Passa ai contenuti principali

Quando Mattarella nel 2005 firmò proposta di legge per la cittadinanza italiana a favore degli esuli


Che la DC abbia avuto un ruolo devastante nella definizione della soluzione del Confine Orientale è fatto notorio, anche se solo di recente approfondimento. Che il neo eletto Presidente della Repubblica dovesse provenire da quel mondo, quello democristiano, era una questione che per alcuni aspetti venne prevista da diversi analisti, perché in questa epoca era necessario avere un politico saldamente conservatore nei principi e cattolico, una vecchia scuola che potesse garantire con “sobrietà” la funzione presidenziale senza interferire così come ha fatto il suo predecessore negli affari interni. Comunque sia uno degli aspetti che mi interessava capire era se Mattarella, nel corso della sua attività politica, avesse proposto qualche atto o meno in merito alla questione del Confine Orientale e nello specifico sulla questione esuli. La risposta è affermativa. A firma di Rosato, Castagnetti, Damiani, Bressa, Lettieri, Detomas e dunque Mattarella, si  presentava  nel 2005 una proposta di legge che voleva modificare la legge n. 92 del 1991. Nella premessa di quel testo si legge che : “ il forte e vivo senso di appartenenza e di identità italiana che contraddistingue i nostri connazionali residenti all’estero, oltre a manifestarsi attraverso la quotidiana attivita` delle comunita` e delle associazioni per mantenere il contatto con il nostro Paese e per favorire la loro integrazione nel territorio, emerge dalle numerose richieste rivolte al Governo e al Parlamento italiano di modificare la legislazione vigente al fine di vedersi riconosciuta la possibilita` di acquisire la cittadinanza italiana”. Ed ancora " Italiani rimasti nei territori ceduti alla Jugoslavia in seguito al Trattato di pace di Parigi del 10 settembre 1947, reso esecutivo dal decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato n. 1430 del 1947, e al Trattato di Osimo del 10 novembre 1975, reso esecutivo dalla legge n. 73 del 1977, costretti a rinunciare alla cittadinanza italiana nel momento in cui i loro territori sono passati ad un altro Stato e quindi oggi cittadini sloveni e croati, e cittadini italiani che dopo il 1947, alcuni anche prima, come esuli hanno abbandonato quelle terre di origine e per i quali l’unica possibilita` e` stata quella di emigrare in continenti lontani, Australia, America del Nord, America del Sud, quasi sempre registrati dagli uffici dell’immigrazione e dell’anagrafe dei Paesi di accoglienza quali profughi jugoslavi o apolidi (« displaced persons »), anche se il loro desiderio sarebbe stato quello di continuare a essere cittadini italiani” E dunque nel testo si specifica che “Si ritiene che gli istriani, fiumani e dalmati emigrati in altri Paesi del mondo abbiano lo stesso diritto di vedersi riconosciuta la facolta` di riacquistare finalmente la cittadinanza italiana. Da qui la necessita` di disporre una normativa a integrazione della legge n. 92 del 1991 che, inequivocabilmente e senza limiti di tempo e di eta`, riconosca parimenti sia agli italiani residenti nei territori ceduti oggi facenti parte delle Repubbliche di Slovenia e di Croazia sia agli esuli emigrati in altre parti del mondo e ai loro discendenti il diritto di ottenere la cittadinanza italiana”. Volendo guardare i Presidenti della Repubblica eletti in Italia a partire dalla morte di Tito, avvenuta nel 1980, e quindi da Cossiga in poi, tra le altre cose nominato successivamente anche socio onorario dell'associazione italiana Stay Behind, ovvero dal 3 luglio 1985, prima della loro nomina hanno manifestato un certo interesse ed una certa vicinanza alla questione del Confine Orientale, vedi, ad esempio, Scalfaro nel 1953 sottosegretario alla presidenza del Consiglio ai tempi del governo Scelba (10 febbraio 1954 – 22 giugno 1955)  ove sembra che scrisse una lettera al presidente del Consiglio Giuliano Amato e lo esortava a far «luce sulle circostanze che portarono all'eliminazione di alcune migliaia di cittadini italiani originari quelle zone da parte delle formazioni partigiane jugoslave»; o Ciampi, nel 1997 giusto per fare un piccolo esempio, si interessò prima della sua nomina a Presidente della Repubblica della questione degli esuli, ed ovviamente nel corso del loro mandato, tutti i Presidenti citati, hanno mantenuto posizioni di elevato nazionalismo ed in piena armonia con una visione che molti storici tendono, giustamente, a definire altamente revisionista sulla questione controversa e complessa e compressa nel nazionalismo nostrano del Confine Orientale. Ora molti sperano che lo «spirito di Trieste del 2010 come accolto dallo spirito di Pola possa consolidarsi nel tempo anche con il nuovo Presidente della Repubblica, uno spirito che in Italia ha avuto l'effetto di comportare una chiara visione mistificatrice sulle questione del Confine Orientale, con dogmi, demonizzazioni, falsificazioni, calunnie e menzogne volte a santificare la rosa della loro verità per la“madre nazione” Italia, una madre che ha mandato a morire barbaramente i suoi figli per delle terre ancora oggi contese. Sono certo che il nuovo Presidente della Repubblica sarà fedele, fedelissimo  alla linea come santificata dalla legge sul giorno del ricordo. 
Ricordare per ritornare.

note: Link fonte foto

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…