Passa ai contenuti principali

Un Professore, uno studente ed il gavettone





Premetto che io personalmente ho sempre difeso i lavoratori,specialmente quelli della Scuola, sia burocraticamente che sostanzialmente essendo anche militante attivo di una organizzazione politico sindacale di base.
Ho sempre difeso i diritti dei lavoratori contro ogni abuso e sopruso, ma a volte emergono dei limiti, limiti ove delle riflessioni sono dovute.
A Trieste come in varie città italiane, quando giunge l'ultimo giorno di scuola ecco il gavettone moment. Tradizione, se così possiamo definirla, goliardica, dall'origine incerta, ma che lentamente ha trovato affermazione in varie realtà siano esse meridionali siano esse settentrionali.

Ma innanzi ai locali del Liceo Galilei di Trieste è accaduto ciò che non doveva accadere.
Un Professore che denuncia, sparavano fumogeni davanti alla scuola, non c’erano solo gavettoni, vi era, secondo la sua ricostruzione, una situazione di pericolo per i suoi allievi, parte l'affronto con un ragazzo, ed ecco la consumazione della violenza.
“Ho afferrato la bottiglia che il giovane mi stava agitando davanti alla faccia e gliel'ho schiacciata sulla testa. In effetti gli ho anche rifilato un bel calcio nel sedere”
Questo quando dichiarato in una lettera aperta inviata al Piccolo di Trieste.
Invece, secondo quanto riportato dal giornale locale, il ragazzo avrebbe riportato una frattura scomposta allo zigomo. Guarirà in 20 giorni.

Insomma, calcio nel sedere, bottigliata in faccia, una situazione nata da un momento certamente teso, di difficile gestione, ma che nessuna violenza mai può e dovrà giustificare.
Eppure in Città è partito il dibattito. Vengono inviate varie lettere di sostegno al Professore, che riconducono il suo gesto in una sorta di actio libera in causa .
Addirittura c'è chi sottolinea che in quel momento avrebbe chiamato la Polizia o che avrebbe avvisato la Polizia il giorno prima per fronteggiare il gavettone day.
Personalmente penso che chi insegna nella Scuola Pubblica Statale italiana, anche in situazioni di disagio e tese come quelle accadute innanzi al Galilei, mai e poi mai deve ricorrere alla violenza.
Quale esempio si conferisce ai ragazzi?
Quale insegnamento si offre alla collettività?
Non esistono giustificazioni e scriminanti verso quel gesto.
Nella scuola esistono problematiche di vario tipo.
Penso per esempio ai continui affronti che si vivono in alcune realtà difficili del sud Italia.
Professori minacciati, anche picchiati, ma che non reagiscono con la violenza.
La scuola, deve conferire altro spirito d'insegnamento.
Forse era il caso di prevenire quella situazione, la Dirigenza Scolastica che ha fatto in tutto ciò?
Forse era il caso di comunicare preventivamente ai ragazzi che quel giorno non sarebbero stati tollerati gavettoni e che sarebbero conseguiti provvedimenti di un certo tipo, piuttosto che ricorrere al gesto individuale quasi eroico e giustificato da alcuni docenti.
Qui non è messa in discussione la valenza o meno di quel professore, di quello che ha fatto nel corso della sua carriera, di come ha insegnato, ma di come si è comportato in simile occasione.
Ma al Piccolo arrivano spesso lettere dal tenore univoco, probabilmente sarà una strategia difensiva concordata, una forma di solidarietà richiesta per affrontare l'iter disciplinare.
Ma è una strategia che spacca la scuola, che attacca gli studenti e difende i docenti, quando in realtà si dovrebbe forse ricorrere ad una sorta, citando Orazio, di aurea mediocritas, ovvero maturare una posizione intermedia che non santifica e giustifica in toto il comportamento assunto da quel docente, e non condanna ex toto il comportamento di tutti gli studenti.
Quello del gavettone è un momento conosciuto da tutti, la soluzione al problema, se è un problema non è data né dalla chiamata preventiva o successiva delle forze di Polizia, comportamento ridicolo a parer mio e poco formativo ed educativo, né dalla violenza difensiva o in qualunque rango essa la si voglia relegare.
La violenza non si giustifica mai, specialmente quando si realizza in un luogo deputato all'insegnamento di valori e principi che dovrebbero rendere questa società meno dipendente dalla giustizia fai da te e più dipendente da valori che trovano il loro centro di gravità nel reciproco rispetto.
Rispetto che oggi è venuto meno su entrambi i fronti e forse questo è il vero elemento su cui riflettere.

Commenti

  1. E finalmente!
    Concordo, dalla premessa all'ultima parola.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…