Passa ai contenuti principali

Si vota anche per Pieve di Cadore in FVG



Il Veneto sarà caratterizzato da due importanti referendum, il 21 e 22 aprile infatti si voterà per sancire o meno il passaggio di Taibon Agordino al Trentino Alto Adige e Pieve di Cadore al Friuli Venezia Giulia.
Voglio soffermarmi su alcune particolarità che già connotano una certa vicinanza di Pieve di Cadore al FVG.

Piccola cittadina, attualmente in provincia di Belluno, nota per aver dato in natali a Tiziano che Ludovico Ariosto, nell'Orlando furioso, in questo modo citava «Tizian, ch'onora non men Cador, che quei Venezia e Urbino » che già, nella sua storia ha avuto rapporti con il Friuli, con il dominio “feudale” del Patriarcato sul Cadore sino al 1420 anche se a dire il vero l'autorità ecclesiastica rimase dipendente alla diocesi di Udine sino al 1846. E' interessante notare come una connessione al Friuli Venezia Giulia emerga anche in relazione ai fatti che hanno riguardato due note persone, come Roberto Menia,nato proprio a Pieve di Cadore, che veniva eletto nella circoscrizione del FVG come parlamentare tra le file del PDL nel 2008 e famoso per essere il promotore del giorno del ricordo ed in particolar modo per la vicenda della partigiana Renata, ovvero Paola Del Din nata anche lei a Pieve di Cadore. Nel 2005, al 60° anniversario della Liberazione ad Udine, la partigiana medaglia d'oro, venne duramente contestata, per aver detto: «pur non avendone fatto parte, io non mi sono mai sentita di esprimere un giudizio negativo su Gladio».

Nel maggio del 2005, FI, UDC, LN, AN proposero al Consiglio Regionale del FVG un documento di solidarietà, ove si ricordava che “Nel sessantesimo anno della Liberazione dal nazifascismo è giusto ricordare tutti i soggetti, tutte le persone e le organizzazioni che contribuirono al ripristino della democrazia nel nostro Paese e a fondare così l’Italia repubblicana. In tale contesto il Consiglio regionale esprime:solidarietà alla signora Paola Del Din per le contestazioni subite il 25 aprile 2005 nel corso della manifestazione tenutasi a Udine”

Paola Del Din nel gennaio del 2010 a Trieste partecipava anche, presso la sede della Lega Nazionale,storica associazione che vive e lavora nella difesa dell'italianità di Trieste e di tutta la Venezia Giulia,in qualità di relatrice, alla presentazione del libro “Gladio. Storia di finti complotti e di veri patrioti” e dove la Del Din, in base alla testimonianza riportata sul sito nuova alabarda dichiarava “di essere socia da sempre della Lega Nazionale".

Vi saranno particolarità storiche e culturali ed affinità con il Friuli, ma specialmente motivi economici, visto lo status di Regione a Statuto Speciale che caratterizza il Friuli Venezia Giulia, a spingere la popolazione a pronunciarsi sul sì o sul no al referendum del 21 e 22 aprile, dunque il FVG potrà avere un nuovo Comune, dalla storia rilevante, dal paesaggio splendido, ove si potrà osservare la cascata del Pissandro od inseguire la lunga Via delle Dolomiti, visitare il Museo dell'occhiale, la chiesa Arcidiaconale, il Palazzo della Magnifica Comunità o la casa natale di Tiziano Vecellio che è anche monumento nazionale, ma una cosa deve esser detta, non mi pare di aver notato salti di gioia in FVG per questa iniziativa intrapresa a Pieve di Cadore, perchè?

*** aggiornamento
su 3.555 aventi diritto, solo in 779 (404 femmine e 375 maschi) si sono recati ai seggi: il 21,91% dell’elettorato locale, dunque non raggiunto il quorum.


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…