Passa ai contenuti principali

Anonymous(?) contro Beppe Grillo, ecco il perchè.





Attaccato il blog di Beppe Grillo.
Nel blog ufficiale di Anonymous Italia  si legge testualmente quanto segue:
 L'attacco di oggi è stato effettuato da una cellula AnonOps, server irc in cui si riuniscono vari coordinatori. Una cellula specializzata in botnet ha utilizzato i mezzi a sua disposizione per oscurare il sito beppegrillo.it Il blog anon-news.blogspot.com e' amministrato da molti coordinatori, ognuno ha potere di postare cio' che ritiene importante, informando in tempo, se e' possibile, le altre cellule o coordinatori AnonOps. Ricordiamo che AnonOps non e' Anonymous, ma una rete dove gli Anonymous si organizzano e comunicano da svariati anni. I 700+ commenti e il resto dei commenti sono stati cancellati per ovvi motivi: cancellando i post anche i commenti vengono cancellati. La cellula operante e' stata momentaneamente esclusa dall'amministrazione del blog, fino a quando l'intera comunita' (quindi anche chi ha commentato i post dell'attacco) potra' decidere la legittimita' dell'attacco con un sondaggio. Mendax

Questo il testo del sondaggio: 

L'attacco contro beppegrillo.it era legittimo?

Quindi, quello che è accaduto è stato realizzato da una cellula dissidente, che è stata momentaneamente esclusa dall'amministrazione del Blog ufficiale di Anonymous.
Perchè attaccare il blog di Beppe Grillo?
Perchè realizzare operazione di censura, anche per un solo giorno?
Forse sarebbe il caso di dirottare l'attenzione su alcuni aspetti, probabilmente non molto conosciuti dai sostenitori del grillismo e del movimento a 5 stelle e che questo attacco ha permesso di evidenziare.
In questo articolo, richiamato nei commenti probabilmente da qualche militante dissidente di Anonymus, emergono delle questioni a dir poco inquietanti.
Si pongono interrogativi di una certa consistenza.
Può Grillo non sapere che la gestione tecnica del suo dominio è domiciliata nella sede di un’azienda legata al Gruppo Telecom, contro cui lui si è scagliato più e più volte?
Articolo che riconduce in sostanza il " controllore " di Grillo al  Gruppo Bilderberg.  Nella premessa dell'articolo richiamato si afferma testualmente che Vale a dire il medesimo gruppo di tecnocrati che sta sconvolgendo l’Europa e che ha piazzato il “suo” Mario Monti in capo alla Presidenza del Consiglio italiano. Come diavolo è possibile che Casaleggio, influencer di Grillo, permetta al suo membro più rappresentativo di sedere tra le fila dell’Aspen, insieme a figure quali lo stesso Mario Monti, Giulio Tremonti, John Elkann, Giuliano Amato, Fedele Confalonieri, i due Letta, Enrico e Gianni, Emma Marcegaglia, Cesare Romiti, Lorenzo Ornaghi e altri? In teoria dovrebbero essere "nemici", Casaleggio e gli aspeniani…
 
Personalmente non sono mai stato favorevole ad operazioni di censura, però se quell'attacco è servito per fare emergere questioni sconosciute ai più , se quell'attacco è servito per far trapelare situazioni che sembrano non essere state smentite, se quell'attacco è servito per fare aprire gli occhi su una realtà politica che dice di essere contro il sistema, che giorno dopo giorno matura sempre maggior consenso sociale, una riflessione è dovuta.
Anonymous, quello ufficiale, ha temporaneamente preso le distanze dall'attacco, attacco che ha avuto anche, nell'ignoranza dell'opinione pubblica, l'effetto di screditare lo stesso Anonymous.
Quanti capiranno che AnonOps non è Anonymous?
La rete oggi rappresenta il primo canale di vera informazione, i processi rivoluzionari e di ribaltamento sociale passeranno anche attraverso la rete, per liberarsi dalla rete ed invadere le strade dormienti delle nostre Città. Prima o poi ciò accadrà anche in Occidente.
Occupy è stata solo una sorta di avvisaglia.
Da questo attacco si deducono due questioni, la prima è l'aver acceso i riflettori su questioni sconosciute ai più sulla realtà di Beppe Grillo, e tutti aspettiamo smentite,  la seconda che Anonymous con questo attacco a livello di opinione pubblica, anche se non direttamente responsabile, non ne uscirà certamente bene, ed Anonymous oggi  da molti è stato individuato come un nemico del sistema.
 

Aggiornamento:
Anonymous precisa, a proposito dell'attacco del sito di Beppe Grillo: AnonOps è una rete completamente autogestita il suo fine è mettere a disposizione di ognuno gli strumenti di protesta informatica, nessun utente può garantire del comportamento dell'altro, ognuno ha diritto a sviluppare liberamente il propio dissenso, purchè non sia manifestamente discriminatorio verso religione, etnie, orientamenti sessuali etc... etc...
Riguardo al recente attacco al blog di Beppe Grillo questo non crea discriminazione alcuna verso minoranze o altro quindi è un'azione che può essere rivendicata dà anonymous e come tutte le azioni di anonymous è sostenuta da alcuni ma non da tutti. Aken

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …