Passa ai contenuti principali

Quella sera che sconvolse per l'ennesima volta il Friuli


La nostra regione ha conosciuto i peggiori drammi. E' stata in prima linea nella grande guerra, nella seconda guerra mondiale, ha conosciuto la tragedia del Vajont e poi la catastrofe del terremoto del 1976. Tutti ancora oggi si domandano come è stato possibile che il Friuli si sia ripreso, ed in fretta. Vi sono tante concause e vanno analizzate anche le questioni storiche e culturali. Come detto questa terra si era già addestrata alle peggiori cose, e dalle peggiori cose si è ripresa, ha saputo ricostruire, ha saputo ripartire. Sempre. Ma anche l'aspetto culturale, il senso del dovere civico ereditato da secoli di dominio austro-ungarico, è stato fondamentale. Cosa incomprensibile a chi viene da fuori regione o che non conosce la storia di questa complessa terra.
Cosa incomprensibile nell'Italia di oggi, un Paese che ha portato, oltre a tante cose positive, ahimè anche un sistema disonesto, di corruzione, di burocrazia, di zero senso di dovere civico, compromettendo l'essere comunità. Dove l'interesse particolare prevale sempre su quello generale e da questo principio trae fondamento la "cultura" mafiosa. Forse l'unico caso che si può paragonare al senso di dovere civico e di comunità alla risposta data dal popolo friulano al terremoto, è quanto accaduto con l'alluvione di Firenze. Ma fino ad un certo punto. Perché Firenze era come la Parigi di oggi. Città nel cuore di tutti, e l'emotività internazionale è stata diversa. Non si spiega altrimenti il perché nel resto del Bel Paese terremotato solo il Friuli è l'unica terra che ha saputo reagire in quel modo. Fatica, e dignità e senso di comunità. I numeri che sono stati forniti parlano da soli: 75 mila edifici distrutti e poco più di 74 mila riparati entro dieci anni. “prima le fabbriche, poi le case, poi le chiese'  E così è stato. Grandi lavoratori, i friulani. Quel maledetto terremoto ha cambiato e stravolto la vita di tante persone. Anche nell'Isontino molti ricordano due cose in particolare, “faceva caldo” e poi lo spavento e l'incredulità per il terremoto. Tutti hanno immortalato nella propria mente quel giorno e quelli che seguiranno sino alle altre scosse che verranno. Tutti si ricordano  con una lucidità incredibile cosa stavano facendo in quel preciso istante e tutti si ricordano che faceva caldo. E' stato uno shock tremendo, violento, che ha fermato la memoria per sempre, ma che non ha fermato la nostra regione. Friuli, terra della resistenza, che invece di perdersi in lamentazioni e piagnistei ha dato una grande lezione di civiltà all'Italia. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …