Passa ai contenuti principali

No al bavaglio agli Organi Collegiali




Un pomeriggio qualunque affronti le solite ma sempre più conflittuali incombenze burocratiche, telefonate, consulenze, mail, quando giunge la voce che un Dirigente Scolastico di una scuola di Trieste, che ancora una volta si dimostra essere città che capeggia la repressione burocratica, avrebbe vietato, con tanto di motivazione, la proposta di discutere in sede collegiale il noto provvedimento sulla Stabilità che condiziona e condizionerà la comunità scolastica.
L'articolo 7 del Testo unico della scuola, a detta del Dirigente Scolastico, lo vieterebbe.
Fai una ricerca su internet, e vedi che una marea indomabile di scuole, con tanto di voto favorevole dello stesso Dirigente Scolastico, hanno discusso e deliberato contro non solo la questione delle 24 ore, ma anche contro il Progetto di Legge Aprea.
E dalla voce della sede, lì ove si coltiva passione e lotta per la libertà, giunge il no al bavaglio al Collegio Docenti.
E' una questione di interpretazione.
Se interpreti il Testo Unico in via restrittiva, non essendo il provvedimento sulla Stabilità ma neanche il PDL Aprea, ancora legge, potresti non discuterlo, ma in via legittima ed estensiva, come accaduto nella maggior parte delle scuole ove tale problematica è emersa, la discussione è stata inevitabile perché attuale, perché sostanzialmente quei provvedimenti sconvolgeranno la scuola così come oggi conosciuta e quando la comunità scolastica chiede a gran voce la realizzazione della democrazia e della libertà di discussione, la realizzazione della democrazia diretta e partecipata, nessun provvedimento, nessuna interpretazione restrittiva può e potrà ledere il diritto al confronto, alla discussione.

Ed in questi giorni dalle scuole italiane giunge l'eco della voglia di democrazia. E' stata conquistata la libertà di discutere oltre ogni divieto.

Ma a tal proposito si deve maturare la consapevolezza che non sarà sufficiente la sola mozione del Collegio docenti, pur atto importante, a fermare per esempio il PDL Aprea.
Anzi, visto e rilevato che il PDL Aprea ha come scopo proprio quello di limitare la libertà degli organi collegiali, la cui importanza viene scoperta solo ora, quando la loro fine è vicina, si deve, in modo legittimo, attuare l'azione di lotta . 

Se un Dirigente Scolastico impedirà la discussione sull'avvenire della scuola, i componenti del collegio docenti devono valutare ogni tipo di lotta legittima da porre sul campo, che vada dal silenzio al disertare in modo compatto e condiviso quel luogo ove ogni libertà di discussione è negata o semplicemente discutendo ogni oltre divieto . Nessuna contestazione disciplinare potrà impedire la legittimazione alla discussione, al confronto.
Se democrazia diretta e partecipata deve essere, se la politica si colma la bocca quotidianamente con tale principio astratto, conferiamo l'esempio.
E questo esempio deve e non può che partire dalle scuole.
La scuola è un bene comune e pubblico e come tale deve essere tutelato e difeso.
Dunque no al bavaglio agli Organi Collegiali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …