Passa ai contenuti principali

Trieste: dedicare una via, una piazza al 1° maggio,giorno della liberazione della città e festa del lavoro

Trieste è una città ove esistono una marea di vie dedicate ad irredentisti e nazionalisti e non solo, come a Timeus il quale scriveva, per esempio:“ la questione delle maggioranze slave non è per noi che accademia, perché siano gli slavi pochi o molti noi le province di confine le dobbiamo conquistare, in ogni caso, per ragioni politiche, economiche e soprattutto strategiche, indipendenti da ogni questione di diritto nazionale. Per noi ha comunque più valore l’esistenza di diecimila italiani che quella di cinquanta o cento mila slavi “ e precursore del fascismo,  a D'Annunzio che oltre ai suoi noti rapporti con il fascismo, alla marcia eversiva e militarista ed antesignana del fascismo, quale quella di Fiume, è il caso di ricordare anche alcuni suoi scritti razzisti nei confronti dei croati e delle comunità jugoslave: «il croato lurido, s’arrampicò su per le bugne del muro veneto, come una scimmia in furia, e con un ferraccio scarpellò il Leone alato oppure (…) quell’accozzaglia di Schiavi meridionali che sotto la maschera della giovine libertà e sotto un nome bastardo mal nasconde il vecchio ceffo odioso…» (dalla Lettera ai Dalmati); oppure «Fuori la schiaveria bastarda e le sue lordure e le sue mandrie di porci!»;oppure a colui che ieri come oggi non potrebbe che essere definito come terrorista, Oberdan, al quale è stata dedicata una piazza importante della città, ma esiste anche una scuola a lui intitolata. Vi è per esempio via del 24 maggio, giorno in cui l'Italia dichiarerà guerra al suo precedente alleato per ragioni di opportunismo rompendo ogni stato di neutralità e mandando a morire migliaia di giovani  ma non esiste, invece, una via dedicata al 1° maggio. Festa dei lavoratori ma anche giorno della liberazione della città dall'occupazione nazifascista. Il primo maggio del 1945 alle sei di mattina con cinque carri armati leggeri e duecento mitragliatrici, i partigiani jugoslavi, entrando a Trieste, libereranno de facto la città, atto che si ultimerà il 2 maggio con la resa degli ultimi reparti nazisti ad altre truppe alleate. I partigiani Jugoslavi furono anche i primi ad entrare in Risiera, salvando buona parte del materiale ivi raccolto e conservato presso l'archivio di Lubiana. Il 3 maggio del 1945 si riuniva il Consiglio dei Ministri al palazzo del Viminale il quale approvava una lunga mozione in merito alla liberazione di Trieste così scrivendo tra le altre cose, dopo aver ribadito il carattere di mera italianità della città:“manda un plauso riconoscente alle Truppe Alleate e alle formazioni Partigiane che hanno contribuito alla sua liberazione”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto