Passa ai contenuti principali

Quel messaggio di Pertini per Tito, ed il primo maggio di Trieste contro la mozione del quartetto antijugoslavo




Maggio è il mese di Tito. Nato a maggio e morto a maggio. A Belgrado, nella prima periferia della città vi è il museo del 25 maggio, noto anche come mausoleo di Tito, o museo della storia Jugoslava. Per anni ed anni quel luogo, che accoglie Tito e dal 2013 Jovanka, era affollatissimo. Oggi, pur essendo quel luogo curato, non è più frequentato come una volta. 



Non è difficile incontrare per i verdi viali che conducono alla sua tomba qualche anziano ancora commuoversi, perché Tito era amato dal suo popolo ed è stato rispettato fino alla fine, anche dai più importanti capi di Stato del mondo non a caso hanno presenziato al suo funerale o si sono recati nel "mausoleo" per porgere l'ultimo saluto a Tito.
Una volta c'era Tito, amatissimo dal suo popolo. Il filmato, che si può vedere in una delle sale del museo, racconterà non tanto la sua vita, ma quello che lui ha fatto per la Jugoslavia, era per la Jugoslavia, ha rappresentato per la Jugoslavia, pur rientrando nella tipica propaganda, era corrispondente al vero. Amante dei fiori, ed i fiori lo accoglievano ovunque. Folle, e sorrisi ed abbracci.  Lui è stato il simbolo del riscatto per un popolo intero, simbolo della libertà, uguaglianza, fratellanza e riscatto patriottico, ha lottato per un nuovo mondo, un mondo diverso e solidale. Un popolo che ha subito l'occupazione nazista e fascista, la frammentazione, il razzismo più becero. Ha dato al suo popolo la possibilità di vivere unito, popolo che ha sconfitto, attraverso la resistenza, e la lotta di liberazione, i fascismi e nazismi, liberando anche Trieste e Gorizia, e parte di quell'Italia, che di crimini mai puniti si è resa complice e responsabile nella Jugoslavia occupata. Morirà con Tito un grande uomo, di un grande spessore, onorato e rispettato da tanti anche perché è stato da cuscinetto tra Oriente ed Occidente guidando i non allineati al riscatto.
Un grande uomo che rimarrà impresso nell'immaginario collettivo mentre passeggia, osservando i suoi passi e pensando. Perché gli uomini che hanno segnato la nostra storia erano anche dei grandi pensatori. 
E tra questi vi sarà anche Sandro Pertini che così scriverà : "Con Tito io ho perduto un compagno ed un amico. Il suo patrimonio ideale e politico non andrà disperso. Egli l'ha lasciato in mani sicure. Con grande certezza e con l'amicizia fraterna che a Tito mi legava, guardo fiducioso all'avvenire del dopo Jugoslavo". Sandro Pertini 7 maggio 1980

Un testo che si può leggere nel museo del 25 maggio di Belgrado, sfogliando il diario che contiene tutti i messaggi per Tito.  A Trieste, dopo la ricorrenza del 70 anno della liberazione della città, quando è "tornata" la bandiera simbolo di quella liberazione nella centralissima Piazza dell'Unità, alla quale seguì un vero putiferio nazionalista e revisionista, già alcuni hanno messo le mani avanti in questo 2016. Il quartetto che possiamo definire "antijugoslavo"quale PAOLO ROVIS, ALESSIA ROSOLEN, FRANCO BANDELLI, ROBERTO ANTONIONE, hanno proposto la seguente mozione urgente al Consiglio Comunale di Trieste:

PREVENIRE E IMPEDIRE L'ESPOSIZIONE DI SIMBOLI DELL'EX­JUGOSLAVIA
DURANTE LA CELEBRAZIONE DELLA FESTA DEL LAVORO DEL 1° MAGGIO 2016



"Il Consiglio comunale di Trieste,
ricorda che in occasione della celebrazione della Festa del Lavoro, il prossimo 1° maggio 2016, si svolgerà il tradizionale corteo con comizio finale in piazza Unità d'Italia, curato dalle Organizzazioni Sindacali di Trieste;
ricorda che, lo scorso anno, alla manifestazione presero parte gruppi di persone recanti simboli e vessilli privi di qualsivoglia attinenza con la Festa dei Lavoratori;
in particolare, suscitò profondo sdegno l'ostentazione della bandiera della disciolta Repubblica Federativa Socialista di Jugoslavia, retta da figuri con il capo coperto dalle bustine dell'esercito di Tito;
ricorda che la maggior parte delle forze politiche di Trieste ha compiuto sforzi notevoli, nell'ultimo decennio, per superare, senza dimenticarle, le tragedie del Novecento che hanno devastato anima e corpo della nostra città;
ritiene che, al contrario, l'arrogante esibizione di simboli protagonisti di quelle tragedie, in una manifestazione istituzionale, costituisca un pericoloso segnale di regresso civile, culturale, politico;
sottolinea come l'apologia della dittatura titina rechi offesa e insulto alla città di Trieste e alle genti che, in nome del regime jugoslavo, hanno subito persecuzioni, violenze, morti, iniziate proprio il 1° maggio 1945 e conclusesi dopo quaranta giorni di assassinii, barbarie e infoibamenti;
ritiene che la presenza, durante la Festa del Lavoro, di tali inquietanti simboli sia anche irrispettosa di tutti i lavoratori liberi, alla cui legittima ricorrenza è stata “imposta” una inaccettabile strumentalizzazione;
e ritiene che la bandiera jugoslava e i personaggi che il 1° maggio dello scorso anno la esibirono, abbiano offeso anche la memoria di quei 2000 lavoratori operai comunisti che, nell'immediato dopoguerra, partirono da Monfalcone per raggiungere la Repubblica di Tito, attratti dal mito del socialismo reale, e finirono, invece, internati da innocenti nel gulag di Goli Otok, sul cui pennone garriva la medesima bandiera esibita a Trieste per la Festa dei lavoratori;
per tali ragioni, il Consiglio comunale di Trieste
INVITA IL SINDACO
ad adottare i provvedimenti in suo potere per evitare che anche il 1° maggio di quest'anno compaiano, lungo vie e piazze di Trieste, simboli e personaggi che si richiamano all'ex Jugoslavia e alla dittatura titina;
a invitare preventivamente gli organizzatori della manifestazione ad attuare la necessaria vigilanza affinché la celebrazione della Festa del Lavoro non venga infiltrata da tali provocatori e a sensibilizzare in tal senso le Forze dell'Ordine;

a dissociarsi con fermezza ed esprimere immediata e netta condanna a nome del Comune di Trieste se i tentativi di infiltrazione descritti dovessero venire messi in atto."


Oppure vi sono messaggi a dir poco infami ...

Bene. Una ragione in più per festeggiare questo primo maggio con i simboli della liberazione di Trieste e Gorizia e non solo e magari diffondendo anche il messaggio di Pertini. Quel primo maggio del '45 Trieste conobbe la sua liberazione e rivoluzione, l'unica rivoluzione socialista della sua storia, quella che non si deve più osare, quella che si deve dimenticare, quella che non si deve ricordare, e che verrà invece, e giustamente, ricordata con un solo grido, un solo canto, un solo inno, Smrt fašizmu,Svoboda narodu. 

Commenti

  1. Smrt fasizmu,. sloboda narodu sempre!

    Grazie...

    Queste idiozie ci fanno capire molte cose. Purtroppo, c'è troppa gente fuori di testa.

    RispondiElimina
  2. Ciao Marco, hia fatto due piccoli errori di trascrizione riportando il messaggio di Pertini (ultime righe). Per il resto sono assolutamente d'accordo.
    Smrt Fasismu, sloboda Narodu
    Gilberto Vlaic

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…