Passa ai contenuti principali

Due piedi in due scarpe per il caso Fiat ed i licenziamenti che verranno



Spesso, per non dire di più, quando si cammina, qualsiasi sia la direzione, la strada percorsa, si guarda in basso per non incrociare lo sguardo altrui, per non guardare l'orizzonte, per non guardare ciò che hai davanti, per non mostrare forse la tua vera essenza di essere pregevole o spregevole come stampata con toner a getto di inchiostro nei tuoi occhi.

Osservi fugacemente le tue scarpe.
Due piedi in due scarpe.
Così dovrebbe forse essere la vita.
Nessuna presunzione di verità.
Nessun messia e missione.
Nessuna ribellione e rivoluzione.
Una semplice constatazione di fatto.
Pensi all'ipocrisia che ogni giorno violenta qualsiasi forma di intelligenza.
Una ipocrisia supportata dagli incappucciati che hanno tolto il cappuccio perché ora mostrano faccia, denti e sorrisi macabri ed humour senza umore umano.
19 lavoratori da reintegrare e 19 lavoratori collocati in mobilità.
Chiaro ed evidente ricatto alla democrazia non solo sindacale ma anche di questo maledetto Paese dal malefico capitalismo.
Ma accade che in territorio americano incombe l'elezione del futuro Presidente degli Stati Uniti d'America.
Ogni giorno ci bombardano con queste notizie.
D'altronde di che stupirsi? Siamo un feudo americano.
Ed accade che anche lui, l'uomo dell'anno dell'auto, diventa oggetto e soggetto dell'ultima comunicazione e campagna elettorale made in Usa, quella più importante.
Scopri anche che quell'uomo sarebbe di una specie di sinistra che vorrebbe anche governare l'Italia.
E caso vorrà che proprio quando il ricatto giungerà all'apice della sua realizzazione, tutto all'improvviso verrà avvolto da un cauto periodo di riflessione.
Mi sembra più che evidente che il solo ed unico e reale motivo che ha sospeso il certo licenziamento di quei lavoratori sia direttamente collegato alla campagna elettorale americana. Il candidato dei Repubblicani, che si gioca all'ultimo voto la vittoria in terra Usa, avrebbe usato quel fattore come elemento politico per attaccare, forse con successo, la politica economica del candidato dei Democratici.
Finite le elezioni americane, con la vittoria di chiunque esso sia, temo che quei lavoratori, in questo feudo americano, verranno licenziati.
Due piedi in due scarpe.
Riportiamo le cose al loro ordinario posto e con la giusta prospettiva di osservazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…