Passa ai contenuti principali

Elezioni FVG “vince” il partito del non voto



pubblicato su bora.la
Ben 11 milioni sono stati i non votanti alle elezioni politiche del 2013, ed il FVG si pone in linea, con le Regionali del 2013, perfettamente con questo dato, non voto già anticipato, come segnale di allarme, con le elezioni Regionali siciliane ove solo solo il 47,4 % degli aventi diritto al voto si è recato alle urne.
In Friuli Venezia Giulia su un totale di 1.099.33 di elettori ed elettrici, solo il 50,48% di questi ha votato, ma a tale dato si devono aggiungere ben 18 mila voti non conteggiati, tra schede bianche e semplicemente nulle.
Prima di entrare nel merito della riflessione, darò altri numeri indicativi.
Nella circoscrizione di Trieste su 212 mila elettori hanno votato solo in 97 mila e Trieste registra l'affluenza più bassa con il 44,98%, Sgonico con 58,95% la più alta.
Nella circoscrizione di Gorizia su 119 mila elettori hanno votato solo in 63 mila, San Pier d'Isonzo con il 61,70% ha il dato delle affluenze più alto, il più basso è Cormons con il 49,07% .
Nella circoscrizione di Udine su circa 405 mila elettori hanno votato in 218 mila, con il 24,17% Drenchia è il Comune che registra l'affluenza più bassa mentre con il 61,63% Terzo di Aquileia quello con l'affluenza più alta. Nella circoscrizione di Pordenone con 277 mila elettori hanno votato solo in 138 mila, con il 27,23% Clauzetto è il Comune con l'affluenza più bassa ed è la più bassa registrata a livello regionale, mentre Fiume Veneto con il 64,57% ha il dato dell'affluenza più alta nella detta circoscrizione.
Ed infine Tolmezzo con 82 mila elettori ha visto una partecipazione attiva di soli 38 mila votanti.
Il primo partito è il non voto, questo è un dato di fatto.
Tutti i partiti, rispetto alle politiche nazionali hanno perso migliaia e migliaia di voti.
Certamente si parla di situazioni elettorali diverse, ma a parer mio sono significative, rilevato che probabilmente proprio gli eventi della politica nazionale sono stati anche determinanti nella scelta sul chi votare o non votare in FVG.
Il M5S non è risultato essere né il primo né il secondo partito in regione, contrariamente da come previsto, in modo erroneo a quanto pare, da Beppe Grillo, e rispetto alle politiche nazionali ha perso più di 90 mila voti, il PD ha vinto, tecnicamente, le elezioni per una manciata di voti, ma deve certamente riflettere sulla moria di voti che ha caratterizzato il partito rispetto alle politiche nazionali di soli due mesi addietro, oltre 70 mila voti in meno, stesso discorso per il PDL, che ha registrato una moria di voti simile.
Lega nord e SEL, mantengono ferma la media sul dato nazionale appena citato, mentre Un' altra Regione sfiora il 3%, ed i voti conseguiti sono certamente significativi così come significativi sono i motivi che hanno indotto i cittadini del FVG a non votare.
Questi motivi io li divido in quattro fattispecie.
La prima è la non fiducia nei confronti della politica e della rappresentanza istituzionale, sfiducia che è aumentata anche in relazione alla nota vicenda dei rimborsi elettorali.
La seconda è data dalla sfiducia verso l'Europa oggi esistente, perché chiunque andrà a governare non avrà mani libere, non avrà sovranità decisionale, dovrà sottostare ai voleri di quella Europa dell'austerità che ha fomentato, con le sue rigide politiche economiche e sociali, rabbia e senso di impotenza e rassegnazione.
La terza è la voglia di comunicare con quel non voto un segnale chiaro e preciso, no al capitalismo, no a questa società, no a questa democrazia perennemente imperfetta e sempre meno amata dai cittadini.
La quarta è data da situazioni più specifiche e particolari, ma che si inseriscono perfettamente all'interno di questo quadro, penso per esempio all'iniziativa del non voto attivo proposta dal Movimento Trieste Libera, che si batte per il territorio libero di Trieste, che ha certamente superato le 500 adesioni rispetto alle politiche nazionali.
Gli errori strategici ed i relativi irrigidimenti commessi dai partiti, tutti, sul campo della politica nazionale, come il non aver formato un governo ed essersi persi dietro la demagogia e la strategia politica e non aver adottato subito le misure che tutti si aspettano, che non riguardano l'anticasta, ma il lavoro prima di ogni cosa, aver eletto un Presidente della Repubblica nel modo in cui tutti conosciamo il come, il fatto che si avrà un governo tecno-politico non certamente desiderato dai cittadini, l'aver fatto trionfare nuovamente Berlusconi e più di ogni cosa il tempo perso, tempo burrascoso che ha visto l'Italia navigare in balia del vento della disperazione e di una crisi sociale, figlia di quella guerra in itinere all'interno del capitalismo, hanno certamente pesato anche nelle scelte effettuate dai cittadini del Friuli Venezia Giulia; una regione ove la partecipazione attiva al voto normalmente è stata sempre elevata.
I segnali ci sono tutti, il PD, che governerà la nostra Regione, e che avrà poco da festeggiare, non potrà essere miope a questi dati, a questi fatti e certamente avrà immense difficoltà ad adottare misure ed atti di una certa rilevanza, poiché manca la legittimazione popolare e politica, perché la metà dei cittadini è semplicemente stanca, sì, stanca di questo sistema politico, economico e sociale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …