Passa ai contenuti principali

Una risposta a questo post: Il MoVimento 5 Stelle non è di sinistra (e neppure di destra)



L'indifferenza vi seppellirà e senza risata, scrivevo in passato.
Ma per impulso emotivo, ora la sospendo questa strana ma comprensibile indifferenza, ci sono limiti e limiti, e qui ogni giorno si provoca. D'altronde si alza il tiro per attirare l'attenzione altrimenti regna sovrano il buio e Grillo ben è consapevole che l'indifferenza sarà la fine per il suo movimento. Dunque pur nella consapevolezza di ciò, se ora scrivo quel che scrivo è solo per indurre alla riflessione ed alla giusta comprensione quelle persone che sono stata attratte dal bagliore senza guardar la fonte e l'essenza di tale misera luce. Una luce destinata a spegnersi presto.
Sul Blog di Grillo viene pubblicato il seguente Post: Il MoVimento5 Stelle non è di sinistra (e neppure di destra).

E' singolare notare come il non è di sinistra non sia incluso in alcuna parentesi.
E' altresì facile liquidare il tutto con una sorta di populismo di stampo fascista.
Ed allora veniamo al dunque del "Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?" Mi soffermerò solo su alcune frasi di questo Post di Grillo.

Essere un po' razzisti è di destra,
far entrare chiunque in Italia invece è di sinistra
, scrive Grillo, ebbene essere un po' razzisti vuol dire essere razzisti far entrare chiunque cosa vuol dire? Dietro quel chiunque si celano persone, esperienze di vita, vita. Forse ha dimenticato quello che hanno vissuto gli italiani in America, liquidati tutti come mafiosi o ignoranti, ma non si può generalizzare, non si può fare con tutto il fieno lo stesso covone, generalizzare è sintomo di ignoranza e viltà verso la vita umana.

la prescrizione accelerata è di destra
il giustizialismo verso gli avversari è di sinistra
scrive Grillo.

Prescrizione accelerata, la giustizia esistente è ingiusta, perché la sovranità non è del Popolo ma di chi Governa e chi Governa è e non può che essere artefice del capitalismo italiano e la giustizia risponde a questo principio. Il giustizialismo cos'è? Chi criticava il giustizialismo in Italia erano i mafiosi e questo termine viene introdotto in Italia proprio contro i nascenti maxi-processi contro la mafia. Ma come scritto in precedenza nessuna giustizia è possibile in tal sistema perché la madre ed il padre della giustizia  invocata sono ingiustizia, sono capitalismo.

Il clandestino è di sinistra
il nazionalismo esasperato è di destra.

Scrive che il clandestino è di sinistra. L'essere clandestino è una condizione figlia delle leggi esistenti, il problema è la cittadinanza e tutto ciò che vi è correlato. Dietro l'essere clandestino si celano disperazione e sfruttamento e schiavitù e liquidarlo in tal modo è a dir poco meschino.
Il nazionalismo esasperato è di destra. Perché esiste un nazionalismo buono ed uno cattivo? Che il M5s sia un movimento nazionalista e capitalista mi pare evidente, e questo accentuare il carattere dell'esasperato, conferma tale tesi, nazionalisti sì, ma non esasperati.

Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Una bella minestrina Ogm è di destra
il cemento sopra un campo di grano è sempre di sinistra

Certo, sull'OGM e sul cemento sul campo di grano nulla da eccepire, così come vorrei sentire le stesse critiche sull'abuso del fotovoltaico o dell'eolico che ha devastato terreni, ambiente e paesaggi.

Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
I matrimoni omosessuali sono una bandiera di sinistra
le puttane a pagamento sono più che mai di destra


Cosa vuol dire che i matrimoni omosessuali sono una bandiera di sinistra? Sono una bandiera della civiltà non certamente di una corrente politica, così come le puttane a pagamento sono più che mai di destra. Anche qui si dovrebbe ragionare su cosa voglia significare essere puttana, su cosa si cela dietro l'essere puttana e sulle modalità di liquidazione dell'essere puttana in quattro battute volgari.

L'ideologia, l'ideologia
non credo ancora che ci sia
è un paravento per fottere la gente
, scrive Grillo.

A dire il vero l'ideologia incute timore semplicemente perché è critica, è pensiero, è eresia verso il dogma imposto dall'ordine sociale, economico, politico determinato dal potere è eresia vero il capitalismo. E d'altronde mai un pensiero anticapitalista è stato espresso in tale post, ora commentato, ed un motivo ci sarà. L'ideologia è consapevolezza. L'ideologia è la minaccia e non una semplice minaccia per il potere. Una minaccia che rischia di contrastare e porre in discussione il dogma imposto anche dalla sola voce del padrone.

Insomma è vero che destra e sinistra istituzionale, oggi giorno voglion dire tutto e nulla, ed infatti io non sono né di destra né di sinistra ma semplicemente me stesso, rifiuto l'etichetta e l'omologazione ma per intenderci il mio pensiero è anticapitalista e anarcocomunista, un pensiero non compatibile con la linea politica ed il pensiero del M5S e chiunque sia comunista, anticapitalista, anarchico, nel nome della coerenza, non può essere compatibile con il M5S governato da Grillo, né dovrebbe collaborare con questa forza politica, questo è ciò che penso.



Marco Barone








Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…