Passa ai contenuti principali

La quasi totalità delle scuole della provincia di Gorizia non sono a norma antisismica

Rimango dell'idea che il ferro va battuto quando è caldo, ed ora, purtroppo, lo è. La scuola insieme all'ospedale dovrebbe essere il luogo pubblico sensibile più protetto, ma in Italia, ogni quattro anni circa apprendiamo, a causa dei terremoti e del modo becero con il quale si è costruito, che così non è. Basta lacrime, basta vittime innocenti, basta distruzione. Se la via da perseguire è quella della prevenzione lo deve essere seriamente e non a parole. Ho fatto una prima verifica sul sito del MIUR scuola in chiaro, controllando le 16 pagine dedicate alle scuole della, oramai ex, provincia di Gorizia. Si tratta di dati aggiornati all'anno scolastico 2014/15, e diverse scuole non hanno compilato la voce edilizia e vincoli, altre, invece, tale voce misteriosamente non la contemplano. I dati contenuti in tale sezione contengono tutte le informazioni di carattere tecnico relative agli edifici scolastici attivi censiti così come comunicati dagli enti locali proprietari degli stessi per il tramite dei nodi regionali dell'Anagrafe. Viene precisato che, a seguito di accordo in conferenza unificata di intesa con Comuni e Province, è stato stabilito di aggiornare al 31 gennaio 2016 la pubblicazione dei dati relativi alle certificazioni degli edifici al fine di consentire l'adeguamento delle informazioni contenute nella sezione agli interventi recentemente autorizzati dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. Ora, stando ai dati che ho potuto visionare e come pubblicati, ne esce un quadro preoccupante. Quello dell'alto e basso Isontino è un territorio che contempla Comuni a sismicità medio/alta come ad esempio Capriva del Friuli, Gorizia, Cormons, Farra d'Isonzo, San Lorenzo Isontino ed altri a bassa. Dunque il rischio sismico sussiste. Tra tutte le scuole visionate, con le precisazioni come fatte in premessa, salvo il caso di una scuola dell'Infanzia di Sagrado e si presume anche l'ultima scuola dell'infanzia realizzata a Ronchi i cui dati non sono ancora stati inseriti, alla domanda se l'edificio è stato progettato o successivamente adeguato con la normativa tecnica antisismica la risposta è NO. Come è noto nel quadro di una interpretazione ragionevole della disciplina legislativa in tema di sicurezza del lavoro, il dovere di informazione spettante al datore di lavoro nei confronti del lavoratore concerne i rischi cui il lavoratore è esposto nell’ambito delle sue specifiche mansioni con esclusione, quindi, di ogni altro settore che comunque rimanga estraneo al campo di azione nel quale si esplicano le mansioni di sua specifica competenza. Il datore di lavoro è tenuto a garantire la gestione oculata dei luoghi di lavoro mediante tutte le misure imposte normativamente (informazione, formazione, attrezzature idonee e presidi di sicurezza), nonché ogni altra misura idonea, per comune regola di prudenza e di diligenza, a garantire la sicurezza. Ora, è evidente che non si può scaricare tutto il peso sulle spalle del DS. Ma dobbiamo conoscere lo stato di sicurezza delle nostre scuole. Nel 2009, dopo il terremoto dell’Aquila, lo Stato ha avviato un piano nazionale per la prevenzione sismica, che prevede lo stanziamento alle Regioni di circa un miliardo di euro in sette anni con diverse finalità. In FVG al 17 dicembre 2015 si segnalano interventi mirati nel 2008 per una scuola elementare di Maniago, una scuola media di Udine, una scuola elementare di Fiume Veneto nel 2012, una scuola media di Udine nel 2012 e basta. Insomma, in base ai dati pubblicati sul sito scuola in chiaro, il quadro è preoccupante, e rilevata la medio/alta sismicità di alcune zone della provincia di Gorizia, e la bassa di altre, forse è il caso che la Procura della Repubblica faccia le dovute verifiche, valutazioni, su diversi livelli, per verificare se vi siano state omissioni o meno, per una ragione di prevenzione. Sia ben chiaro, nessun procurato allarme, ma è una questione di buon senso e di reale prevenzione. Le nostre scuole devono essere sicure e questa deve essere la priorità totale ed assoluta.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…