una immensa fiducia. Poi quello che è accaduto è solo ora fatto notorio, una prima esplosione che ha scatenato l'inferno facendo esplodere le mine che inoffensive, a quanto pare, proprio non erano. Una strage. Vittime civili, probabilmente della mano fascista. Una strage che ricorderà le barbarie fasciste che accadranno in Italia in quello che verrà chiamato periodo della strategia della tensione.
La Jugoslavia non avrebbe avuto alcun tipo di interesse a realizzare una simile mostruosità disumana anche perché, era impegnata a Parigi per la questione del Trattato di Pace ed assegnazione delle terre contese. Violenza fascista che avrebbe tratto beneficio da quella immane tragedia usandola, strumentalizzandola per fini nazionalistici per cedere Pola all'Italia?

 E sempre Pola venne interessata dalla mano vigliacca ed assassina di quella che da molti viene definita come eroina d'Italia o “paladina di una Giustizia che trascende quella umana”, Maria Pasquinelli, aderente al partito fascista, che il 10 febbraio del 1947 uccise, sparandolo alle spalle, il Generale inglese Robert W. De Winton, comandante la guarnigione "alleata" di Trieste. Quell'assassinio è passato come atto di protesta eroico contro il Trattato di Pace e la cessione alla Jugoslavia dei territori contesi. Ma alle spalle, di norma, si spara e colpisce chi tradisce. Dopo le ovvie condanne, ottenne la grazia per mano del presidente supplente della Repubblica Cesare Merzagora, il 22 settembre 1964 . Merzagora che sostituiva Segni colpito da malattia il 7 agosto 1964, fino al 28 dicembre 1964, il quale, Merzagora, fu di stanza in Istria al termine del primo conflitto mondiale e ancora nei primi giorni del 1919.

E la maledizione di Pola continuerà.

 
Roma, nella notte tra il 30 settembre e il 1° ottobre del ’75, in viale Pola, una strada di quello che veniva presentato come un tranquillo quartiere borghese, verranno ritrovate due ragazze nel bagagliaio di una Fiat 127, avvolte in sacchi di plastica: una morta, l'altra gravemente ferita. Verrà ricordato come il massacro del Circeo. L'Unità del 2 ottobre 1975 evidenzierà subito, senza indugi, le frequentazioni fasciste nonché l'essere squadrista fascista degli assassini. Ancora una volta la mano fascista segnerà, nel dopoguerra, in modo drammatico il nome di Pola. Massacro, che per fatalità atroce del destino, cadrà alle porte della discussione alla Camera di una mozione che darà il là al Trattato di Osimo, che riguarderà la zona A e B. Sulla stampa nazionale del 1 ottobre del 1975 in prima pagina ci saranno le prime notizie sul ritrovamento della 127 nel viale Pola di Roma. Ed in mente, oggi, torneranno le immagini di quel 9 maggio, ove nel bagagliaio di una Renault 4 parcheggiata in via Caetani a Roma vi era il corpo di Aldo Moro.  Ma sulla stampa di quel 1 ottobre del '75 si parlerà anche di quello che Rumor avrebbe potuto riferire sulla questione del controverso confine orientale. I giorni 1 e 3 ottobre 1975 alla Camera e al Senato il giorno 6 ottobre 1975 venne conferito dal parlamento una sorta di mandato per risolvere la questione di Trieste e della Venezia Giulia. Con votazione per appello nominale. 
In una nota dei servizi, sempre per quanto riguarda la via Pola, si legge che "il noto  Padre MORLION Andrè, nato a DIXMUDE (Belgio) il 15.5.1904, è residente effettivamente a Roma in via Pola n.29 (stesso indirizzo dell'abitazione di ANTONOV). Il  predetto si è stabilito a Roma nel 1959 divenendo Rettore dell'Università Internazionale di Studi Sociali "PRO DEO" ora "L.UISS" (L.ibera Univrsità Internazionale per gli Studi Sociali) con sede nella stessa via Pola n.12. MORLION è stato oggetto di numerose critiche da parte di organi di stampa che ne indicavano, tra l'altro, l'appartenenza alla CIA." Questa nota informativa nasceva in relazione ad alcuni articoli di stampa del 1985 ove si parlava della strana coincidenza tra l'indirizzo di Antonov e Morlion. Antonov che venne  accusato di aver organizzato l’attentato contro Papa Giovanni Paolo II nel 1981 e poi scagionato.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…