Passa ai contenuti principali

I dieci giorni anti-Invalsi



Ci siamo.
Dal 7 maggio al 16 maggio le scuole italiane saranno in stato di agitazione sindacale.
E' stato proclamato uno sciopero dai Cobas scuola, a cui hanno aderito altre sigle del sindacalismo di base, vi saranno azioni di boicottaggio da parte di genitori e studenti, si è mobilitato anche il mondo intellettuale con l'appello (vedi www.cobas-scuola.it) che ha raccolto molte migliaia di firme di docenti di scuola e Università, uomini e donne della cultura e delle arti, tra i/le quali Luciano Canfora, Pietro Barcellona, Cesare Bermani, Marina Boscaino, Maria Grazia Campari, Donatella Della Porta, Giorgio Israel, Romano Luperini, Moni Ovadia, Riccardo Petrella, Salvatore Settis e Guido Visconti.
Tra convegni, assemblee pubbliche, manifestazioni di piazza o semplici presidi, e scioperi, la scuola italiana che difende l'idea di una scuola pubblica, cercherà di resistere al quel processo che io ho chiamato di invalsione della scuola.
Ove per esempio i docenti diventeranno somministratori.
Dopo aver imparato a memoria le istruzioni del manuale del somministratore, e frasi espressamente indicate come: “Mi dispiace ma non posso rispondere a nessuna domanda. Se ti può essere utile, rileggi le istruzioni e scegli la risposta che ti sembra migliore”; «Mi dispiace, non posso risponderti. Cerca di fare del tuo meglio»; “Quando vi darò il via, dovete cominciare la prova vera e propria e cercare di fare più in fretta che potete ma non vi preoccupate se non riuscite a finire. Ricordatevi di non fermarvi quando arrivate in fondo ad una pagina e di passare subito a quella dopo. Quando vi dirò di smettere, dovete posare immediatamente la penna e chiudere il fascicolo”, “Avete risposto tutti alla domanda di esempio? Mi raccomando! Quando vi darò il via, potete girar pagina e iniziare a lavorare. Ricordate che dopo aver risposto alle domande della prima parte, non è più possibile tornare indietro.”, dopo essersi forniti di penne biro rigorosamente (blu o nere) ed alcuni materiali di lettura per gli alunni che dovessero terminare le prove prima del tempo di scadenza; dopo essersi forniti di cronometro, necessario solo per la II primaria, ebbene in quel momento porrà, il docente, da parte il proprio essere insegnante per diventare altro. Ovvero un somministratore per conto dell'InValsi. Per non parlare della violenza che subirà la scuola dell'integrazione sociale, chi ha problemi di disabilità intellettiva o fisica potrà non svolgere le prove, ed essere allontanato dalla classe ed in ogni caso quelle prove, se fatte, non avranno valore statistico, la violenza che subiranno gli studenti e le studentesse, che si vedranno imposti tempi, ritmi, comandi, che di punto in bianco li condurranno in quel mondo selettivo e dall'elevata competizione che è quello del lavoro. Dovrai essere abituato ed addestrato a rispondere nel modo in cui il sistema vuole che tu debba rispondere, con i ritmi e tempi del sistema, perché quelli sono i criteri che determineranno la selezione delle matricole all'università e dei lavoratori nell'oceano della flessibilità precaria lavorativa ed ove il pensiero critico non è tollerato.
Insomma 10 giorni di lotta, di resistenza, ma 10 giorni ove anche molte scuole chineranno la testa e si presteranno con complicità ed accettazione pura a questo sistema , un sistema che deve essere tale, perché questo è il capitalismo. A parer mio l'idea di scuola pubblica che si vuole oggi difendere non è più compatibile con il capitalismo vigente, nessun riformismo,no, è arrivato il momento di proporre altro, altro che sia anticapitalista e dove l'idea di scuola pubblica e solidale possa essere reale e piena.
D'altronde non mi stupisce che l'Invalsi sia quello che è, mi stupirebbe il contrario, la scelta spetta a noi, perché il sistema Invalsi, che parte da lontano, non è una questione solo di scuola, non è un problema che riguarda docenti o studenti o personale Ata, è un problema che riguarda la società tutta.
Buona lotta e buono sciopero a chi deciderà di opporsi all'Invalsi il 7 maggio all' infanzia e primaria, il 14 alle medie e il 16 alle superiori.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…