Passa ai contenuti principali

Anonymous attacca ma non è come Wikileaks perchè?


Mentre in Italia ed in Europa, si continua a meditare , a livello istituzionale, su quale iniziativa attuare per rendere più efficace ed invasivo il controllo all'interno della grande rete, ed ogni evento, come quello macabro accaduto a Londra per esempio, è valutato tecnicamente come idoneo per reprimere la rete, sempre nel nome di quella sicurezza nazionale o di quel terrorismo su cui non esiste ancora oggi una definizione condivisa, Anonymous attacca.
Oltre 2600 file sottratti al Viminale e pubblicati sul loro blog.
La mia riflessione cade sulla fase successiva all'attacco.
Per quale motivo, nonostante i dati sono stati pubblicati, nessun organo di stampa rende noti i documenti?
Con Wikileaks si è pubblicato di tutto e di più ma con Anonymous no.
Il ragionamento che effettua l'utente medio è il seguente: mi collego al sito di Anonymous, provo a scaricare i file, magari utilizzando Tor, però poi si fermerà.
Senso di timore e sfiducia. Cliccare su esegui , cliccare su apri file, può incutere nell'utente medio il timore di essere “invaso” dal sistema anonymous, di vivere una sorta di mera intrusione nel proprio Pc, come accaduto per esempio ai parlamentari del M5S.
Insomma si nutre una sorta di diffidenza, di timore.
Con Wikileaks era diverso, si conoscevano i volti, il sito era visto in modo positivo dalla stampa che conta.
Ed è questo il nodo della questione.
A cosa serve, a chi serve pubblicare documenti, dati, file, che non verranno letti? Se non da poche soggettività? Certamente attaccare i siti istituzionali ha, in tale ottica, un chiaro senso, ma manca il passo successivo, la diffusione. Eppure i link ci sono, il blog è sempre lì, esiste anche una pagina facebook.
Altro dilemma, se così possiamo chiamarlo, è perché si nutre fiducia e senso di non invasione verso chi quotidianamente controlla la tua vita ordinaria, i tuoi dati? Esempio pratico, quando vai sul motore di ricerca più famoso al mondo, google, neanche il tempo di scrivere ciò che vuoi cercare, che già il computer ti indirizza lì dove tu vuoi arrivare, con tanto di città ben indicata.
Tipico esempio di come i dati sono letti, archiviati e finalizzati al controllo con la scusante dell'offerta di un servizio. Ebbene questa invasione di dati viene normalmente accettata, mentre viene respinta l'idea di collegarsi a siti che pubblicano dati di una certa rilevanza e consistenza perché vige il timore di essere attaccati o “invasi”. E' teoricamente più facile beccarsi un normale virus che subire l'attacco di qualche hacker. Ritornando alla questione iniziale, una cosa è certa, wikileaks è stato uno strumento per il potere, a servizio del potere, e per una guerra all'interno del potere, anonymous è diverso e per questo motivo incute timore perché tutto ciò che è contro il potere e non per il potere deve essere reso appunto anonimo ma nello stesso tempo viene “usato” dal potere  per inasprire la non libertà della rete, e su ciò Anonymous dovrebbe riflettere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto