Passa ai contenuti principali

Quella sera che sconvolse per l'ennesima volta il Friuli


La nostra regione ha conosciuto i peggiori drammi. E' stata in prima linea nella grande guerra, nella seconda guerra mondiale, ha conosciuto la tragedia del Vajont e poi la catastrofe del terremoto del 1976. Tutti ancora oggi si domandano come è stato possibile che il Friuli si sia ripreso, ed in fretta. Vi sono tante concause e vanno analizzate anche le questioni storiche e culturali. Come detto questa terra si era già addestrata alle peggiori cose, e dalle peggiori cose si è ripresa, ha saputo ricostruire, ha saputo ripartire. Sempre. Ma anche l'aspetto culturale, il senso del dovere civico ereditato da secoli di dominio austro-ungarico, è stato fondamentale. Cosa incomprensibile a chi viene da fuori regione o che non conosce la storia di questa complessa terra.
Cosa incomprensibile nell'Italia di oggi, un Paese che ha portato, oltre a tante cose positive, ahimè anche un sistema disonesto, di corruzione, di burocrazia, di zero senso di dovere civico, compromettendo l'essere comunità. Dove l'interesse particolare prevale sempre su quello generale e da questo principio trae fondamento la "cultura" mafiosa. Forse l'unico caso che si può paragonare al senso di dovere civico e di comunità alla risposta data dal popolo friulano al terremoto, è quanto accaduto con l'alluvione di Firenze. Ma fino ad un certo punto. Perché Firenze era come la Parigi di oggi. Città nel cuore di tutti, e l'emotività internazionale è stata diversa. Non si spiega altrimenti il perché nel resto del Bel Paese terremotato solo il Friuli è l'unica terra che ha saputo reagire in quel modo. Fatica, e dignità e senso di comunità. I numeri che sono stati forniti parlano da soli: 75 mila edifici distrutti e poco più di 74 mila riparati entro dieci anni. “prima le fabbriche, poi le case, poi le chiese'  E così è stato. Grandi lavoratori, i friulani. Quel maledetto terremoto ha cambiato e stravolto la vita di tante persone. Anche nell'Isontino molti ricordano due cose in particolare, “faceva caldo” e poi lo spavento e l'incredulità per il terremoto. Tutti hanno immortalato nella propria mente quel giorno e quelli che seguiranno sino alle altre scosse che verranno. Tutti si ricordano  con una lucidità incredibile cosa stavano facendo in quel preciso istante e tutti si ricordano che faceva caldo. E' stato uno shock tremendo, violento, che ha fermato la memoria per sempre, ma che non ha fermato la nostra regione. Friuli, terra della resistenza, che invece di perdersi in lamentazioni e piagnistei ha dato una grande lezione di civiltà all'Italia. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…