Passa ai contenuti principali

Un calcolo matematico per prevedere i reati e disordini, a Trento è realtà





Verrebbe da dire, roba da matrix, eppure il passo dalla fantascienza alla realtà è breve. Il progetto eSecurity - ICT for knowledge-based and predictive urban security realizzato con l'Università di Trento la Fondazione Bruno Kessler, la Polizia di Stato e la collaborazione del Comune di Trento e finanziato dall'UE, ha lo scopo di prevedere i reati, gestire il disordine e l' insicurezza in città. Sul sito della Polizia di Stato si legge che “Partendo dall'assunto che i reati tendono a concentrarsi in luoghi specifici e in particolari archi temporali, il progetto intende utilizzare i dati sui reati forniti dalle forze dell'ordine per costruire un modello matematico. Da qui la possibilità di prevenire i fenomeni criminali basandosi su calcoli probabilistici: in questo modo sarà possibile razionalizzare le risorse a disposizione delle forze dell'ordine con interventi più mirati.”

Si utilizzeranno diverse variabili ambientali come il livello dell’illuminazione nei diversi quartieri, la situazione climatica o dell’inquinamento nell’area cittadina, i numeri relativi all’utilizzo dei trasporti pubblici o ulteriori informazioni socio-demografiche rilevanti. Il sistema eSecurity cercherà non solo di prevedere il “dove” e il “quando” avverranno alcune forme di criminalità e disordini sul territorio,con un maggiore grado di precisione rispetto al livello raggiunto dalle attuali esperienze di “polizia predittiva”, ma anche di capire il “perché” si verifichino tali crimini, forme di disordine e manifestazioni di insicurezza da parte della popolazione. La diffusione delle telecamere, sia nei mezzi di trasporto pubblico che nelle città, certamente aiuterà la tecnologia del sistema a perfezionare il sistema di controllo sociale.
Ciò deve indurre chiaramente alla riflessione, un calcolo matematico riuscirà a prevedere i disordini sociali che derivano per esempio dalle situazioni di crisi? La mente umana è così prevedibile? D'altronde facebook, twitter, internet hanno avuto nel tempo anche questo scopo, se da un lato sono diventati necessari per diffondere informazioni o pseudo-informazioni, dall'altro sono diventati anche forma di droga, ove il proprio ego trova la massima realizzazione.

L'Italia è caratterizzata da una nota ciclicità degli eventi sociali, alcuni trovano puntualmente realizzazione simbolica e strumentale in periodo elettorale per ovvi fini politici, altri in prossimità delle solite stagioni, autunno caldo, primavera calda, cosa che accade da decenni, e sarebbe triste vedere rappresentato il tutto con un click del computer, ma ciò non deve neanche stupire, abitudini sociali di pseudo-conflitto. Ma i processi di lotta e di disordine sociale, veri, che in Italia ancora non hanno trovato luogo, perchè l'Italia mai ha vissuto una vera rivoluzione, non possono essere calcolati, basta un niente, un niente che ad oggi è il nulla,per far esplodere la bolla della rabbia, ma se il computer analizzerà i dati storici italiani probabilmente tranquillizzerà il grande controllore, perché, come scritto, l'Italia non è Paese per rivoluzioni. Prevedibilità del conflitto, dei disordini, della criminalità, che società meccanica ed automatizzata e forse inconsapevolmente robotizzata.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto