Passa ai contenuti principali

L'esercito al confine tra Italia e Slovenia rimarrà fino al 31 dicembre e poi probabile proroga

Benvenuti in Italia. 


Ti aspetteranno militari, mitra, tute mimetiche, e forze ordinarie dell'ordine. Sono lì tra Italia e Slovenia, tra la provincia di Udine, Gorizia e Trieste, dicono per una questione di sicurezza, per i fatti di Parigi, per l'Isis. Certo. Come no. Sono lì soprattutto per un motivo chiaro. Disincentivare l'ondata di profughi, che al momento pare essersi fermata, ma prima o poi riprenderà, anche se dovrà affrontare muri sempre più rigidi e difficili quali quelli che sorgono in Ungheria, in Slovenia, in Croazia, in Austria ed ora anche in Italia.  Ed a dirla tutta la rotta Balcanica non ha neanche sfiorato l'Italia, ma questo Paese deve rincorrere la logica dei muri. Già, perché l'esercito come collocato in alcune zone strategiche altro non è che il primo passo per il muro italiano. Magari non sorgerà, o forse sì, intanto l'esercito è lì. Militarizzazione dell'Europa che continua dopo l'assurdo 13 novembre 2015, e ritornano i confini. Ma quanto durerà questa operazione? Nel sito del Ministero della Difesa si legge che "l'Operazione "Strade Sicure" è iniziata il 4 agosto 2008 a seguito della promulgazione della L. n. 125 del 24 luglio 2008 n. 92 che ha autorizzato, per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità, l'impiego di un contingente di personale militare delle F.A., con qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza, posto a disposizione dei Prefetti delle Province, per condurre attività di vigilanza esterna a Centri di Accoglienza e a obiettivi sensibili e di pattugliamento e perlustrazione, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia (F.P.). L'operazione, che ha visto impiegato un contingente di 4250 unità fino al 31 dicembre 2014, è stata successivamente prorogata fino al 31 marzo 2015 prevedendo il ridimensionamento del dispositivo a 3.000 unità impiegabili e la sospensione del servizio pattugliamento e perlustrazione. Successivamente, con il Decreto Interministeriale del 27 febbraio 2015, il dispositivo è stato incrementato a 4.800 un. (a cui andranno aggiunte, dal 15 apr. al 1° nov. 2015, 600 un. per l'esigenza EXPO 2015, ulteriormente incrementate di 1255 unità dal 30 aprile al 1° novembre) e la missione è stata prorogata al 30 giugno 2015. In data 30 giugno 2015 è stato emesso il provvedimento normativo del Governo che proroga l’Operazione fino al 31 dicembre 2015". Dunque ad oggi di certo vi è che i militari, il cui numero ad oggi comunque è minimo, non si va oltre i cento circa, rimarranno in FVG a presidiare i punti strategici sicuramente fino al 31 dicembre e che una proroga trimestrale sarà probabile.Operazione per alcuni aspetti simbolica più che sostanziale, ma in ogni caso rilevante, perché ora anche l'Italia ha il suo muro, non fatto di fili spinati, ma da militari. Complimenti!

Marco Barone 
P.S.
Si suggerisce lettura anche di questo post di Stefano Lusa



.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…