Passa ai contenuti principali

Continuano le pericolose provocazioni al confine tra Italia e Slovenia

Prima l'imbrattamento al lapidario di Gorizia, una falce e martello, una scritta “ fasci in foiba”, giorni di polemiche e dibattiti, condanne e critiche, poi l'imbrattamento di un cippo nel goriziano, con una svastica ed insulto agli sloveni, reazioni più contenute, poi il corteo di Casapound il 23 maggio a Gorizia, che ha sollevato la giusta ira del governo sloveno, oltre che la risposta come conferita dall'importante e partecipata manifestazione in città organizzata dall'osservatorio regionale antifascista del FVG. Per non parlare di ciò che è avvenuto dal punto di vista politico, una su tutte la partecipazione attiva a quel corteo di Casapound da parte dell'Assessore Romano del Comune di Gorizia, la cui maggioranza attuale ha legittimato il corteo di Casapound dal motto "risorgi, combatti e vinci". Romano che ha parlato sul palco di quella manifestazione e presentandosi come Assessore del Comune di Gorizia, poi arriva la distruzione della scritta Tito, che rappresenta la vittoria sul nazismo e fascismo, da parte di un gruppo di “neofascisti italiani”, come denunciato dalla RTV slovena ed in territorio sloveno. Nel mentre di tutto ciò, si aggiungono le polemiche sulla questione del corteo del primo  maggio di Trieste, per il 70esimo  del primo maggio '45, la dura reazione che vi è stata, la nascita di un gruppo facebook contro “i nostalgici titini”, gli attacchi contro le bandiere rosse diffuse sul territorio triestino e goriziano durante il mese di maggio, le mozioni presentate in consiglio comunale a Trieste per chiedere ingerenza del Comune sulle dinamiche del corteo del primo maggio, tentativo che verrà effettuato anche con la Provincia di Trieste. Botta e risposta. Una situazione calda che rischia di degenerare e compromettere anche i rapporti tra Italia e Slovenia. Probabilmente qualcuno, forse più di qualcuno, vorrebbe la riproposizione di muri, muri che hanno diviso città e comunità, senza dimenticare la linea francese, ora di gesso, ora di vernice, ora con cippi ora con paletti, per arrivare a vere e proprie recinzioni, che hanno diviso italiani e sloveni. Divisioni frutto del principale prodotto della prima guerra mondiale, il fascismo, e tutto ciò che esso ha determinato e comportato nei confronti degli sloveni e croati in primo luogo. Qualcuno probabilmente non accetta, non digerisce l'Europa, Europa che ha come scopo la fine di ogni processo nazionalistico, di nazionalismo, pur salvaguardando le autonomie ed identità specifiche variegate locali, come è giusto che sia.  
Il Presidente della Repubblica si è recato il 25 maggio 2015 in Serbia, Paese, per quanto riguarda la prima guerra mondiale, punito aspramente dall'Impero Austro Ungarico. Doveva pagare la penitenza, a colpi di cannone, per l'attentato all'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo e sua moglie. Morte colta con molta indifferenza a Vienna ed estrema freddezza dall'Imperatore .Quasi 750 mila serbi, ovvero un serbo su sei ovvero quasi il 22% della popolazione verrà spazzato via, la percentuale più alta tra tutti i Paesi coinvolti dalla prima guerra mondiale. Serbia che comunque conoscerà la mano  Il Presidente ha dichiarato, all'Assemblea Nazionale serba, che "Libertà, pace e democrazia, sono le fondamenta su cui poggia il futuro del nostro continente. Valori oggi, purtroppo, messi a rischio da eventi drammatici, di cui mai avremmo pensato di dover essere testimoni. (...)La Serbia, in un momento in cui sarebbe stato facile ascoltare le sirene dell'euroscetticismo e di anacronistici nazionalismi, ha saputo assegnare priorità assoluta al proprio percorso europeo, con un'evoluzione politica di grande portata”. Ci si augura che la condanna al nazionalismo anacronistico valga non solo per la Serbia ma anche per l'Italia. L'Italia è uno dei Paesi fondatori dell'Unione Europea, abbiamo responsabilità politiche certamente più rilevanti rispetto a quelle di altri Paesi, dobbiamo essere noi a dare l'esempio, ma il caso Gorizia, ad esempio, ad oggi, vista la legittimazione che si è conferita al corteo di Casapound, anche a livello istituzionale, corre in direzione  drammaticamente opposta. 
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…