Passa ai contenuti principali

Due piedi in due scarpe per il caso Fiat ed i licenziamenti che verranno



Spesso, per non dire di più, quando si cammina, qualsiasi sia la direzione, la strada percorsa, si guarda in basso per non incrociare lo sguardo altrui, per non guardare l'orizzonte, per non guardare ciò che hai davanti, per non mostrare forse la tua vera essenza di essere pregevole o spregevole come stampata con toner a getto di inchiostro nei tuoi occhi.

Osservi fugacemente le tue scarpe.
Due piedi in due scarpe.
Così dovrebbe forse essere la vita.
Nessuna presunzione di verità.
Nessun messia e missione.
Nessuna ribellione e rivoluzione.
Una semplice constatazione di fatto.
Pensi all'ipocrisia che ogni giorno violenta qualsiasi forma di intelligenza.
Una ipocrisia supportata dagli incappucciati che hanno tolto il cappuccio perché ora mostrano faccia, denti e sorrisi macabri ed humour senza umore umano.
19 lavoratori da reintegrare e 19 lavoratori collocati in mobilità.
Chiaro ed evidente ricatto alla democrazia non solo sindacale ma anche di questo maledetto Paese dal malefico capitalismo.
Ma accade che in territorio americano incombe l'elezione del futuro Presidente degli Stati Uniti d'America.
Ogni giorno ci bombardano con queste notizie.
D'altronde di che stupirsi? Siamo un feudo americano.
Ed accade che anche lui, l'uomo dell'anno dell'auto, diventa oggetto e soggetto dell'ultima comunicazione e campagna elettorale made in Usa, quella più importante.
Scopri anche che quell'uomo sarebbe di una specie di sinistra che vorrebbe anche governare l'Italia.
E caso vorrà che proprio quando il ricatto giungerà all'apice della sua realizzazione, tutto all'improvviso verrà avvolto da un cauto periodo di riflessione.
Mi sembra più che evidente che il solo ed unico e reale motivo che ha sospeso il certo licenziamento di quei lavoratori sia direttamente collegato alla campagna elettorale americana. Il candidato dei Repubblicani, che si gioca all'ultimo voto la vittoria in terra Usa, avrebbe usato quel fattore come elemento politico per attaccare, forse con successo, la politica economica del candidato dei Democratici.
Finite le elezioni americane, con la vittoria di chiunque esso sia, temo che quei lavoratori, in questo feudo americano, verranno licenziati.
Due piedi in due scarpe.
Riportiamo le cose al loro ordinario posto e con la giusta prospettiva di osservazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…