Passa ai contenuti principali

Alla ricerca della memoria perduta, il Memento Park di Budapest





Budapest è una città che, a parer mio, per quello che ho visto e brevemente sfiorato con i sensi, rappresenta la conquista del capitalismo ai danni di ogni idealismo e società idealista.
Certamente non si può vivere di solo idealismo ma di solo materialismo si rischia di morire.
Più di una volta si maturerà la sensazione reale di essere in una città americana, con le sue fashion street, che a Budapest esistono con tanto di indicazioni specifiche stradali.

Una città che probabilmente non ha mai avuto una propria vera e sostanziale indipendenza, passata brutalmente dall'esperienza del così detto comunismo al selvaggio capitalismo.
E' stata annientata ogni traccia, ogni monumento, ogni statua e targa, salvo l'unico monumento presente nei pressi dell'ambasciata americana, che possa ricordare il comunismo.
Questo nel centro di Budapest.
A circa una ventina di km dal centro e fuori dalla città è stato realizzato nei primi anni 90 un parco tematico il così detto Memento Park, che a detta di molti deve essere ultimato.

In quel parco si potranno toccare e guardare le statue, i simboli, i bassorilievi dell'epoca, breve, del comunismo ungherese.

In realtà più che parco, dovrebbero chiamarlo cimitero del comunismo.
E' un luogo curato ma senza troppo impegno, vedrai alcuni muri perdere letteralmente pezzi, e specialmente nessuna targa chiara ed esplicativa che possa spiegare la storia di quelle statue.

Libera immaginazione e forse frustrazione.
Addirittura, come ulteriore beffa verso l'ideologia, strumentalizzata per fini che mai hanno reso nella storia il comunismo come comunismo, su uno di questi monumenti vedrai ben incisa una svastica.

Vedrai anche due muri formare un sorta di tunnel asfissiante che dovrebbe condurti verso l'uscita, una uscita bloccata da una storica Trabant color celeste con ruote bucate e tutta rovinata.

Si potranno anche comprare cimeli e ricordini sul comunismo ed in un casermone di legno situato nei pressi dell'entrata di questo cimitero sul comunismo si potrà anche vedere una ricostruzione, con foto e proiezione di filmati, su cosa sarebbe stato il comunismo ungherese.
Esci da quel cimitero con un sentimento privo di sentimento.

La prima cosa che incontrerai, una volta fuggito da quel parco, non appena sfiorerai la prima periferia di Budapest sarà un McDonald's, poi palazzi tipici dell'Europa dell'est ma che si potranno incontrare ed osservare anche nelle periferie italiane come Bologna o Trieste.

E pensi a Trieste, alla città che ti ha catturato senza mai imprigionarti.
Pensi alla sua storia, pensi a quanto sia importante conservare e preservare l'identità storica e culturale di una città, perché quello che temo, specialmente nel tempo della globalizzazione e del capitalismo selvaggio, è che tutte le città siano uguali, omologate e standardizzate.
Tuteliamo la nostra cultura, di cultura si può vivere, non svendiamo Trieste al profitto, io non voglio che Trieste diventi una sorta di Budapest italiana, nonostante Budapest sia bella, sia affascinante,nonostante abbia il miglior servizio di mobilità urbano europeo, ma è senza identità, e questo è un problema che rischia di non avere soluzione se la via intrapresa sarà quella unica della speculazione edilizia e del profitto o della svendita della città alle multinazionali come coca cola o mcdonald's che invadono e conquistano ogni spazio, ogni vetrina, ogni angolo sperduto di Budapest al prezzo caro di rendere Budapest dipendente da quel tipo di marketing.
Un marketing che per esempio rende impossibile o altamente difficoltoso trovare locali dove assaggiare qualche piatto tipico ungherese, ma ove sarà facile mangiare pizza surgelata o panini o bere coca cola.
Perché il rischio è quello di vivere in una città senza memoria, una memoria che rischia di essere rinchiusa in qualche parco sperduto di periferia, per essere osservata, sfiorata e poi dimenticata.
E questo rischio a Trieste è alto, penso per esempio alla vicenda mai risolta del Porto Franco, e temo che le soluzioni volute vadano proprio nella direzione di quel profitto selvaggio che priverà la città di una parte importante della sua storia, che andrebbe valorizzata, tutelata, preservata da speculazioni di ogni tipo cercando quel giusto equilibrio che consenta da un lato la tutela della memoria e della storia di una città, e dall'altro la vitalità del luogo medesimo.


Commenti

  1. Non sono d'accordo: sono stata a Budapest prima della svolta (nel 1981, quando si cambiava in nero e gli occidentali, dopo essere stati in DDR, pensavano di essere arrivati a New York, dato che al posto del grigiore c'era una gran vita...) e molti anni dopo: la città è ambivalente, ma ha una sua identità, il centro, la zona dei bagni termali, il Vaci Utca, la collina dove una volta c'era la statua con la stella rossa, la zona bella del Bastione dei Pescatori...
    Ci sono di sicuro gli alberghi di lusso, ma ci sono anche tanti luoghi di grande fascino, che ti colpiscono molto. Magari sarò una turista distratta, ma a me è piaciuto anche il fascino austroungarico... che c'è ancora.
    E per mangiare all'ungherese, provare all'Apostolok o al Matthias Keller o da Gerbaud...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ho voluto dare una diversa visione di quella che resta in ogni caso una bella città. Non ho voluto parlare delle solite cose, per i monumenti, palazzi e terme ci sono le guide, ho voluto cogliere nelle parole come poi riportate in rete, quell'emozione che ho vissuto io, e come ho visto Budapest, d'altronde la vita è spesso una questione di prospettiva...
      cordialmente,
      m.b

      Elimina
    2. Ciao ho visto oggi il tuo commento: concordo sul fatto che l'occidentalizzazione esasperata fa perdere alle città il loro, forse più vero, carattere: ma quanto mi ha colpito di Budapest è stato notare come, in mezzo a parecchia trascuratezza e a tentativi di aprire locali alla moda, ci siano ancora tracce di architettura eclettica, di edifici classici e di luoghi di grande fascino. Rimasto così nonostante i tempi cambiati. Per monumenti, palazzi e terme, hai ragione, ci sono le guide: ma anche questi, se vengono vissuti senza filtri, comunicano un certa emozione, magari anche delusione, come i famosi bagni Gellert. O la collina della stella rossa... o magari anche la sinagoga.
      Al di là del Marriot e degli alberghi di lusso, ci sono luoghi, dall'altra parte del Danubio ad esempio, che vale la pena vedere e "sentire".
      Ma questo vale anche per Trieste: città bellissima, ma, a me è parsa, impolverata dal tempo... fors eper questo così affascinante.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…