Passa ai contenuti principali

I numeri mediatici di Boston



Alle 20 e 50 italiane del 15 aprile stavo leggendo le ultime notizie della giornata su internet quando in diretta apprendo la notizia delle bombe di Boston.
Da quel momento fino all'intervento di Obama avvenuto circa tre ore dopo quelle bombe ho voluto vedere, leggere, come i media trattavano questa triste e vigliacca vicenda.
Una cosa è certa, le vittime innocenti americane, così come quelle delle colonie occidentali, non hanno lo stesso peso, la stessa importanza di quelle di altri Stati, penso alla Siria, all'Africa, all'Oriente. I media hanno conferito un valore diverso alla vita umana, alla sofferenza umana, solo per ragioni di opportunità e di stretta dipendenza dal sistema made in Usa.
Così come ascoltare un Presidente degli Stati uniti che dirà, pregheremo per le vittime, frase che verrà pronunciata anche dal giornalismo americano, dovrebbe ulteriormente indurre alla riflessione su come viene percepito in modo diverso il pregare da parte del Presidente degli Stati Uniti ed il pregare di un qualche Presidente del Medio-Oriente.
Numeri e cifre contrastanti.
Si partirà con sei feriti, poi tre morti, poi quattro morti e sei feriti, poi dodici morti e 28 feriti, poi due morti e e 20 feriti, poi solo, per dire solo, sei feriti gravi e nessun morto, poi due morti e 49 feriti, infine oltre 100 feriti ed almeno tre morti.
Si parlerà prima di un bambino morto, poi ecco la precisazione, sarà una bambina.
Numeri e cifre, ma perché dare notizie così sballate? Quale responsabilità? La vita umana è solo una questione numerica?
Sì, lo è. Stessa situazione per le bombe, prima si dirà che forse è stata una fuga di gas, poi si parla di bombe all'idrogeno, poi di bombe fatte in casa, due bombe, tre bombe,cinque bombe.
Poi si capirà che la bomba della JFK library, la così detta terza bomba che sarebbe esplosa lontano dal traguardo di quella maratona sconosciuta ai più, non era una bomba ma un semplice incendio.
La polizia dice di evacuare la città, oppure si diffondono numeri di telefono per segnalare persone sospette, od ancora a NY dove è stato esteso il sistema di allarme i Dirigenti Scolastici invitano i genitori a fare le ronde davanti alle scuole.
Follia pura, caccia alla persona.
Chi è una persona sospetta?
Chi? Ed ancora, la rete della telefonia mobile è stata oscurata per qualche tempo, e ciò lascia intendere quanto sia labile ogni processo collegato e dipendente dalle nuove tecnologie, basta la volontà del controllore perché tutto muti in silenzio. Quel silenzio equilibrato che è mancato nel caso di Boston, quel silenzio che ha condotto alla caccia all'arabo, addirittura si spargeva la voce di un fermo di un saudita, cosa poi smentita, e poi, nella guerra delle voci, verrà confermato il piantonamento in ospedale di un giovane arabo ferito dall'esplosione e nello stesso tempo si dirà che  gli inquirenti stanno cercando "un uomo con la pelle molto scura o nera".
Sarà la CCN la prima ad usare la parola atto terroristico, a ciò non oserà neanche Obama.
Perché? E' terrorismo, a livello mediatico, solo quello correlato al Medio Oriente? Chi è il mandante, chi è stato, ancora non è dato sapere, ma certamente è evidente, per l'ennesima volta, il cattivo giornalismo dei principali media internazionali e di quelli europei che si sono allineati a questo massacro mediatico.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…