Passa ai contenuti principali

Una, dieci, cento maschere contro il CIE di Gradisca



La maschera può essere il simbolo di quel legame e catena che condiziona l'identità dell'individuo mutando la sua libertà di essere in libertà di non essere, oppure un velo che che vuol annientare le differenze sociali, umane, per unire, tramite la protezione di quel misterioso  oggetto che è anche soggetto plastificato, l'umanità, siamo tutti uguali nell'essere umani, ma siamo tutti differenti nel vivere la vita sempre più disumana.
Non mi son mai piaciute le maschere, ho sempre vissuto la maschera con senso di inquietudine, però vi sono dei momenti in cui la maschera rappresenta meglio di ogni parola o scritto l'essenza che vuoi o vorresti comunicare e contrastare.
Una maschera, un prato verde, bandiere nere e rosso e nere, persone, chi con la divisa chi senza divisa che si fronteggiano per un maledetto muro.
Un muro alto, grigio come il cielo di questo giugno, un cancello automatico, un lampeggiante, e provi ad intravedere con lo sguardo fugace cosa si cela oltre quel confine.
Il Cie ed il Cara.
Sigle che sono anche sostanza di repressione ed oppressione legalitaria.
Persone che attendono di essere “identificate” nel primo caso, persone richiedenti asilo politico nel secondo caso.
Senza carta e bolli non puoi essere , ma solo sognare di essere o illuderti che sarai.
La clandestinità è l'effetto collaterale della cittadinanza, per come strutturata.
Certo, siam tutti figli e figlie dello stesso cielo e mare, ma per le regole della società, che mutano e ribaltano il senso della natura delle cose, non potrai mai essere figlio o figlia dello stesso cielo e mare, sarai solo un clandestino e come tale dovrai essere punito, perché tu, simbolo, dovrai essere l'esempio per tutti quelli che osano oltrepassare mari e deserti per sfiorare l'Italia.
Eppure questi luoghi sono stati dimenticati da buona parte della così detta società civile che lotta.
Certo, con le dovute differenze.
Vi sono ancora oggi associazioni, realtà, che lottano e contrastano tal sistema, ma la politica rappresentativa di se stessa ignora ciò che ha edificato, nonostante i Medici Per i Diritti Umani”abbiano certificato “condizioni di vita inumane, peggiori di quelle delle carceri”all'interno dei vari CIE sparsi per l'Italia. A tal proposito suggerisco di leggere un documento pubblicato su infoaction (http://www.info-action.net/attachments/article/2062/CIEdossier.pdf)

Ma vi sono persone che non dimenticano, come scritto poc'anzi. Prima una iniziativa in città e qualche giorno dopo proprio innanzi a quelle mura, organizzata dal gruppo germinal di Trieste e diverse realtà.
Uomini in divisa e uomini e donne senza divisa. Chi difende quelle mura, chi lotta contro quelle mura. E dentro persone con la maschera imposta dalla legge che inibisce ogni libertà di essere. Una performance del Living Theatre , fili color arancio, tuta nera, passi robotizzati, urla e dolore e poi l'unione.
Via quelle maschere.
Siamo uomini e donne, figli dello stesso cielo e dello stesso mare.

alcune foto del presidio del primo giugno 2013  al Cie di Gradisca




Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone