Passa ai contenuti principali

IN FVG sono circa 350 gli affiliati alla massoneria del GOI

Il Grande Oriente d'Italia è la principale obbedienza massonica italiana, le cui origini risalgono al 1805. Se in Italia risultano circa 22 mila iscritti a questa obbedienza in FVG ne risultano circa 200 solo a Trieste con 7 logge Alpi Giulie, Guglielmo Oberdan, Nazario Sauro, Giuseppe Garibaldi, Italia, Ars Regia e Humanitas mentre in tutta la regione le logge del Goi sono ben 14 e gli affiliati complessivamente solo 350. A Gorizia si segnala la Loggia Isonzo (1258), anche se la prima loggia massonica di Gorizia risale circa al 1785 con il nome “Zur Frey-muthigkeit” o “Alla Franchezza” . A Trieste la prima loggia di riferimento italiana aveva sede, subito dopo l'avvento dell'Italia alla fine della prima guerra mondiale, al Teatro Verdi, che, come è noto, nel 1925 venne affossata da una mera aggressione fascista, come accaduto in diverse zone d'Italia. Si ricostituì successivamente nei periodi turbolenti con l'avvento del GMA dopo il 12 giugno del 1945, la cui sede aveva luogo in piazza Verdi, con il nome di Loggia rossa ed una seconda aveva sede in via San Nicolò 2. Se alla massoneria chiedi di rendere noti i nominativi di chi è affiliato, come ha fatto recentemente la commissione d'inchiesta parlamentare Antimafia, qualcuno potrà rispondere in questo modo: "Quando vengono richiesti gli elenchi dei Liberi Muratori ricordiamo e facciamo rammentare che negli ultimi secoli questi sono stati richiesti: – dall’Inquisizione di Santa Romana chiesa per arrestarli, torturarli e imprigionarli a vita od eliminarli fisicamente; – dagli squadristi fascisti per distruggere e saccheggiare le case massoniche, gli studi professionali e le abitazioni dei Fratelli, nonché per picchiarli, torturarli ed eliminarli fisicamente con la totale impunità dei colpevoli; – dalle polizie degli stati totalitari per arrestarli torturarli e quando possibile eliminarli fisicamente; – da persone che, facendoli giungere al pubblico, speravano e sperano nelle iniziative punitive attuate da mentalmente instabili, fanatici, estremisti politici e fondamentalisti religiosi. Nella storia degli ultimi secoli tutte le persecuzioni di massa, con milioni e milioni di vittime, hanno avuto un prologo comune: la pubblica persecuzione, condanna e la conseguente messa al bando della Libera Muratoria. In seguito, solo dopo il loro annientamento e messa al bando, sono poi iniziate le pulizie etniche e religiose, in quanto non esisteva più quella Libera Muratoria che è in grado ed ha sempre avuto il coraggio di protestare e denunciare i diritti umani violati e gli eccidi."
 
La Massoneria come scudo per i diritti umani? Sembra abbastanza esagerata come pretesa. L'unica cosa certa è che pur essendo nel 2016, continua, pur nelle sue diverse varianti, ad esistere. Nell'immaginario collettivo è percepita come una cosa arcaica, tra riti, ordini, misteri, con un suo credo ben definito che ha il suo apice "Alla Gloria del Grande Architetto dell’Universo" ma anche come un qualcosa di cui difficilmente si riesce a comprenderne il reale senso di esistenza, nonostante i tentativi di trasparenza ed apertura, che comunque son ben lontani dalle esperienze inglesi, in una società sempre più individualista, ignorante, superficiale e profondamente cattiva. Ma se non rendono noti i nomi dei massoni, salvo quelli che si presentano pubblicamente o come relatori in certe iniziative, rendono noti quelli di cui possono vantarsene a livello storico. Si citano come massoni celebri, ad esempio Garibaldi, Carlo Collodi, Enrico Fermi, Antonio De Curtis, in arte Totò, Oscar Fingal O’Flaherty Wills Wilde, Edmondo De Amicis, Giosuè Carducci. Comunque è interessante notare come nella società di oggi, i simboli tipici della massoneria, sono diventati una moda, li troviamo sempre più diffusi nell'abbigliamento, nell'oggettistica, ma anche in diversi circuiti mediatici, ciò avviene per renderla come un qualcosa di normale, di accettabile, con scopi anche di propaganda indiretta, od è un mero svilimento della plurisecolare tradizione massonica? Boh, è l'unica risposta certa.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…