Passa ai contenuti principali

Concorso docenti, la “strage” del FVG



Oltre il 90% dei candidati al concorso per la scuola, in Friuli Venezia Giulia, sono stati bocciati.
Addirittura nell'ambito letterario sono stati ammessi solo in 29 alla prova finale, su un totale di 36 posti a disposizione, (8posti per A050) e 28 per A043).
Discorso analogo nella classe di concorso A017, ambito economico, dove solo in 26 hanno superato la prova scritta su un totale di 126 candidati per un numero di posti pari a 6.
I criteri dettati dalle Commissioni erano ben noti da tempo.
Nella classe A017 segnalo: gravi errori morfosintattici e ortografici, lessico non appropriato, esposizione confusa sostanzialmente corretto con lievi improprietà morfologiche, lessico semplice, esposizione abbastanza chiara , elaborato privo di valutazioni originali ed autonome , tutte voci che conferivano una valutazione negativa al candidato.

Nella classe di concorso A050 o A043 invece evidenzio : Elaborato non pertinente quesito/ risposta assente , Elaborato poco chiaro e/o contenuto ripetitivo con un lessico generico e limitato, trattazione poco organica, Elaborato privo di elementi di originalità didattica e disciplinare .
Come si può notare esiste una particolare attenzione alla voce originalità, ma anche una viva attenzione al lessico, agli errori morfosintattici e ortografici, e dalle prime indiscrezioni emerse, sembra che sia stata propria la gran mole di errori grammaticali ed ortografici insieme alla scarsa originalità, a determinare la bocciatura di massa.

Dati oggettivi, come gli errori grammaticali, e dati soggettivi e certamente opinabili e discutibili nel merito e nella sostanza, come l'originalità. Come conciliare il giudizio e la valutazione individuale con criteri oggettivi? Siamo alle solite, ma questa volta si è andati ben oltre. Un concorso farsa, che ha fomentato immense illusioni, il precariato continua e continuerà anche dopo tal concorso, una scuola letteralmente eterogenea ed a pezzi.. Avrai regioni ove i candidati supereranno le prove concorsuali con maggior facilità ed altre con maggior difficoltà, perché? Deve essere ripensato il concorso, si devono fornire risposte certe a chi vive da anni la precarietà nella scuola, ed una condizione lavorativa precaria non potrà certamente essere utile ad una scuola pubblica degna di tal nome, ma, a dirla tutta, oggi cosa vi è rimasto veramente di scuola pubblica nella scuola italiana?



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …