Passa ai contenuti principali

Livorno ed Ancona vogliono il punto franco, depositato il disegno di legge



Alcuni parlamentari del Partito Democratico, hanno depositato la Proposta di Legge A.C. 706 che ha come scopo l’istituzione di punti franchi nelle seguenti aree:
a) nel porto di Ancona, nel suo retro-porto, nell’interporto di Jesi e nell’area artigianale di Senigallia;
b) nel porto di Livorno, nel suo retro-porto e nell’interporto A. Vespucci in località Guasticce.

Nelle aree citate, si applicherà l’esenzione dai seguenti diritti e imposte:
a) diritti di confine, dazi doganali, sovrimposte di confine, prelievi agricoli, restrizioni quantitative e qualitative o qualsiasi tassa o misura di effetto equivalente; b) imposta sul reddito delle persone
fisiche, imposta sul reddito delle società, imposta regionale sulle attività produttive;
c) imposta sul valore aggiunto, imposte di registro, imposta sull’incremento di valore degli immobili, imposte catastali, imposte ipotecarie, imposte di fabbricazione, imposte erariali di consumo.


Nei punti franchi citati, si legge all'interno di questa proposta, in deroga alla normativa dell’Unione europea, è concesso un regime di esenzione dai diritti di confine, dalle imposte di fabbricazione e dalle imposte erariali di consumo per l’immissione al consumo finale nei territori dei comuni di cui all’articolo 1 di determinate quantità di merci e di prodotti di imprese operanti nei punti franchi e giudicati di particolare interesse ai fini degli obiettivi di sviluppo.

Il pensiero corre, ovviamente, immediatamente a Trieste. Da un lato vedi parlamentari del PD battersi per il punto franco a Livorno ed Ancona, a Trieste, invece, dove il punto franco esiste già e non è praticamente sfruttato ed è strettamente correlato all'area del Porto Vecchio, non emerge, da parte della stessa corrente politica che governa sia la Città che Regione che Provincia, per diverse scelte politiche economiche e territoriali, alcun reale interesse .
Ma andando a leggere la proposta di legge che ora si commenta, emergono dei fattori che devono indurre alla riflessione, seria.
Guardiamo ad Ancona, che è la diretta concorrente di Trieste, e ciò mi lascia perplesso, perché le città italiane, non dovrebbero essere in concorrenza tra di loro, ma operare in modo organico e solidale, ma oggi ciò è utopia. Ebbene, per quanto riguarda la regione Marche, essa si colloca come terminale meridionale del corridoio Baltico-Adriatico (BAC), uno dei dieci corridoi europei di trasporto prioritario intermodale da realizzare entro il 2030. Si specifica nella proposta di legge del PD che “ad oggi l’opera, che prevede infrastrutture (alta velocità, porti, aeroporti)e una più generale politica di promozione dello sviluppo, è prevista da Helsinki a Ravenna, ma in Europa è in corso una revisione delle politiche sulle TEN-T ed è possibile lavorare ad un allungamento verso sud del corridoio.”

In questo senso il Parlamento italiano, con una mozione, ha impegnato il Governo a chiedere questo allungamento verso sud, nell’ambito per altro della costituzione della macro regione adriatico-ionica.
A livello strategico, scrivono i firmatari di questa proposta di legge, “quindi pare opportuno proporre la realizzazione di un nuovo sub-corridoio europeo in grado di connettere la penisola balcanica con quella iberica, passante attraverso la piattaforma logistica dell’Italia centrale, ovvero un’area compresa tra i porti di La Spezia e Livorno, da una parte, e Ancona, dall’altra. In questo scenario si inserisce la strategia della macro regione adriatico-ionica,finalizzata a garantire anche le integrazioni di carattere infrastrutturale all’interno del processo di allargamento con i Paesi della ex Jugoslavia.”

Dunque il punto franco di Ancona e di Livorno, se mai troverà luogo, nell'ottica sistemica esistente, comporterà la morte dell'attività portuale di Trieste, perché nessuna volontà di operare in modo organico e solidale emerge, ma in realtà il vero scopo potrebbe essere quello di accelerare la realizzazione di opere e corridoi che devasteranno il territorio e l'ambiente. Questo è a parer mio il vero senso, poi neanche tanto occulto, di tale proposta di legge.

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…