Passa ai contenuti principali

La triste Trieste di Pasolini ove "finisce l'Italia ed anche l'estate"

Un viaggio che inizia dal confine italo-francese nella valle del Rio san Luigi per terminare lì ove“finisce l'Italia e l'estate” sull'ultima spiaggia italiana, al Lazzaretto alle porte della Jugoslavia. Ha toccato Pasolini diverse località, come Ostia ove verrà accolto “sotto un temporale blu come la morte”e come non pensare alla sua violenta e tragica fine, alla sua brutale uccisione avvenuta proprio ad Ostia, come Livorno che è la città d'Italia che “dopo Roma e Ferrara mi piacerebbe più vivere, a Fregene ove incontrerà Moravia, Fellini mentre girava una scena della dolce vita, alla Cutro dei “banditi” che gli varrà una infinità di polemiche e strumentalizzazioni politiche. Un viaggio effettuato nell'estate del 1959,un giro per le spiagge italiane, da“Ventimiglia a Trieste”per incarico della rivista Successo. Pensieri ed impressioni trattate, come ricorderà lo stesso Pasolini in una lettera inviata al Paese sera del 28 ottobre 1959 non in termini sociologici e nemmeno veramente letterari, ma realizzando “un piccolissimo stenografo Reisebilder "in cui non sono andato oltre la prima cute” che si potrà leggere nel libro la lunga strada di sabbia a cura di Philippe Secliér edizioni Contrasto come il resto del viaggio di Pasolini. Ma in realtà Pasolini è andato oltre la prima cute con sfumature e rappresentazioni dei luoghi che ben lasciano trapelare la percezione dello stato delle cose e la sua prospettiva, la prospettiva pasoliniana. A Trieste giungerà, a bordo della sua Millecento nel mese di agosto del 1959. Parlerà subito della periferia, che si “stende sulla strada d'Istria e di Pola”. E con il suo occhio anche cinico ha colto l'immutabilità della vita di Trieste, tra chi corre, tra l'affollamento della città e contestualmente l'insieme che diventa vuoto. "Si sta male", scriverà Pasolini. Un malessere che nasce dal suo andare contro, controcorrente, perché nessuno prende la strada di Pola. Un punto, immensamente chiaro, un punto, che con lo stile di Pasolini lascia ben intendere cosa voleva dire, scrivere e comunicare. Un sentimento dalle sottili sfumature politiche, rilevato il fatto che solo da pochi anni, cinque anni prima per l'esattezza, a Trieste era ritornata l'amministrazione italiana. Italia che non sarà più a Pola e neanche in Istria come conseguenza della storia, una conseguenza che Pasolini chiude con un punto che va oltre il formale punto. Per poi rappresentare la cornice industriale di Trieste, cantieri del porto, gli ultimi palazzoni, le tristi colline fumose, muri invalicabili, un formicolio desolato. Insomma una Trieste triste od una triste Trieste è quella che rimarrà impressa nella memoria del poeta. Sentimento di tristezza che pare accompagnarlo sino al Lazzaretto, quella che in modo molto efficace definirà come l'ultima spiaggia italiana. E poi lo sguardo sottile e fuggente oltre il confine. Scriverà che oltre il confine “non si vede più un'anima, il territorio jugoslavo pare disabitato”.Sentimenti ostili che lo condurranno a scrivere notando il sopraggiungere di un temporale da “due tristi gobbe di colline” che "non c'è ferragosto in Jugoslavia? Non c'è estate?". Per concludere, dopo aver descritto un siparietto di un gruppetto di persone, che “qui finisce l'Italia, finisce l'estate”. Come se in Jugoslavia non vi fosse sole e neanche estate, eppure le coste adriatiche jugoslave erano e sono dei posti meravigliosi, una meraviglia che Pasolini non ha voluto o potuto cogliere neanche a livello immaginario, sia perché il viaggio doveva terminare lì ove doveva finire l'estate, sia per altri motivi che vanno oltre le semplici e banali impressioni di viaggio, che si conciliano con le sue visioni come emerse nella pregressa opera quale “Il sogno di una cosa”,anche se pubblicata nel 1962. E quando in poche battute scrive che più nessun triestino percorreva la strada di Pola, ma l'unico a farlo, controcorrente, era lui, il poeta controverso e barbaramente ucciso nella notte tra il 1 e 2 novembre del 1975 sulla spiaggia dell'idroscalo di Ostia, sicuramente per chi ha vissuto questi luoghi,conosce la storia di questi luoghi, ciò non potrà lasciare indifferenti. Insomma anche un reportage scritto da Pasolini nel 1959 certamente è in grado ancora oggi di fare discutere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…