Passa ai contenuti principali

E' necessaria una sinistra anticapitalista unita per il FVG prima e l'Italia poi

Che il Friuli Venezia Giulia sia una regione laboratorio, è evidente, e se il pensiero corre soprattutto alla questione riforma Enti Locali, è più che ragionevole pensare che dopo il Friuli Venezia Giulia sarà il turno del Bel Paese. Accentramento, grande bello e potente e funzionale, piccolo brutto debole e non efficace. Vi è una volontà politica chiara, propria del decisionismo, che vuole spazzare via ogni processo piccolo o non piccolo. Spazzare via ogni processo che possa ostacolare, anche a livello immaginario, la cavalcata dell'onda del potere che traballa tra l'avvenire, forse ora più incerto,del Partito della nazione, o la divisione tra repubblicani e democratici, in pieno stile americano della gestione della cosa pubblica.  Il tutto, sia essa destra, che sinistra, sia essa in chiave conservatrice, riformista o progressista, ma esclusivamente capitalista. Sarà solo l'anticapitalismo a segnare la differenza, che dovrà essere raccolta dalla sinistra indipendente da qualsiasi processo di alleanza con forze politiche capitaliste e di sinistra che oggi massacrano diritti fondamentali dei lavoratori, per non parlare della disastrosa riforma della scuola, e dell'ideologia anti'68 che funge da timone dominante. Si deve ripartire, per l'ennesima volta dal nostro territorio, salvaguardando l'autonomia e la libera esistenza dei nostri Comuni, tutti, contrastando ogni processo vincolante ed obbligatorio di fusione, queste, se mai verranno, saranno e dovranno essere solo per libera ed incondizionata scelta della comunità locale, e non perché incombe la spada di Damocle del 30% dei tagli o perché essendo sotto i 5 mila abitanti sono obbligati a sciogliersi praticamente all'interno di pseudo-unioni territoriali che trasformeranno la maggior parte dei piccoli Comuni, in periferie di se stessi e favorendo l'accentramento politico che garantirà il dominio incontrastato dei grandi e soliti partiti capitalisti, in primo luogo, con tutto ciò che questo comporterà per la difesa del territorio dalle speculazioni in poi. Si deve rivendicare l'autonomia e la democrazia partecipata come guida suprema, proprio in questa terra che ha conosciuto le peggiori vesti del fascismo, ad esempio. Si deve divenire reale ponte verso l'Est d'Europa, si deve puntare alla tutela e salvaguardia assoluta dell'ambiente, della nostra storia, dei nostri prodotti. Si deve fare del sociale la punta di diamante di questa regione, dall'integrazione, al diritto al lavoro e del lavoro, creando sinergia affinché l'articolo 18, ad esempio, in Friuli Venezia Giulia possa continuare ad esistere anche per i nuovi assunti, cosa fattibile e possibile. Democrazia, autonomia, ed unità, una sinistra unita anti-capitalista, in una Europa ove nazionalismi, qualunquismi e sterili populismi, stanno trascinando intere città e Paesi verso baratri drammatici, effetti collaterali della crisi dovuta al capitalismo, che possono e devono essere contrastati proprio a partire dalla nostra regione, che deve divenire muro contro i nazionalismi, ed arco per la nuova sinistra anticapitalista unita ed unitaria. Sinistra che deve ritornare nelle strade, tra la gente con la gente, con quello che un tempo veniva chiamato popolo, che sappia parlare alle nuove generazioni, che sappia lavorare dal basso e condurre le giuste istanze nelle Istituzioni, battendosi per la democrazia reale, partecipata, e non virtuale, contro ogni logica di accentramento del potere, contro ogni decisionismo, e per la massima condivisione di progetti ed idee che devono interessare questa e le prossime generazioni. Se questa sinistra unita anticapitalista, indipendente, per dircela chiaramente dal PD, cosa naturale ed ovvia, stante il carattere capitalista di questo partito, e da quei partiti che nasceranno o che oggi esistono e sono e saranno funzionali al PD ed al capitalismo, non nascerà quanto prima, non ci sarà più alcuna reale alternativa al populismo, al nazionalismo, al capitalismo made in sinistra, ed alle destre reazionarie che fagociteranno speranze e delusioni, in un periodo ove la memoria storica è labile, corta, in un periodo ove essere di destra o sinistra non significa più nulla, la differenza è essere capitalista od anticapitalista, nazionalista od europeista, con tutti i riflessi e condizionamenti che ne deriveranno nel bene o nel male. Questo è il momento del risveglio, perché in FVG così come in Italia vi è voglia di sinistra, lo si sente, lo si percepisce, si attende solo la risposta, ma dalla sinistra vera, da quella anticapitalista, che non sia autoreferenziale ed ovviamente neanche funzionale al capitalismo e succube del capitalismo, male assoluto di questa società e fonte delle più gravi ingiustizie e diseguaglianze sociali. Ad oggi ci sono solo tanti variegati piccoli frammenti di sinistra, cocci di un vaso che è caduto ed andato perduto. Ma i frammenti di quel vaso possono e devono essere riuniti per costruire non il vaso ante caduta, ma un nuovo vaso, che sappia armonizzare gli insegnamenti del passato, con il presente per il nostro futuro senza più diseguaglianze e dove sia la verità e non l'autorità a costituire la legge.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…