Passa ai contenuti principali

IN FVG sono circa 350 gli affiliati alla massoneria del GOI

Il Grande Oriente d'Italia è la principale obbedienza massonica italiana, le cui origini risalgono al 1805. Se in Italia risultano circa 22 mila iscritti a questa obbedienza in FVG ne risultano circa 200 solo a Trieste con 7 logge Alpi Giulie, Guglielmo Oberdan, Nazario Sauro, Giuseppe Garibaldi, Italia, Ars Regia e Humanitas mentre in tutta la regione le logge del Goi sono ben 14 e gli affiliati complessivamente solo 350. A Gorizia si segnala la Loggia Isonzo (1258), anche se la prima loggia massonica di Gorizia risale circa al 1785 con il nome “Zur Frey-muthigkeit” o “Alla Franchezza” . A Trieste la prima loggia di riferimento italiana aveva sede, subito dopo l'avvento dell'Italia alla fine della prima guerra mondiale, al Teatro Verdi, che, come è noto, nel 1925 venne affossata da una mera aggressione fascista, come accaduto in diverse zone d'Italia. Si ricostituì successivamente nei periodi turbolenti con l'avvento del GMA dopo il 12 giugno del 1945, la cui sede aveva luogo in piazza Verdi, con il nome di Loggia rossa ed una seconda aveva sede in via San Nicolò 2. Se alla massoneria chiedi di rendere noti i nominativi di chi è affiliato, come ha fatto recentemente la commissione d'inchiesta parlamentare Antimafia, qualcuno potrà rispondere in questo modo: "Quando vengono richiesti gli elenchi dei Liberi Muratori ricordiamo e facciamo rammentare che negli ultimi secoli questi sono stati richiesti: – dall’Inquisizione di Santa Romana chiesa per arrestarli, torturarli e imprigionarli a vita od eliminarli fisicamente; – dagli squadristi fascisti per distruggere e saccheggiare le case massoniche, gli studi professionali e le abitazioni dei Fratelli, nonché per picchiarli, torturarli ed eliminarli fisicamente con la totale impunità dei colpevoli; – dalle polizie degli stati totalitari per arrestarli torturarli e quando possibile eliminarli fisicamente; – da persone che, facendoli giungere al pubblico, speravano e sperano nelle iniziative punitive attuate da mentalmente instabili, fanatici, estremisti politici e fondamentalisti religiosi. Nella storia degli ultimi secoli tutte le persecuzioni di massa, con milioni e milioni di vittime, hanno avuto un prologo comune: la pubblica persecuzione, condanna e la conseguente messa al bando della Libera Muratoria. In seguito, solo dopo il loro annientamento e messa al bando, sono poi iniziate le pulizie etniche e religiose, in quanto non esisteva più quella Libera Muratoria che è in grado ed ha sempre avuto il coraggio di protestare e denunciare i diritti umani violati e gli eccidi."
 
La Massoneria come scudo per i diritti umani? Sembra abbastanza esagerata come pretesa. L'unica cosa certa è che pur essendo nel 2016, continua, pur nelle sue diverse varianti, ad esistere. Nell'immaginario collettivo è percepita come una cosa arcaica, tra riti, ordini, misteri, con un suo credo ben definito che ha il suo apice "Alla Gloria del Grande Architetto dell’Universo" ma anche come un qualcosa di cui difficilmente si riesce a comprenderne il reale senso di esistenza, nonostante i tentativi di trasparenza ed apertura, che comunque son ben lontani dalle esperienze inglesi, in una società sempre più individualista, ignorante, superficiale e profondamente cattiva. Ma se non rendono noti i nomi dei massoni, salvo quelli che si presentano pubblicamente o come relatori in certe iniziative, rendono noti quelli di cui possono vantarsene a livello storico. Si citano come massoni celebri, ad esempio Garibaldi, Carlo Collodi, Enrico Fermi, Antonio De Curtis, in arte Totò, Oscar Fingal O’Flaherty Wills Wilde, Edmondo De Amicis, Giosuè Carducci. Comunque è interessante notare come nella società di oggi, i simboli tipici della massoneria, sono diventati una moda, li troviamo sempre più diffusi nell'abbigliamento, nell'oggettistica, ma anche in diversi circuiti mediatici, ciò avviene per renderla come un qualcosa di normale, di accettabile, con scopi anche di propaganda indiretta, od è un mero svilimento della plurisecolare tradizione massonica? Boh, è l'unica risposta certa.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone