Passa ai contenuti principali

Il nuovo spettacolo del teatro romano di Ts: l'immondizia



Dopo il non entusiasmante spettacolo, erbaccia, e dopo il sorprendente il teatro mutato in stagno con tanto di fuga di rospi, ora è il turno dell'immondizia ma con un tocco di erbaccia.

Domenica due giugno 2013. Un pullman di turisti sosta innanzi al teatro romano di Trieste.
E sentirai dire: ma come è ridotto? Oppure, che sporcizia.
Ed hanno ragione.
Sul marciapiede rifiuti gettati per terra.
All'interno del teatro romano troverai bottiglie di vetro, ombrelli rotti e carta.

Ma il top è quello che si cela, ma poi non tanto, nella parte orientale.
Una rete in metallo per letto singolo e altro materiale non meglio decifrato.


Non si tratta né di una commedia di Terenzio né di una tragedia di Seneca ma è la realtà.
E poi ovviamente, ecco la colonnina che dovrebbe fornire informazioni sulla storia del teatro, ma è semplicemente vuota. 

Certo, ora è il momento del 3d, bello ed emozionante, ma avere cura dell'esistente è così arduo?
La responsabilità prima di ogni cosa è di tutte quelle persone che si dilettano a gettare rifiuti all'interno del teatro romano o per strada.
Se è questo lo spettacolo che si offre ai turisti, con un molo audace che continua ad essere in condizioni pietose, le rive tutte dissestate, e rattoppate alla meno peggio, sporcizia dilagante, non è proprio un bel segnale per Trieste che aspirava a divenire capitale europea per la cultura.

Commenti

  1. Il responsabile del settore avrà delle responsabiltà o non esiste, puizia di tutti questi luoghi a chi viene preso a urinare e a imbrattare sopratutto a quelli che adoperano la città come portacenere, basta accanirsi con le auto diamoci da fare con il decoro della città, tipico esempio sottopassaggio della nostra bellissima stazione ferroviaria, un porcile.........dove vi nascondete signori assessori....Mario Klinkon

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto