Passa ai contenuti principali

I Dieci comandamenti di Tito


Un foglio volante, in un sospiro di Bora, in una notte qualunque. Ma non sarà un foglio qualunque. Non sarà più una notte qualunque. A pochi passi da dove si formò, per volere umano, per spirito di fratellanza, sorellanza, di solidarietà, tra italiani e sloveni, uomini e donne, giovane, giovanissima generazione ribelle e rivoluzionaria, la brigata proletaria, sulle prime alture di Selz, cuore della dignità e della resistenza, raccolsi quel foglio illuminato dal chiarore di una luna, faro di civiltà. Vi era scritto, i Dieci comandamenti di Tito e leggerai d'un fiato solo ma non solitario...

1) Non ci sarà nessun dio, nessuna divinità, né fuori  dentro di me, ma l'onnipotenza laica dell'uguaglianza e leggerai: “I cittadini sono uguali nei diritti e nei doveri, indipendentemente dalla nazionalità, dalla razza, dal sesso, dalla lingua, dalla fede religiosa, dal grado di istruzione e dalla condizione sociale”;

2) Non essendoci alcun dio, pur riconoscendosi il diritto di predicare e praticare la propria religione ma senza che questa eserciti alcuna minima ingerenza nella cosa pubblica e possa marciare per far marcire la laicità, si leggerà: “Si garantisce la libertà di pensiero e di scelta”;

3) Nessuna santificazione o consacrazione ad alcuna divinità, ma viva partecipazione nella comunità e dunque: “È diritto e dovere del cittadino partecipare all'autodifesa sociale”;

4) Padre e madre, sciolti nella simbiosi della Costituzione e per essere onorata e rispettata chiama ed invoca e garantisce la partecipazione: "È diritto e dovere dei lavoratori e dei cittadini di promuovere l'iniziativa per tutelare la legittimità costituzionale e legislativa";

5) La vita dell'essere umano nella indeterminatezza del suo valore, non può aver alcuno valore, nessun prezzo, ma inalienabilità: “La vita dell'uomo è inalienabile”;

6) Atto impuro è quello che mina o viola o lede o limiti il diritto dell'uomo e della donna: “È anticostituzionale e punibile qualsiasi arbitrio che violi o limiti il diritto dell'uomo, a prescindere da chi lo compie”;

7) Nessuna proprietà egoistica, ma socializzazione: “È dovere di ognuno porgere aiuto agli altri nel pericolo e partecipare solidalmente con gli altri alla rimozione del generale pericolo”;

8) Nessuna falsa testimonianza poiché: “E' vietata e punibile ogni estorsione di confessioni o dichiarazioni”;

9) La libertà ed il desiderio sono garanti, così come la tutela nel matrimonio, inteso come concezione giuridica, autonoma e protetta dalla Costituzione : “Si contrae validamente il matrimonio mediante il libero consenso delle persone che lo stipulano davanti al competente organo"; 

10) Cosa è la roba? Chi sono gli altri? Quale roba d'altri?: “A parità di condizioni, e proporzionalmente alla proprie possibilità materiali, ognuno ha il dovere di contribuire al soddisfacimento dei bisogni sociali generali”.

Principi sublimi, avanzatissimi, degni delle migliori Costituzioni democratiche e sociali del secolo turbolento appena superato, superato dalla modernità, una modernità che inganna e ripudia ogni principio di comunità, solidarietà. Principi proletari, del popolo, per il popolo, fatti propri con il popolo nella Jugoslavia, fatta cadere perché alle porte d'Europa capitale, non doveva esistere la speranza ed il sogno di un mondo diverso e possibile. E fischia la bora, senza mai ululare. Il vento della speranza ed il foglio con i dieci comandamenti di Tito una volta raccolti, verranno ancora seminati, per l'immediato avvenire, per l'umanità, quella che nuoce al selvaggio capitalismo. E non chiamatelo eudemonismo e neanche beatitudine, ma semplicemente comunismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…