Passa ai contenuti principali

I dieci giorni anti-Invalsi



Ci siamo.
Dal 7 maggio al 16 maggio le scuole italiane saranno in stato di agitazione sindacale.
E' stato proclamato uno sciopero dai Cobas scuola, a cui hanno aderito altre sigle del sindacalismo di base, vi saranno azioni di boicottaggio da parte di genitori e studenti, si è mobilitato anche il mondo intellettuale con l'appello (vedi www.cobas-scuola.it) che ha raccolto molte migliaia di firme di docenti di scuola e Università, uomini e donne della cultura e delle arti, tra i/le quali Luciano Canfora, Pietro Barcellona, Cesare Bermani, Marina Boscaino, Maria Grazia Campari, Donatella Della Porta, Giorgio Israel, Romano Luperini, Moni Ovadia, Riccardo Petrella, Salvatore Settis e Guido Visconti.
Tra convegni, assemblee pubbliche, manifestazioni di piazza o semplici presidi, e scioperi, la scuola italiana che difende l'idea di una scuola pubblica, cercherà di resistere al quel processo che io ho chiamato di invalsione della scuola.
Ove per esempio i docenti diventeranno somministratori.
Dopo aver imparato a memoria le istruzioni del manuale del somministratore, e frasi espressamente indicate come: “Mi dispiace ma non posso rispondere a nessuna domanda. Se ti può essere utile, rileggi le istruzioni e scegli la risposta che ti sembra migliore”; «Mi dispiace, non posso risponderti. Cerca di fare del tuo meglio»; “Quando vi darò il via, dovete cominciare la prova vera e propria e cercare di fare più in fretta che potete ma non vi preoccupate se non riuscite a finire. Ricordatevi di non fermarvi quando arrivate in fondo ad una pagina e di passare subito a quella dopo. Quando vi dirò di smettere, dovete posare immediatamente la penna e chiudere il fascicolo”, “Avete risposto tutti alla domanda di esempio? Mi raccomando! Quando vi darò il via, potete girar pagina e iniziare a lavorare. Ricordate che dopo aver risposto alle domande della prima parte, non è più possibile tornare indietro.”, dopo essersi forniti di penne biro rigorosamente (blu o nere) ed alcuni materiali di lettura per gli alunni che dovessero terminare le prove prima del tempo di scadenza; dopo essersi forniti di cronometro, necessario solo per la II primaria, ebbene in quel momento porrà, il docente, da parte il proprio essere insegnante per diventare altro. Ovvero un somministratore per conto dell'InValsi. Per non parlare della violenza che subirà la scuola dell'integrazione sociale, chi ha problemi di disabilità intellettiva o fisica potrà non svolgere le prove, ed essere allontanato dalla classe ed in ogni caso quelle prove, se fatte, non avranno valore statistico, la violenza che subiranno gli studenti e le studentesse, che si vedranno imposti tempi, ritmi, comandi, che di punto in bianco li condurranno in quel mondo selettivo e dall'elevata competizione che è quello del lavoro. Dovrai essere abituato ed addestrato a rispondere nel modo in cui il sistema vuole che tu debba rispondere, con i ritmi e tempi del sistema, perché quelli sono i criteri che determineranno la selezione delle matricole all'università e dei lavoratori nell'oceano della flessibilità precaria lavorativa ed ove il pensiero critico non è tollerato.
Insomma 10 giorni di lotta, di resistenza, ma 10 giorni ove anche molte scuole chineranno la testa e si presteranno con complicità ed accettazione pura a questo sistema , un sistema che deve essere tale, perché questo è il capitalismo. A parer mio l'idea di scuola pubblica che si vuole oggi difendere non è più compatibile con il capitalismo vigente, nessun riformismo,no, è arrivato il momento di proporre altro, altro che sia anticapitalista e dove l'idea di scuola pubblica e solidale possa essere reale e piena.
D'altronde non mi stupisce che l'Invalsi sia quello che è, mi stupirebbe il contrario, la scelta spetta a noi, perché il sistema Invalsi, che parte da lontano, non è una questione solo di scuola, non è un problema che riguarda docenti o studenti o personale Ata, è un problema che riguarda la società tutta.
Buona lotta e buono sciopero a chi deciderà di opporsi all'Invalsi il 7 maggio all' infanzia e primaria, il 14 alle medie e il 16 alle superiori.



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…