Passa ai contenuti principali

I Dieci comandamenti di Tito


Un foglio volante, in un sospiro di Bora, in una notte qualunque. Ma non sarà un foglio qualunque. Non sarà più una notte qualunque. A pochi passi da dove si formò, per volere umano, per spirito di fratellanza, sorellanza, di solidarietà, tra italiani e sloveni, uomini e donne, giovane, giovanissima generazione ribelle e rivoluzionaria, la brigata proletaria, sulle prime alture di Selz, cuore della dignità e della resistenza, raccolsi quel foglio illuminato dal chiarore di una luna, faro di civiltà. Vi era scritto, i Dieci comandamenti di Tito e leggerai d'un fiato solo ma non solitario...

1) Non ci sarà nessun dio, nessuna divinità, né fuori  dentro di me, ma l'onnipotenza laica dell'uguaglianza e leggerai: “I cittadini sono uguali nei diritti e nei doveri, indipendentemente dalla nazionalità, dalla razza, dal sesso, dalla lingua, dalla fede religiosa, dal grado di istruzione e dalla condizione sociale”;

2) Non essendoci alcun dio, pur riconoscendosi il diritto di predicare e praticare la propria religione ma senza che questa eserciti alcuna minima ingerenza nella cosa pubblica e possa marciare per far marcire la laicità, si leggerà: “Si garantisce la libertà di pensiero e di scelta”;

3) Nessuna santificazione o consacrazione ad alcuna divinità, ma viva partecipazione nella comunità e dunque: “È diritto e dovere del cittadino partecipare all'autodifesa sociale”;

4) Padre e madre, sciolti nella simbiosi della Costituzione e per essere onorata e rispettata chiama ed invoca e garantisce la partecipazione: "È diritto e dovere dei lavoratori e dei cittadini di promuovere l'iniziativa per tutelare la legittimità costituzionale e legislativa";

5) La vita dell'essere umano nella indeterminatezza del suo valore, non può aver alcuno valore, nessun prezzo, ma inalienabilità: “La vita dell'uomo è inalienabile”;

6) Atto impuro è quello che mina o viola o lede o limiti il diritto dell'uomo e della donna: “È anticostituzionale e punibile qualsiasi arbitrio che violi o limiti il diritto dell'uomo, a prescindere da chi lo compie”;

7) Nessuna proprietà egoistica, ma socializzazione: “È dovere di ognuno porgere aiuto agli altri nel pericolo e partecipare solidalmente con gli altri alla rimozione del generale pericolo”;

8) Nessuna falsa testimonianza poiché: “E' vietata e punibile ogni estorsione di confessioni o dichiarazioni”;

9) La libertà ed il desiderio sono garanti, così come la tutela nel matrimonio, inteso come concezione giuridica, autonoma e protetta dalla Costituzione : “Si contrae validamente il matrimonio mediante il libero consenso delle persone che lo stipulano davanti al competente organo"; 

10) Cosa è la roba? Chi sono gli altri? Quale roba d'altri?: “A parità di condizioni, e proporzionalmente alla proprie possibilità materiali, ognuno ha il dovere di contribuire al soddisfacimento dei bisogni sociali generali”.

Principi sublimi, avanzatissimi, degni delle migliori Costituzioni democratiche e sociali del secolo turbolento appena superato, superato dalla modernità, una modernità che inganna e ripudia ogni principio di comunità, solidarietà. Principi proletari, del popolo, per il popolo, fatti propri con il popolo nella Jugoslavia, fatta cadere perché alle porte d'Europa capitale, non doveva esistere la speranza ed il sogno di un mondo diverso e possibile. E fischia la bora, senza mai ululare. Il vento della speranza ed il foglio con i dieci comandamenti di Tito una volta raccolti, verranno ancora seminati, per l'immediato avvenire, per l'umanità, quella che nuoce al selvaggio capitalismo. E non chiamatelo eudemonismo e neanche beatitudine, ma semplicemente comunismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …