Passa ai contenuti principali

Trieste: quando sport ed arte diventano questione nazionale


Dopo il 12 giugno del 1945, quando avverrà il passaggio di amministrazione dalla Jugoslavia, durata solo 42 giorni, agli angloamericani, sul territorio di Trieste si aprirà la grande questione di Trieste e verranno investiti miliardi di miliardi di vecchie lire per la causa nazionale, per la causa di Trieste, per il ritorno dell'Italia a Trieste. L'Ufficio Zone di Confine per la Venezia Giulia ha svolto un ruolo determinante in tutto ciò. Senza dimenticare il ruolo, che tale Ufficio, ha avuto per l'italianità di Trieste, finanziando e sostenendo attivamente, come denunciato da diversi storici, squadristi, gruppi di neofascisti, che si sono resi responsabili di nefandezze in città, in quel turbolento periodo del post guerra in cui ha operato. Ritornando alla questione propaganda. Vi saranno interessi supremi da garantire, ovvero l'interesse nazionale, anticomunista ed antislavo dovrà vincere. Così come vincente dovrà essere il legame di Trieste all'Occidente, all'America. 
Vincere per convincere gli alleati che Trieste è italiana. Vincere per convincere gli italiani che una sconosciuta Trieste, conquistata al prezzo carissimo nel 1918, è italiana e vuole l'Italia. E sarà fondamentale giocare e giostrare con i sentimenti, con la nostalgia. E sarà un successo la canzone Vecchia America, scritta e musicata dal triestino Luttazzi e fatta propria dal Quartetto Cetra. La Vecchia America dei tempi di Rodolfo Valentino, "quando Al Johnson canticchiava e Frank Sinatra era bambino, quando Gershwin rapsodiava tutto in “blue”(...)" dei tempi di Tom Mix e Ridolini, che facevan divertire tanto i grandi che i piccini, vecchia America dei baffi alla Menjou, sei rimasta un bel ricordo e nulla più." Un triestino e la nostalgia per l'America, quella che rischia di essere un ricordo e nulla di più. 



Ed il filo della nostalgia sarà un successo. E vincerà nel 1952 una tristissima canzone, Vola Colomba. Già, vincerà il secondo festival di Sanremo, era il 1952, canzone nazionalista, religiosa, e che invoca il ritorno dell'Italia a Trieste " Vola, colomba bianca, vola Diglielo tu Che tornerò"anche se a dire il vero doveva essere Trieste a ritornare all'Italia. 




La musica era solo uno degli aspetti fondamentali di quell'epoca. Vi era un canale molto importante da sondare, e sfruttare, tanto popolare quanto Sanremo, tanto diffuso come le canzoni di Sanremo. Il Calcio. La Triestina, nata nella Trieste conquistata dall'Italia, subito dopo la fine della prima guerra mondiale, e sarà la Triestina di Nereo Rocco, proprio negli anni caldi, quali quelli del Trattato di Pace a creare grande entusiasmo, ed arriverà seconda in classifica nella stagione 1947/48 e non sarà un caso che il declino della Triestina inizierà dopo il 1954, dopo il Memorandum di Londra, quando Trieste ritornerà all'amministrazione Italiana e la questione di Trieste giunse praticamente al suo epilogo che verrà sancito poi con il Trattato di Osimo. Una parabola che ben evidenzia e rappresenta anche il declino che ha subito nel corso dei decenni questa città, ovvero quando non è stata più nei pensieri del Governo centrale ed abbandonata a se stessa ed a vivere un ruolo marginale di periferia italiana. E sono diversi i libri che parlando della questione del Confine Orientale denunciano che l'Ufficio delle Zone di Confine con il beneplacito di Andreotti e della DC, investì parecchi soldi anche per favorire la Triestina. Questione che non dovrebbe sorprendere, perché vi era una causa nazionale importante, e la Triestina divenne in un certo senso la squadra di calcio di Stato e per la Nazione, almeno fino al 1954, almeno fino a quando era calda la questione di Trieste. Sport e musica, veicoli fondamentali nella propaganda nazionalistica per la questione del Confine Orientale e le terre contese. Come dimenticare la corsa ciclistica del 1946 e l'entrata in città, in quel caldissimo fine giugno, da vincitore, proprio di un triestino, Cottur? E tutta la retorica che ne è conseguita per il tramite anche dei giornali sportivi? 
Ma il calcio, come si evince da questo esempio, non è stato l'unico veicolo. A Gorizia per esempio sarà proprio negli anni turbolenti '50 che il basket, tipico sport americano, farà il grande salto di qualità e sarà importante per dimostrare il legame tra Gorizia ed i valori tipici dell'Occidente. Vi è stato, sempre in chiave nazionalistica, anche il pugilato. Nino Benvenuti, nato in Istria è diventato per Trieste un simbolo fondamentale e per l'Italia il segno anche dell'appartenenza di queste terre all'Italia. E' diventato il simbolo del riscatto soprattutto per i profughi istriani che costituivano in quel tempo una bella fetta importante della popolazione di Trieste. Cosa che in un certo senso ha confermato lo stesso Benvenuti a Trieste durante il conferimento della cittadinanza onoraria, quando ricordava il suo passato: “Salii sul balcone di questo Municipio, con una folla enorme in piazza. Ero come Cesare trionfante al ritorno dalla guerra. E via Carducci, un percorso tra due ali fitte di gente. Nessuno se l’aspettava quella folla. Neppure i giornalisti, la televisione, tanto è vero – precisa Nino – che le testimonianze più rilevanti di allora sono quelle di singoli improvvisati cineoperatori privati! E nessuno si sarebbe mai aspettato tanto amore: come quando una anziana signora riuscì a farsi largo nella massa per raggiungermi e donarmi una sua catenina d’oro. Un regalo incredibile, impensabile ! Capii allora che per i triestini, per queste terre, quella mia vittoria toccava dei sentimenti molto profondi e aveva anche il senso di un affrancamento da tante amarezze !”.E da Trieste, lentamente il filo conduttore si allungherà sino all'Istria, alla Zona B, fino a quando non si chiuderà la questione sul Trattato di Osimo, formato nel 1975 e ratificato qualche anno dopo, ed andrebbe analizzato ed indagato forse anche in questa ottica, in chiave nazionalistica, il successo di Endrigo, o delle " bellissime quattro" dalmato-istriane per capire quanto sia stato funzionale, od utile per la Trieste italiana e l'Istria e terre contese italiane. E soprattutto ci si deve interrogare perché ritorna oggi nuovamente la questione di Trieste e dell'Istria anche attraverso lo strumento della propaganda con l'ausilio dell'arte, dello spettacolo, della musica, del teatro e non solo. Forse per cercare di risollevare Trieste dal suo declino? Per attirare le attenzioni di Roma? E per l'Istria forse perché qualcuno spera ancora che possa ritornare all'Italia? Nonostante la presenza di italiani sia ai minimi storici? Dopo averla persa, per colpa soprattutto del nazionalfascismo nostrano

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …