Passa ai contenuti principali

I dieci giorni anti-Invalsi



Ci siamo.
Dal 7 maggio al 16 maggio le scuole italiane saranno in stato di agitazione sindacale.
E' stato proclamato uno sciopero dai Cobas scuola, a cui hanno aderito altre sigle del sindacalismo di base, vi saranno azioni di boicottaggio da parte di genitori e studenti, si è mobilitato anche il mondo intellettuale con l'appello (vedi www.cobas-scuola.it) che ha raccolto molte migliaia di firme di docenti di scuola e Università, uomini e donne della cultura e delle arti, tra i/le quali Luciano Canfora, Pietro Barcellona, Cesare Bermani, Marina Boscaino, Maria Grazia Campari, Donatella Della Porta, Giorgio Israel, Romano Luperini, Moni Ovadia, Riccardo Petrella, Salvatore Settis e Guido Visconti.
Tra convegni, assemblee pubbliche, manifestazioni di piazza o semplici presidi, e scioperi, la scuola italiana che difende l'idea di una scuola pubblica, cercherà di resistere al quel processo che io ho chiamato di invalsione della scuola.
Ove per esempio i docenti diventeranno somministratori.
Dopo aver imparato a memoria le istruzioni del manuale del somministratore, e frasi espressamente indicate come: “Mi dispiace ma non posso rispondere a nessuna domanda. Se ti può essere utile, rileggi le istruzioni e scegli la risposta che ti sembra migliore”; «Mi dispiace, non posso risponderti. Cerca di fare del tuo meglio»; “Quando vi darò il via, dovete cominciare la prova vera e propria e cercare di fare più in fretta che potete ma non vi preoccupate se non riuscite a finire. Ricordatevi di non fermarvi quando arrivate in fondo ad una pagina e di passare subito a quella dopo. Quando vi dirò di smettere, dovete posare immediatamente la penna e chiudere il fascicolo”, “Avete risposto tutti alla domanda di esempio? Mi raccomando! Quando vi darò il via, potete girar pagina e iniziare a lavorare. Ricordate che dopo aver risposto alle domande della prima parte, non è più possibile tornare indietro.”, dopo essersi forniti di penne biro rigorosamente (blu o nere) ed alcuni materiali di lettura per gli alunni che dovessero terminare le prove prima del tempo di scadenza; dopo essersi forniti di cronometro, necessario solo per la II primaria, ebbene in quel momento porrà, il docente, da parte il proprio essere insegnante per diventare altro. Ovvero un somministratore per conto dell'InValsi. Per non parlare della violenza che subirà la scuola dell'integrazione sociale, chi ha problemi di disabilità intellettiva o fisica potrà non svolgere le prove, ed essere allontanato dalla classe ed in ogni caso quelle prove, se fatte, non avranno valore statistico, la violenza che subiranno gli studenti e le studentesse, che si vedranno imposti tempi, ritmi, comandi, che di punto in bianco li condurranno in quel mondo selettivo e dall'elevata competizione che è quello del lavoro. Dovrai essere abituato ed addestrato a rispondere nel modo in cui il sistema vuole che tu debba rispondere, con i ritmi e tempi del sistema, perché quelli sono i criteri che determineranno la selezione delle matricole all'università e dei lavoratori nell'oceano della flessibilità precaria lavorativa ed ove il pensiero critico non è tollerato.
Insomma 10 giorni di lotta, di resistenza, ma 10 giorni ove anche molte scuole chineranno la testa e si presteranno con complicità ed accettazione pura a questo sistema , un sistema che deve essere tale, perché questo è il capitalismo. A parer mio l'idea di scuola pubblica che si vuole oggi difendere non è più compatibile con il capitalismo vigente, nessun riformismo,no, è arrivato il momento di proporre altro, altro che sia anticapitalista e dove l'idea di scuola pubblica e solidale possa essere reale e piena.
D'altronde non mi stupisce che l'Invalsi sia quello che è, mi stupirebbe il contrario, la scelta spetta a noi, perché il sistema Invalsi, che parte da lontano, non è una questione solo di scuola, non è un problema che riguarda docenti o studenti o personale Ata, è un problema che riguarda la società tutta.
Buona lotta e buono sciopero a chi deciderà di opporsi all'Invalsi il 7 maggio all' infanzia e primaria, il 14 alle medie e il 16 alle superiori.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…