Passa ai contenuti principali

Nel portale della Regione FVG non esiste la parola omosessualità



pubblicato su bora.la

L'omofobia, a parer mio, è l’avversione non immotivata ed irrazionale, ma motivata e razionale, alle persone omosessuali. Una società sarà liberà di essere comunità solo quando affonderà nelle acque dell'oceano della memoria perduta quel sentimento di odio razionale perché figlio di un'idea pensata e coltivata e motivato perché figlio della peggiore ignoranza di stato che alimenta ogni fobia verso l'individuo. L'omofobia non è una malattia ma è uno stato pregiudiziale fomentato da falsi valori conservatori e tradizionali e pregiudiziali, il cui unico scopo è preservare quel potere secolare che arde ogni speranza di umanità fomentando ogni discriminazione. Con l’etichetta “discriminazione per orientamento sessuale e per identità di genere” si intende, condividendo quanto scritto da Taurino in Psicologia della differenza di genere, “quell’insieme di stereotipi, rappresentazioni, pregiudizi emotivi e comportamenti orientati a determinare processi di esclusione, condanna, stigmatizzazione, allontanamento, negazione, violenza, nei confronti di ciò che non è inquadrabile nei modelli dominanti di orientamento sessuale e di identità di genere.”

In Friuli Venezia Giulia la situazione, in tal campo, a volte incolto a volte colto, è variegata. Per esempio a Trieste il 17 dicembre 2012 è partita la campagna «Si va DIRITTI all’amore», promossa dal Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica sugli autobus di Trieste per superare l’omofobia e la transfobia, con il patrocinio di Comune e Provincia di Trieste. Ma pochi giorno dopo le autorità locali vietavano un presidio contro le dichiarazioni omofobe del Papa sotto la curia di Trieste per motivi di ordine pubblico. Il 2013 non iniziava sotto buoni auspici, la curia triestina giudica il patrocinio del Comune di Trieste, alla campagna del Circolo Arcobaleno“molto spiacevole” perché «lo scopo è di far passare l’idea che tutte le famiglie, comprese quelle omosessuali, sono famiglie»... Ma la risposta non si è fatta attendere. Il 12 gennaio - i liberi cittadini di Trieste parteciperanno ad una importante manifestazione in via Cavana sotto la curia...E da questa situazione nascerà, su un mio testo, una canzone, il diritto e il rovescio, un video, per quella voglia di andare oltre per osare la libertà, la dignità contro ogni omofobia, che è stato pubblicato anche su bora.la ripreso dalla Rai Regionale e sul sito nazionale dell'Arcigay.

Il Comune di Trieste ha aderito alla rete nazionale RE.A.DY. contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Ma tale adesione, avvenuta a marzo 2013, non è stata una notizia per esempio, per la stampa locale. Diversamente da come accaduto a Udine o quando la stessa Provincia di Gorizia ha aderito alla medesima carta di intenti.
Ma il Comune di Trieste e la Provincia, per la prima volta, hanno voluto organizzare, chiedendo la collaborazione al Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica di Trieste, un’articolata serie di iniziative istituzionali per la giornata mondiale contro l’omofobia per il 2013. Fatti certamente significativi, come significative sono le iniziative anche extra-istituzionali realizzate in Regione, penso per esempio al recente Convegno nazionale contro l'Omofobia, organizzato dal CESP di Trieste ed Arcigay ed Arcilesbica. Il coinvolgimento delle istituzioni è fondamentale, non tanto per una questione di apparenza, o di simboli, ma perché nel momento in cui le realtà istituzionali si prestano a contrastare l'omofobia la transfobia, anche con la sola adozione di meri atti formali, il messaggio che passa alla collettività è certamente rilevante anche se non sufficiente.

Ma devo constatare, che facendo una ricerca sul Portale della Regione Emilia Romagna, all'avanguardia su questa tematica, alla parola omosessualità corrispondono 127 voci nel motore di ricerca, gay 75, omofobia 67, transfobia 2, lgbt 43,Orientamento sessuale e identità di genere 165, mentre, tutte queste parole chiavi seguite da specifici contenuti, salvo quella identità di genere dove risulta una sola voce, invece, nel portale della Regione del FVG, sono praticamente inesistenti. Certamente si deve ricordare che la Regione Friuli-Venezia-Giulia contrasta la discriminazione determinata da orientamento sessuale o identità di genere in diverse sedi della propria legislazione. Cito per esempio La l.r. 1 dicembre 2006, n. 25, “Sviluppo della rete bibliotecaria regionale, tutela e valorizzazione delle biblioteche e valorizzazione del patrimonio archivistico” assegna alla biblioteca pubblica dell’ente locale il compito di sviluppare una “cultura democratica e di pace, garantendo uguaglianza di accesso alle conoscenze e alle opinioni, indipendentemente dalla razza, nazionalità, religione, cultura, idea politica, età, limiti di apprendimento, sesso o orientamento sessuale degli utenti.” La l.r. n. 12 del 23 maggio 2007 -“Promozione della rappresentanza giovanile, coordinamento e sostegno delle iniziative a favore dei giovani” la quale stabilisce che le politiche giovanili devono mirare a “riconoscere le pari opportunità, anche con attenzione al rispetto tra i generi e dell’orientamento sessuale al fine prevenire discriminazioni e violenze.”

Però una legge vera e propria contro l'omofobia e transfobia, a livello regionale, pur essendo Regione a Statuto Speciale, non esiste. Infatti, l' Arcigay del FVG ha proposto , durante le recenti elezioni, ai candidati alla Regione FVG, una bozza di legge regionale contro le discriminazioni sessuali . Il Primo articolo è così formulato:” La Regione Friuli Venezia Giulia adotta, in attuazione dell’articolo 3 della Costituzione, politiche finalizzate a consentire a ogni persona la libera espressione e manifestazione del proprio orientamento sessuale o della propria identità di genere e promuove il superamento delle situazioni di discriminazione."


per vedere il video il diritto e il rovescio: http://www.youtube.com/watch?v=8hqeLha4G3M

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…