Passa ai contenuti principali

Tra la Fieste de Patrie dal Friul e quella triestina dove mettiamo la Bisiacaria?

Appena sbarchi a Ronchi, uscito dall'aeroporto noterai la grande scritta “aeroporto del Friuli-Venezia Giulia” e poi i simboli delle quattro città capoluogo. Aeroporto che si chiama di Trieste, di Ronchi, del FVG, in provincia di Gorizia, ma intitolato a Pietro Savorgnan di Brazzà . Insomma in un nano secondo capisci quanto è difficile e complessa questa terra. Aeroporto che riporta la scritta con il trattino, che divide il Friuli dal Venezia Giulia, trattino che a livello ufficiale sarebbe venuto meno dal 2001 ma che lì ancora resiste. Che ha il nome di Ronchi ma anche quello di Trieste, seppur in provincia di Gorizia, ma anche quello della nostra regione e dedicato ad un “esploratore friulano”, anche se nato a Roma e morto a Dakar e con cittadinanza francese. Ora, come è noto, si vuole realizzare la Fieste de Patrie dal Friul ed ovviamente non poteva mancare la risposta di Trieste, già presentati ,neanche a dirlo per iniziativa leghista, proposte per la festa triestina, o meglio della patria triestina.E quale potrebbe mai essere il giorno? Quello dell'arrivo dell'Impero, della caduta dell'Impero,della conquista da parte italiana, del 1 maggio del '45, del 12 giugno del '45, del 4 luglio del '46, del 10 febbraio del '47, del 26 ottobre del '54, del 16 febbraio del '63 ecc? Oppure si deve risalire all'età romana od al XII secolo quando divenne libero comune? E si potrebbe continuare ancora. Nel bel mezzo tra il Friuli e Trieste si pone la Bisiacaria, che nel noto gioco Frico, ex Friko, è zona cuscinetto. Ma siamo certi che deve essere questo il destino della Bisiacaria? Una semplice zona cuscinetto? Stando a questo localistico gioco, tra la festa del Friuli e quella di Trieste si pone quella della Bisiacaria. Quando potrebbe essere il giorno? Potrebbe cadere il 29 agosto ricordando il 1386 a quando risale la prima testimonianza storica dell'uso del nostro dialetto il bisiac. E l'inno? Beh a Ronchi esistono quattro inni, uno ufficiale, tre ufficiosi, anche se quello più noto e forse amato sembra essere l'inno di Tarlao musicato da Kubik con il noto verso “ronchi borgata di sole scuola di patrie virtù stanza di feste e carole il mio sospiro il mio sospir sei tu”. Però esiste ora anche l'inno della Bisiacaria, creato a Turriaco, del gruppo costumi bisiachi di Turriaco. 

Ma gli esempi potrebbero continuare. Senza dimenticare Monfalcone, San Canzian, San Pier d'Isonzo, Staranzano, Fogliano ed il dilemma di Sagrado è o non è Bisiacaria? Insomma un gran caos, e non si può escludere che verranno proposte altre feste, quali quella di Gorizia o Pordenone. D'altronde è evidente che nell'epoca della grande omologazione, e riforma degli enti locali 2014 docet, il piccolo si risveglia, alza la testa e vuol far sentire la propria voce anche a colpi di festa in una terra dalle cento e più patrie dove il piccolo è giustamente bello e dove l'autonomia deve essere sintomo di democrazia e non di sterile campanilismo. Comunque sia ora più che mai Viva l'A e po bon, con l'A non in senso italianizzato (là) ma austriaco...ed anche qui apriti cielo...che solo un buon bicer de vin può salvare dalle rivalità tutte nostrane.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …