Passa ai contenuti principali

Tra la Fieste de Patrie dal Friul e quella triestina dove mettiamo la Bisiacaria?

Appena sbarchi a Ronchi, uscito dall'aeroporto noterai la grande scritta “aeroporto del Friuli-Venezia Giulia” e poi i simboli delle quattro città capoluogo. Aeroporto che si chiama di Trieste, di Ronchi, del FVG, in provincia di Gorizia, ma intitolato a Pietro Savorgnan di Brazzà . Insomma in un nano secondo capisci quanto è difficile e complessa questa terra. Aeroporto che riporta la scritta con il trattino, che divide il Friuli dal Venezia Giulia, trattino che a livello ufficiale sarebbe venuto meno dal 2001 ma che lì ancora resiste. Che ha il nome di Ronchi ma anche quello di Trieste, seppur in provincia di Gorizia, ma anche quello della nostra regione e dedicato ad un “esploratore friulano”, anche se nato a Roma e morto a Dakar e con cittadinanza francese. Ora, come è noto, si vuole realizzare la Fieste de Patrie dal Friul ed ovviamente non poteva mancare la risposta di Trieste, già presentati ,neanche a dirlo per iniziativa leghista, proposte per la festa triestina, o meglio della patria triestina.E quale potrebbe mai essere il giorno? Quello dell'arrivo dell'Impero, della caduta dell'Impero,della conquista da parte italiana, del 1 maggio del '45, del 12 giugno del '45, del 4 luglio del '46, del 10 febbraio del '47, del 26 ottobre del '54, del 16 febbraio del '63 ecc? Oppure si deve risalire all'età romana od al XII secolo quando divenne libero comune? E si potrebbe continuare ancora. Nel bel mezzo tra il Friuli e Trieste si pone la Bisiacaria, che nel noto gioco Frico, ex Friko, è zona cuscinetto. Ma siamo certi che deve essere questo il destino della Bisiacaria? Una semplice zona cuscinetto? Stando a questo localistico gioco, tra la festa del Friuli e quella di Trieste si pone quella della Bisiacaria. Quando potrebbe essere il giorno? Potrebbe cadere il 29 agosto ricordando il 1386 a quando risale la prima testimonianza storica dell'uso del nostro dialetto il bisiac. E l'inno? Beh a Ronchi esistono quattro inni, uno ufficiale, tre ufficiosi, anche se quello più noto e forse amato sembra essere l'inno di Tarlao musicato da Kubik con il noto verso “ronchi borgata di sole scuola di patrie virtù stanza di feste e carole il mio sospiro il mio sospir sei tu”. Però esiste ora anche l'inno della Bisiacaria, creato a Turriaco, del gruppo costumi bisiachi di Turriaco. 

Ma gli esempi potrebbero continuare. Senza dimenticare Monfalcone, San Canzian, San Pier d'Isonzo, Staranzano, Fogliano ed il dilemma di Sagrado è o non è Bisiacaria? Insomma un gran caos, e non si può escludere che verranno proposte altre feste, quali quella di Gorizia o Pordenone. D'altronde è evidente che nell'epoca della grande omologazione, e riforma degli enti locali 2014 docet, il piccolo si risveglia, alza la testa e vuol far sentire la propria voce anche a colpi di festa in una terra dalle cento e più patrie dove il piccolo è giustamente bello e dove l'autonomia deve essere sintomo di democrazia e non di sterile campanilismo. Comunque sia ora più che mai Viva l'A e po bon, con l'A non in senso italianizzato (là) ma austriaco...ed anche qui apriti cielo...che solo un buon bicer de vin può salvare dalle rivalità tutte nostrane.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …