Passa ai contenuti principali

Tra la Fieste de Patrie dal Friul e quella triestina dove mettiamo la Bisiacaria?

Appena sbarchi a Ronchi, uscito dall'aeroporto noterai la grande scritta “aeroporto del Friuli-Venezia Giulia” e poi i simboli delle quattro città capoluogo. Aeroporto che si chiama di Trieste, di Ronchi, del FVG, in provincia di Gorizia, ma intitolato a Pietro Savorgnan di Brazzà . Insomma in un nano secondo capisci quanto è difficile e complessa questa terra. Aeroporto che riporta la scritta con il trattino, che divide il Friuli dal Venezia Giulia, trattino che a livello ufficiale sarebbe venuto meno dal 2001 ma che lì ancora resiste. Che ha il nome di Ronchi ma anche quello di Trieste, seppur in provincia di Gorizia, ma anche quello della nostra regione e dedicato ad un “esploratore friulano”, anche se nato a Roma e morto a Dakar e con cittadinanza francese. Ora, come è noto, si vuole realizzare la Fieste de Patrie dal Friul ed ovviamente non poteva mancare la risposta di Trieste, già presentati ,neanche a dirlo per iniziativa leghista, proposte per la festa triestina, o meglio della patria triestina.E quale potrebbe mai essere il giorno? Quello dell'arrivo dell'Impero, della caduta dell'Impero,della conquista da parte italiana, del 1 maggio del '45, del 12 giugno del '45, del 4 luglio del '46, del 10 febbraio del '47, del 26 ottobre del '54, del 16 febbraio del '63 ecc? Oppure si deve risalire all'età romana od al XII secolo quando divenne libero comune? E si potrebbe continuare ancora. Nel bel mezzo tra il Friuli e Trieste si pone la Bisiacaria, che nel noto gioco Frico, ex Friko, è zona cuscinetto. Ma siamo certi che deve essere questo il destino della Bisiacaria? Una semplice zona cuscinetto? Stando a questo localistico gioco, tra la festa del Friuli e quella di Trieste si pone quella della Bisiacaria. Quando potrebbe essere il giorno? Potrebbe cadere il 29 agosto ricordando il 1386 a quando risale la prima testimonianza storica dell'uso del nostro dialetto il bisiac. E l'inno? Beh a Ronchi esistono quattro inni, uno ufficiale, tre ufficiosi, anche se quello più noto e forse amato sembra essere l'inno di Tarlao musicato da Kubik con il noto verso “ronchi borgata di sole scuola di patrie virtù stanza di feste e carole il mio sospiro il mio sospir sei tu”. Però esiste ora anche l'inno della Bisiacaria, creato a Turriaco, del gruppo costumi bisiachi di Turriaco. 

Ma gli esempi potrebbero continuare. Senza dimenticare Monfalcone, San Canzian, San Pier d'Isonzo, Staranzano, Fogliano ed il dilemma di Sagrado è o non è Bisiacaria? Insomma un gran caos, e non si può escludere che verranno proposte altre feste, quali quella di Gorizia o Pordenone. D'altronde è evidente che nell'epoca della grande omologazione, e riforma degli enti locali 2014 docet, il piccolo si risveglia, alza la testa e vuol far sentire la propria voce anche a colpi di festa in una terra dalle cento e più patrie dove il piccolo è giustamente bello e dove l'autonomia deve essere sintomo di democrazia e non di sterile campanilismo. Comunque sia ora più che mai Viva l'A e po bon, con l'A non in senso italianizzato (là) ma austriaco...ed anche qui apriti cielo...che solo un buon bicer de vin può salvare dalle rivalità tutte nostrane.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…