Passa ai contenuti principali

Come non casualmente la non foiba di Basovizza oscura il monumento agli eroi antifascisti di Basovizza









La riflessione che ora voglio con voi condividere, nasce dalle sensazioni, emozioni vissute nella domenica del sette settembre in Basovizza, frazione del Comune di Trieste, durante la commemorazione ufficiale per i quattro eroi antifascisti sloveni fucilati a Basovizza dai fascisti. Forse quello che ora brevemente scriverò è già stato scritto da altri autori od altre autrici, e me ne scuso per la mancata citazione, ma quello che vorrei evidenziare è come il senso della consapevolezza emerge vivendo i luoghi, luoghi ove la storia è ancora viva, luoghi ove la storia è in cerca dell'affermazione della giustizia per l'unica verità condivisibile, quella realmente accaduta. Ferdo Bidovec, Franjo Marušič, Zvonimir Miloš e Alojz Valenčič, 


giovanissimi, vennero condannati a morte in quello che è stato definito come il primo processo di Trieste, dal Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato Fascista. Quattro ragazzi, quattro sloveni, quattro antifascisti, ammazzati a colpi di piombo il 6 settembre del 1930, per la loro giusta azione antifascista. Per chi volesse approfondire la loro storia, rinvio a questo intervento di Claudia Cernigoi: http://www.diecifebbraio.info/2012/09/martiri-di-basovizza-6-settembre-1930/

Dal 9 settembre 1945, in quel luogo, è stato inaugurato un monumento in memoria dei quattro eroi di Basovizza e da allora, ogni domenica successiva al sei settembre si svolge una commemorazione ufficiale, partecipatissima.

Eroi di Basovizza diventati simbolo dell'antifascismo, della riscossa slovena alle violenze fasciste, alla pulizia etnica subita dalla comunità slovena. Eroi di Basovizza che dal 1945 in poi hanno sempre richiamato in quel luogo, in quel prato, ove oggi vi sono quattro blocchi di pietra,
ed un monumento che ha subito 13 attentati, le voci della condivisione dei valori antifascisti e del riscatto della Comunità Slovena. Ma questo a Basovizza, frazione di Trieste, dunque facente parte della città di Trieste, non doveva succedere. Non si poteva tollerare che Basovizza, dunque Trieste, diventasse centro esclusivo della memoria antifascista e slovena.
No.
Ed allora, con artifici incredibili, si arriverà alla edificazione della “foiba di Basovizza” come monumento nazionale, ed il nome di Basovizza nella memoria degli italiani verrà, grazie al bombardamento mediatico e di una parte complice istituzionale, associato solo alla questione foibe. Della vicenda dei quattro eroi di Basovizza dei quattro sloveni antifascisti se ne perderà ricordo e memoria in via massiva oltre il confine orientale. Eppure, fatto ultra noto, un pozzo minerario, o meglio una cavità artificiale scavata nel primo decennio del XX secolo per la ricerca di carbone, diventato/a discarica nel corso del tempo, prima di essere definitivamente chiuso/a, è diventato/a foiba, e monumento nazionale “simbolo per i familiari degli infoibati e dei deportati deceduti nei campi di concentramento in Jugoslavia e delle associazioni degli italiani esuli dall'Istria, da Fiume e dalla Dalmazia, che qui ricordano le vittime delle violenze del 1943-1945” Eppure dell'atto ufficiale che vorrebbe quel monumento, falso storico, come monumento nazionale, ad oggi, non vi è alcuna traccia.
Rinvio a questo mio intervento sul punto :

Dunque nella mente di chi non vive questi luoghi, o di chi vive questi luoghi ma che conoscerà solo ciò che il grande sistema medicatico ed informativo vuole farti conoscere, apprenderà che a Basovizza vi è una foiba e monumento nazionale, assocerà il nome di Basovizza solamente a ciò. Quando ho visto con i miei occhi la viva partecipazione alla giornata del ricordo per gli eroi antifascisti sloveni fucilati a Basovizza, ho capito il perché, il perché a pochi metri da quel luogo, che per decenni è stato centro di rilevanza internazionale per la memoria antifascista, doveva nascere ed affermarsi dell'altro,dell'altro che pur essendo un falso storico, dell'altro che ha pur trasformato una discarica in monumento nazionale, poco importava, quello che doveva importare è che Basovizza doveva essere il luogo della foiba e monumento nazionale e nazionalista e non centro della memoria antifascista slovena ed italo/slovena. D'altronde di cosa stupirsi rilevato che emerge sempre con maggior forza la volontà, da parte di alcune realtà ben inserite e protette a livello istituzionale, di ricordare, tramite mistificazioni allucinanti, i fascisti come martiri per l'italianità di Trieste? Becero revisionismo storico che ha prodotto un falso storico, con lo scopo di annientare, in Basovizza, la memoria ed il ricordo dei quattro eroi antifascisti, perché Basovizza non deve essere slovena ed antifascista, pur essendoci una comunità slovena rilevante che nel 1910 era pari al 97% della popolazione lì abitante. Basovizza deve essere associata solamente  alla (non)foiba, ma così non sarà.




Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…