Passa ai contenuti principali

Un 1maggio senza le bandiere della resistenza e stella rossa, significa manipolare la storia

Il primo maggio non è una festa, ma un giorno di lotta finalizzato a rivendicare diritti, nel nome dell'internazionalismo, all'interno di un sistema sempre più aspro e duro da contrastare. Il primo maggio è sempre stato rosso, il fascismo ha cercato di annientarlo, poi la Chiesa per tentare di condizionarlo ed entrare dentro questa ricorrenza si inventò la festa di San Giuseppe lavoratore, con questa motivazione " il 1° maggio, ben lungi dall'essere risveglio di discordie, di odio e di violenza, è e sarà un ricorrente invito alla moderna società per compiere ciò che ancora manca alla pace sociale. Festa cristiana, dunque; cioè, giorno di giubilo per il concreto e progressivo trionfo degli ideali cristiani della grande famiglie del lavoro". Ma senza la resistenza, non ci sarebbe oggi nessun primo maggio da celebrare e le bandiere simbolo della resistenza, le stelle rosse, non possono che esserci all'interno del corteo del primo maggio perchè quella è anche la loro casa. Nel fascismo queste venivano bandite, è a ciò che si vuol ritornare? Certo, è innegabile che anche con la complicità di alcuni partiti di pseudo-sinistra i diritti sul lavoro sono stati seriamente compromessi, ma la voglia di lottare per un mondo più giusto, contro le diseguaglianze e le nuove forme di schiavismo è nel primo maggio che trova la massima esplicazione attraverso soprattutto i valori dell'antifascismo. Come è noto nel documento nazionale dell'ANPI sulla storia del Confine Orientale si è giustamente scritto "Il 1° maggio 1945 la liberazione di Gorizia, Trieste e alcune città  istriane avvenne ad opera dell’esercito jugoslavo e il CLN si ritirò per evitare combattimenti con gli jugoslavi." Le eventuali mozioni politiche, ignobili, che vorrebbero vietare i simboli della resistenza che consentono ancora oggi di celebrare il primo maggio, sono tanto ridicole, quanto inutili provocazioni, perchè non possono introdurre fattispecie di reato inesistenti e non possono vietare di esporre i simboli dell'antifascismo su cui è fondata, tra le altre cose, la nostra Costituzione. Non solo dunque a Trieste ma anche nell'Isontino, come già avviene, è auspicabile che ogni primo maggio ci possa essere una vera ondata di bandiere ed i simboli della resistenza all'interno di un corteo che non può appartenere a tutti, perchè non tutti sono antifascisti e non tutti difendono i diritti dei lavoratori.
Anche perchè è evidente che se verranno colpiti i simboli della resistenza che hanno piena e giusta legittimazione all'interno del corteo del primo maggio, il prossimo passo sarà quello di colpire il 25 aprile, e dunque l'esclusione dei detti simboli sarebbe una gravissima manipolazione storica degna di quel passato che qualcuno forse  anche in modo clownesco  rimpiange ancora.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…