Passa ai contenuti principali

L'esercito al confine tra Italia e Slovenia rimarrà fino al 31 dicembre e poi probabile proroga

Benvenuti in Italia. 


Ti aspetteranno militari, mitra, tute mimetiche, e forze ordinarie dell'ordine. Sono lì tra Italia e Slovenia, tra la provincia di Udine, Gorizia e Trieste, dicono per una questione di sicurezza, per i fatti di Parigi, per l'Isis. Certo. Come no. Sono lì soprattutto per un motivo chiaro. Disincentivare l'ondata di profughi, che al momento pare essersi fermata, ma prima o poi riprenderà, anche se dovrà affrontare muri sempre più rigidi e difficili quali quelli che sorgono in Ungheria, in Slovenia, in Croazia, in Austria ed ora anche in Italia.  Ed a dirla tutta la rotta Balcanica non ha neanche sfiorato l'Italia, ma questo Paese deve rincorrere la logica dei muri. Già, perché l'esercito come collocato in alcune zone strategiche altro non è che il primo passo per il muro italiano. Magari non sorgerà, o forse sì, intanto l'esercito è lì. Militarizzazione dell'Europa che continua dopo l'assurdo 13 novembre 2015, e ritornano i confini. Ma quanto durerà questa operazione? Nel sito del Ministero della Difesa si legge che "l'Operazione "Strade Sicure" è iniziata il 4 agosto 2008 a seguito della promulgazione della L. n. 125 del 24 luglio 2008 n. 92 che ha autorizzato, per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità, l'impiego di un contingente di personale militare delle F.A., con qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza, posto a disposizione dei Prefetti delle Province, per condurre attività di vigilanza esterna a Centri di Accoglienza e a obiettivi sensibili e di pattugliamento e perlustrazione, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia (F.P.). L'operazione, che ha visto impiegato un contingente di 4250 unità fino al 31 dicembre 2014, è stata successivamente prorogata fino al 31 marzo 2015 prevedendo il ridimensionamento del dispositivo a 3.000 unità impiegabili e la sospensione del servizio pattugliamento e perlustrazione. Successivamente, con il Decreto Interministeriale del 27 febbraio 2015, il dispositivo è stato incrementato a 4.800 un. (a cui andranno aggiunte, dal 15 apr. al 1° nov. 2015, 600 un. per l'esigenza EXPO 2015, ulteriormente incrementate di 1255 unità dal 30 aprile al 1° novembre) e la missione è stata prorogata al 30 giugno 2015. In data 30 giugno 2015 è stato emesso il provvedimento normativo del Governo che proroga l’Operazione fino al 31 dicembre 2015". Dunque ad oggi di certo vi è che i militari, il cui numero ad oggi comunque è minimo, non si va oltre i cento circa, rimarranno in FVG a presidiare i punti strategici sicuramente fino al 31 dicembre e che una proroga trimestrale sarà probabile.Operazione per alcuni aspetti simbolica più che sostanziale, ma in ogni caso rilevante, perché ora anche l'Italia ha il suo muro, non fatto di fili spinati, ma da militari. Complimenti!

Marco Barone 
P.S.
Si suggerisce lettura anche di questo post di Stefano Lusa



.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…