Passa ai contenuti principali

E' necessaria una sinistra anticapitalista unita per il FVG prima e l'Italia poi

Che il Friuli Venezia Giulia sia una regione laboratorio, è evidente, e se il pensiero corre soprattutto alla questione riforma Enti Locali, è più che ragionevole pensare che dopo il Friuli Venezia Giulia sarà il turno del Bel Paese. Accentramento, grande bello e potente e funzionale, piccolo brutto debole e non efficace. Vi è una volontà politica chiara, propria del decisionismo, che vuole spazzare via ogni processo piccolo o non piccolo. Spazzare via ogni processo che possa ostacolare, anche a livello immaginario, la cavalcata dell'onda del potere che traballa tra l'avvenire, forse ora più incerto,del Partito della nazione, o la divisione tra repubblicani e democratici, in pieno stile americano della gestione della cosa pubblica.  Il tutto, sia essa destra, che sinistra, sia essa in chiave conservatrice, riformista o progressista, ma esclusivamente capitalista. Sarà solo l'anticapitalismo a segnare la differenza, che dovrà essere raccolta dalla sinistra indipendente da qualsiasi processo di alleanza con forze politiche capitaliste e di sinistra che oggi massacrano diritti fondamentali dei lavoratori, per non parlare della disastrosa riforma della scuola, e dell'ideologia anti'68 che funge da timone dominante. Si deve ripartire, per l'ennesima volta dal nostro territorio, salvaguardando l'autonomia e la libera esistenza dei nostri Comuni, tutti, contrastando ogni processo vincolante ed obbligatorio di fusione, queste, se mai verranno, saranno e dovranno essere solo per libera ed incondizionata scelta della comunità locale, e non perché incombe la spada di Damocle del 30% dei tagli o perché essendo sotto i 5 mila abitanti sono obbligati a sciogliersi praticamente all'interno di pseudo-unioni territoriali che trasformeranno la maggior parte dei piccoli Comuni, in periferie di se stessi e favorendo l'accentramento politico che garantirà il dominio incontrastato dei grandi e soliti partiti capitalisti, in primo luogo, con tutto ciò che questo comporterà per la difesa del territorio dalle speculazioni in poi. Si deve rivendicare l'autonomia e la democrazia partecipata come guida suprema, proprio in questa terra che ha conosciuto le peggiori vesti del fascismo, ad esempio. Si deve divenire reale ponte verso l'Est d'Europa, si deve puntare alla tutela e salvaguardia assoluta dell'ambiente, della nostra storia, dei nostri prodotti. Si deve fare del sociale la punta di diamante di questa regione, dall'integrazione, al diritto al lavoro e del lavoro, creando sinergia affinché l'articolo 18, ad esempio, in Friuli Venezia Giulia possa continuare ad esistere anche per i nuovi assunti, cosa fattibile e possibile. Democrazia, autonomia, ed unità, una sinistra unita anti-capitalista, in una Europa ove nazionalismi, qualunquismi e sterili populismi, stanno trascinando intere città e Paesi verso baratri drammatici, effetti collaterali della crisi dovuta al capitalismo, che possono e devono essere contrastati proprio a partire dalla nostra regione, che deve divenire muro contro i nazionalismi, ed arco per la nuova sinistra anticapitalista unita ed unitaria. Sinistra che deve ritornare nelle strade, tra la gente con la gente, con quello che un tempo veniva chiamato popolo, che sappia parlare alle nuove generazioni, che sappia lavorare dal basso e condurre le giuste istanze nelle Istituzioni, battendosi per la democrazia reale, partecipata, e non virtuale, contro ogni logica di accentramento del potere, contro ogni decisionismo, e per la massima condivisione di progetti ed idee che devono interessare questa e le prossime generazioni. Se questa sinistra unita anticapitalista, indipendente, per dircela chiaramente dal PD, cosa naturale ed ovvia, stante il carattere capitalista di questo partito, e da quei partiti che nasceranno o che oggi esistono e sono e saranno funzionali al PD ed al capitalismo, non nascerà quanto prima, non ci sarà più alcuna reale alternativa al populismo, al nazionalismo, al capitalismo made in sinistra, ed alle destre reazionarie che fagociteranno speranze e delusioni, in un periodo ove la memoria storica è labile, corta, in un periodo ove essere di destra o sinistra non significa più nulla, la differenza è essere capitalista od anticapitalista, nazionalista od europeista, con tutti i riflessi e condizionamenti che ne deriveranno nel bene o nel male. Questo è il momento del risveglio, perché in FVG così come in Italia vi è voglia di sinistra, lo si sente, lo si percepisce, si attende solo la risposta, ma dalla sinistra vera, da quella anticapitalista, che non sia autoreferenziale ed ovviamente neanche funzionale al capitalismo e succube del capitalismo, male assoluto di questa società e fonte delle più gravi ingiustizie e diseguaglianze sociali. Ad oggi ci sono solo tanti variegati piccoli frammenti di sinistra, cocci di un vaso che è caduto ed andato perduto. Ma i frammenti di quel vaso possono e devono essere riuniti per costruire non il vaso ante caduta, ma un nuovo vaso, che sappia armonizzare gli insegnamenti del passato, con il presente per il nostro futuro senza più diseguaglianze e dove sia la verità e non l'autorità a costituire la legge.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …