Passa ai contenuti principali

Lo scempio nella Baia di Sistiana




Alle tue spalle il castello di Duino ed il sentiero Rilke, che attualmente ha gli accessi chiusi, innanzi ai tuoi occhi,si pone invece, lo scempio della Cava di Sistiana. Uno scempio tipico di quelle realtà ove le mafie regnano sovrane con le loro speculazioni. Speculazioni, intendendosi per tali quelle operazioni finalizzate a conseguire il massimo utile sfruttando senza alcun scrupolo etico e morale le situazioni ottimali maturate nel tempo. Cos'è la mafia? La mafia, con tutte le sue articolazioni, altro non è che il dominio dell'interesse individuale su quello generale, l'interesse personale su quello collettivo, l'interesse prevalente soggettivo su quello del bene comune. Bene comune che muta in bene comune su cui speculare. La mentalità mafiosa, il modo di governare la cosa pubblica è spesso tipica di quel modo di fare che vede sopra ogni trono l'interesse particolare prevalere e dominare indisturbato. Chi ha favorito la realizzazione di certi processi, non pagherà nulla, né eticamente, né moralmente, né in via penale e civile. Anzi, beffa del sistema, ne uscirà gratificato.
La colpa, con le dovute valutazioni del caso, non è di chi cerca di realizzare opere ed interventi edilizi in zone che dovrebbero essere immuni da ogni artificio umano. No, la colpa prevalente è di chi acconsente a ciò. D'altronde il capitalismo è nato per governare e snaturare madre natura, di cosa stupirsi? Il profitto prima di ogni altro valore immateriale. Dopo questa breve riflessione generale veniamo al dunque della ferita nella baia di Sistiana. 

Inseguito alla morte della cava, ora nasce Portopiccolo che viene presentato come un borgo con caratteristiche che lo rendono unico nel Mediterraneo. Progettato- così si legge sul sito della società- per sanare una ferita inferta al territorio da una secolare attività di escavazione, reintegra la naturalistica bellezza della costa esistente. Nascerà anche uno Yacht Club e per non farsi mancare nulla anche l'Hotel a 5 stelle! 245 milioni di euro di investimenti, 396 residenze turistiche, 40 nuove attività tra pubblici esercizi, negozi, servizi alla persona, arte e artigianato e lavoro per circa 200 persone. Ognuno esercita il proprio mestiere. Quella zona è stata oggetto di battaglie politiche, interpellanze, ricorsi e via dicendo. WWF e LIPU nel 2013 con il dossier sul depauperamento dei siti Natura 2000 e sulla Valutazione di Incidenza in Italia ricordavano che in quella zona è emersa una ulteriore escavazione di un ex cava finalizzata ad opere edili per il turismo. La Valutazione di Incidenza sarebbe difforme dall’art. 6, comma 3, della Direttiva Habitat, con conseguente distruzione di habitat prioritario (8240 * Pavimenti calcarei). Ma il reclamo presentato alla CE è stato archiviato. Nel 2002 la Soprintendenza scriveva che l'edificazione nella cava dovrà essere di tipo non intensivo, e perseguire l'obiettivo di ricucire l'aspetto paesaggistico del costone costiero. Le variazioni del fronte di cava non devono produrre rimodellamenti del ciglio superiore, ma solo di quello inferiore. Le costruzioni dovranno essere mimetizzate nel verde evitando la realizzazione di fronti compatte ed elementi che accentrino l'attenzione visiva dal mare. La nuova insenatura è una soluzione in armonia con l'ambiente marino per la rivitalizzazione del luogo, ma non deve costituire una forte alterazione del paesaggio naturale. Oggi, come ieri, osservi quella immensa ferita. Il Portopiccolo giungerà presto ad ultimazione. Battezzato come la piccola Monte Carlo triestina, non essendo possibile trasformare ancora Trieste in Monte Carlo, ci si accontenta della prima periferia, con l'assedio del lusso, un diritto per pochi, ingiustizia per tanti. Ma ribadisco il problema non è chi edifica, perché come scritto ognuno esercita il proprio mestiere nel capitalismo che ha drogato l'Italia, il problema è semmai il modo con il quale si gestisce il bene comune, l'interesse collettivo e chi lo amministra. Sono loro i responsabili di quello scempio, sin dai tempi della creazione della cava, d'altronde quando una cava giunge alla sua fine le soluzioni sono poche, o si edifica, o si ripristina, nel tempo anche secolare, lo stato originario, o semplicemente rimane quella bocca aperta segno di ingordigia scalfita su alture, colline o montagne a significare che l'uomo è disumano. E non dimentichiamoci che la natura prima o poi si riprenderà i suoi spazi, anche violentemente e le lacrime a quel punto saranno solo fittizie ed ipocrite.







Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…