Passa ai contenuti principali

Nel portale della Regione FVG non esiste la parola omosessualità



pubblicato su bora.la

L'omofobia, a parer mio, è l’avversione non immotivata ed irrazionale, ma motivata e razionale, alle persone omosessuali. Una società sarà liberà di essere comunità solo quando affonderà nelle acque dell'oceano della memoria perduta quel sentimento di odio razionale perché figlio di un'idea pensata e coltivata e motivato perché figlio della peggiore ignoranza di stato che alimenta ogni fobia verso l'individuo. L'omofobia non è una malattia ma è uno stato pregiudiziale fomentato da falsi valori conservatori e tradizionali e pregiudiziali, il cui unico scopo è preservare quel potere secolare che arde ogni speranza di umanità fomentando ogni discriminazione. Con l’etichetta “discriminazione per orientamento sessuale e per identità di genere” si intende, condividendo quanto scritto da Taurino in Psicologia della differenza di genere, “quell’insieme di stereotipi, rappresentazioni, pregiudizi emotivi e comportamenti orientati a determinare processi di esclusione, condanna, stigmatizzazione, allontanamento, negazione, violenza, nei confronti di ciò che non è inquadrabile nei modelli dominanti di orientamento sessuale e di identità di genere.”

In Friuli Venezia Giulia la situazione, in tal campo, a volte incolto a volte colto, è variegata. Per esempio a Trieste il 17 dicembre 2012 è partita la campagna «Si va DIRITTI all’amore», promossa dal Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica sugli autobus di Trieste per superare l’omofobia e la transfobia, con il patrocinio di Comune e Provincia di Trieste. Ma pochi giorno dopo le autorità locali vietavano un presidio contro le dichiarazioni omofobe del Papa sotto la curia di Trieste per motivi di ordine pubblico. Il 2013 non iniziava sotto buoni auspici, la curia triestina giudica il patrocinio del Comune di Trieste, alla campagna del Circolo Arcobaleno“molto spiacevole” perché «lo scopo è di far passare l’idea che tutte le famiglie, comprese quelle omosessuali, sono famiglie»... Ma la risposta non si è fatta attendere. Il 12 gennaio - i liberi cittadini di Trieste parteciperanno ad una importante manifestazione in via Cavana sotto la curia...E da questa situazione nascerà, su un mio testo, una canzone, il diritto e il rovescio, un video, per quella voglia di andare oltre per osare la libertà, la dignità contro ogni omofobia, che è stato pubblicato anche su bora.la ripreso dalla Rai Regionale e sul sito nazionale dell'Arcigay.

Il Comune di Trieste ha aderito alla rete nazionale RE.A.DY. contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Ma tale adesione, avvenuta a marzo 2013, non è stata una notizia per esempio, per la stampa locale. Diversamente da come accaduto a Udine o quando la stessa Provincia di Gorizia ha aderito alla medesima carta di intenti.
Ma il Comune di Trieste e la Provincia, per la prima volta, hanno voluto organizzare, chiedendo la collaborazione al Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica di Trieste, un’articolata serie di iniziative istituzionali per la giornata mondiale contro l’omofobia per il 2013. Fatti certamente significativi, come significative sono le iniziative anche extra-istituzionali realizzate in Regione, penso per esempio al recente Convegno nazionale contro l'Omofobia, organizzato dal CESP di Trieste ed Arcigay ed Arcilesbica. Il coinvolgimento delle istituzioni è fondamentale, non tanto per una questione di apparenza, o di simboli, ma perché nel momento in cui le realtà istituzionali si prestano a contrastare l'omofobia la transfobia, anche con la sola adozione di meri atti formali, il messaggio che passa alla collettività è certamente rilevante anche se non sufficiente.

Ma devo constatare, che facendo una ricerca sul Portale della Regione Emilia Romagna, all'avanguardia su questa tematica, alla parola omosessualità corrispondono 127 voci nel motore di ricerca, gay 75, omofobia 67, transfobia 2, lgbt 43,Orientamento sessuale e identità di genere 165, mentre, tutte queste parole chiavi seguite da specifici contenuti, salvo quella identità di genere dove risulta una sola voce, invece, nel portale della Regione del FVG, sono praticamente inesistenti. Certamente si deve ricordare che la Regione Friuli-Venezia-Giulia contrasta la discriminazione determinata da orientamento sessuale o identità di genere in diverse sedi della propria legislazione. Cito per esempio La l.r. 1 dicembre 2006, n. 25, “Sviluppo della rete bibliotecaria regionale, tutela e valorizzazione delle biblioteche e valorizzazione del patrimonio archivistico” assegna alla biblioteca pubblica dell’ente locale il compito di sviluppare una “cultura democratica e di pace, garantendo uguaglianza di accesso alle conoscenze e alle opinioni, indipendentemente dalla razza, nazionalità, religione, cultura, idea politica, età, limiti di apprendimento, sesso o orientamento sessuale degli utenti.” La l.r. n. 12 del 23 maggio 2007 -“Promozione della rappresentanza giovanile, coordinamento e sostegno delle iniziative a favore dei giovani” la quale stabilisce che le politiche giovanili devono mirare a “riconoscere le pari opportunità, anche con attenzione al rispetto tra i generi e dell’orientamento sessuale al fine prevenire discriminazioni e violenze.”

Però una legge vera e propria contro l'omofobia e transfobia, a livello regionale, pur essendo Regione a Statuto Speciale, non esiste. Infatti, l' Arcigay del FVG ha proposto , durante le recenti elezioni, ai candidati alla Regione FVG, una bozza di legge regionale contro le discriminazioni sessuali . Il Primo articolo è così formulato:” La Regione Friuli Venezia Giulia adotta, in attuazione dell’articolo 3 della Costituzione, politiche finalizzate a consentire a ogni persona la libera espressione e manifestazione del proprio orientamento sessuale o della propria identità di genere e promuove il superamento delle situazioni di discriminazione."


per vedere il video il diritto e il rovescio: http://www.youtube.com/watch?v=8hqeLha4G3M

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …