Passa ai contenuti principali

Si vota anche per Pieve di Cadore in FVG



Il Veneto sarà caratterizzato da due importanti referendum, il 21 e 22 aprile infatti si voterà per sancire o meno il passaggio di Taibon Agordino al Trentino Alto Adige e Pieve di Cadore al Friuli Venezia Giulia.
Voglio soffermarmi su alcune particolarità che già connotano una certa vicinanza di Pieve di Cadore al FVG.

Piccola cittadina, attualmente in provincia di Belluno, nota per aver dato in natali a Tiziano che Ludovico Ariosto, nell'Orlando furioso, in questo modo citava «Tizian, ch'onora non men Cador, che quei Venezia e Urbino » che già, nella sua storia ha avuto rapporti con il Friuli, con il dominio “feudale” del Patriarcato sul Cadore sino al 1420 anche se a dire il vero l'autorità ecclesiastica rimase dipendente alla diocesi di Udine sino al 1846. E' interessante notare come una connessione al Friuli Venezia Giulia emerga anche in relazione ai fatti che hanno riguardato due note persone, come Roberto Menia,nato proprio a Pieve di Cadore, che veniva eletto nella circoscrizione del FVG come parlamentare tra le file del PDL nel 2008 e famoso per essere il promotore del giorno del ricordo ed in particolar modo per la vicenda della partigiana Renata, ovvero Paola Del Din nata anche lei a Pieve di Cadore. Nel 2005, al 60° anniversario della Liberazione ad Udine, la partigiana medaglia d'oro, venne duramente contestata, per aver detto: «pur non avendone fatto parte, io non mi sono mai sentita di esprimere un giudizio negativo su Gladio».

Nel maggio del 2005, FI, UDC, LN, AN proposero al Consiglio Regionale del FVG un documento di solidarietà, ove si ricordava che “Nel sessantesimo anno della Liberazione dal nazifascismo è giusto ricordare tutti i soggetti, tutte le persone e le organizzazioni che contribuirono al ripristino della democrazia nel nostro Paese e a fondare così l’Italia repubblicana. In tale contesto il Consiglio regionale esprime:solidarietà alla signora Paola Del Din per le contestazioni subite il 25 aprile 2005 nel corso della manifestazione tenutasi a Udine”

Paola Del Din nel gennaio del 2010 a Trieste partecipava anche, presso la sede della Lega Nazionale,storica associazione che vive e lavora nella difesa dell'italianità di Trieste e di tutta la Venezia Giulia,in qualità di relatrice, alla presentazione del libro “Gladio. Storia di finti complotti e di veri patrioti” e dove la Del Din, in base alla testimonianza riportata sul sito nuova alabarda dichiarava “di essere socia da sempre della Lega Nazionale".

Vi saranno particolarità storiche e culturali ed affinità con il Friuli, ma specialmente motivi economici, visto lo status di Regione a Statuto Speciale che caratterizza il Friuli Venezia Giulia, a spingere la popolazione a pronunciarsi sul sì o sul no al referendum del 21 e 22 aprile, dunque il FVG potrà avere un nuovo Comune, dalla storia rilevante, dal paesaggio splendido, ove si potrà osservare la cascata del Pissandro od inseguire la lunga Via delle Dolomiti, visitare il Museo dell'occhiale, la chiesa Arcidiaconale, il Palazzo della Magnifica Comunità o la casa natale di Tiziano Vecellio che è anche monumento nazionale, ma una cosa deve esser detta, non mi pare di aver notato salti di gioia in FVG per questa iniziativa intrapresa a Pieve di Cadore, perchè?

*** aggiornamento
su 3.555 aventi diritto, solo in 779 (404 femmine e 375 maschi) si sono recati ai seggi: il 21,91% dell’elettorato locale, dunque non raggiunto il quorum.


Commenti

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…