Passa ai contenuti principali

Scuola: dal 1° settembre No soldi Sì stato di agitazione



In questi giorni, nella quasi totalità delle scuole italiane, è in corso la contrattazione integrativa.
Ciò è dovuto in via quasi prevalente al fatto che solo da poche settimane alle scuole sono state erogate da parte dello Stato le somme di danaro finalizzate a garantire la solidità del famigerato fondo di istituto, noto come FIS ma anche del MOF.
Somme, ridotte rispetto al passato, per i noti tagli che hanno colpito in modo pesante la scuola pubblica e per soddisfare il pagamento degli scatti di anzianità per coloro che li hanno maturati sino al 31 dicembre 2011.
Dunque,ora potranno essere retribuite tutte quelle attività aggiuntive, gli incarichi specifici, tutte quelle attività non obbligatorie ma facoltative per il personale scolastico che si è prestato, per variegati motivi, all'esercizio di prestazioni professionali, senza avere la certezza di essere retribuito.
Spesso sono stati assegnati verbalmente incarichi specifici, in palese violazione di ogni buon senso e normativa esistente, deliberate e svolte attività aggiuntive senza sapere se e quando queste sarebbero state retribuite.
Accade anche questo, già.
Il pensiero dominante era ma sì tanto vedrai che i soldi arriveranno. Alla fine i soldi, anche se in misura minore, dopo migliaia di peripezie sono arrivati, ma l'anno prossimo non è detto che sarà così, anzi dalla lettura del DEF 2013 sembra di capire che i tagli continueranno.
Non entro nel merito del FIS, di ciò che rappresenta e su cosa ha comportato nel corso del tempo all'interno della scuola, ma devo annotare un fatto significativo.
Se fino a qualche anno addietro, quando si proponeva la distribuzione a pioggia del FIS, come una sorta di quattordicesima a favore del personale scolastico, si registravano irrigidimenti puri da chi difende quell'istituto in prevalenza per conferire un senso vero e proprio alla RSU nella scuola, ora, come ho verificato in prima persona in diversi momenti assembleari, ti sentirai dire, sarebbe bello, sarebbe giusto ma non si può. Certamente ciò è un passo in avanti, rispetto all'irrigidimento puro, che deve indurre alla riflessione.
Ma quello che ho percepito, quello che è emerso in diverse assemblee con il personale scolastico è che se dal primo settembre 2013 non vi sarà la certezza assoluta di vedere le somme assegnate al FIS e MOF di vedere le attività ivi correlate retribuite, nessuna attività facoltativa ed aggiuntiva verrà svolta.
Il MIUR ciò lo deve sapere, le avvisaglie ci sono tutte. La dirigenza scolastica, che proprio grazie allo strumento del FIS, ha visto delegare molte delle sue funzioni a diversi collaboratori, coordinatori e così via dicendo, con l'aumento delle reggenze, con le politiche di accorpamento delle scuole, avrà enormi problemi nel gestire la macchina scuola.
Una macchina che ha maturato consapevolezza sulla dignità, sul fatto che così avanti non si può proprio più andare.
E le scuole rischieranno la paralisi, giusta e comprensibile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…