Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2013

L'Italia approva il regolamento antiWikiLeaks

È stato pubblicato infatti sulla “Gazzetta Ufficiale” del 19 marzo 2013 n. 66, il decreto del presidente del Consiglio dei ministri 24 gennaio 2013 “Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale".

Una notizia che ha avuto poca diffusione e che annienta la privacy di tutti coloro che utilizzano internet durante la loro quotidianità.Il tutto politicamente nasce dallo scandalo WikiLeaks e normativamente dallamozione approvata in data 23 maggio 2012 dal Parlamento italiano,con la quale ha impegnato il Governo a porre in essere ogni idonea iniziativa per giungere alla costituzione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri di un Comitato interministeriale con il compito di elaborare una strategia nazionale per la sicurezza dello spazio cibernetico, di definire gli indirizzi generali e le direttive da perseguire nel quadro della politica nazionale ed internazionale in tale settore e di individuare, infine, gli interventi normativi ri…

Trieste: la passerella di Ponterosso e l'assenza di passaggi pedonali su via Trento

Inaugurata da alcuni giorni, la passerella dai mille nomi, quello ufficiale ancora dovrà essere confermato e probabilmente avrà la stessa sorte del ponte della Costituzione di Venezia, ovvero rimosso dalla mente collettiva  poichè è conosciuto come il ponte di Calatrava, l'architetto, scultore ed ingegnere che lo ha progettato, continua a fare discutere. Io però ora voglio soffermarmi su una questione specifica, che mi auguro verrà risolta quanto prima dal Comune di Trieste. Come è noto quel ponte è stato realizzato per congiungere in sostanza le vie Cassa di Risparmio e Trento, in modo da prolungare verso piazza Libertà il percorso pedonale che parte de piazza Venezia. Il Piccolo di Trieste tramite l'articolo di Pierpaolo Pitich del 30 marzo 2013 ha reso noto che in “quelle che sono le ore di maggior afflusso della giornata, vale a dire nel cuore della mattinata e nella fascia centrale del pomeriggio, sono circa 1500 i pedoni che transitano ogni ora sul ponte, con picch…

Sui treni è vietata la sigaretta elettronica

“Da oggi con la sigaretta elettronica puoi fumare in qualsiasi luogo( in treno richiamato successivamente) ,poiché il fumo in uscita è caratterizzato esclusivamente da vapore acqueo!”
Questo quanto si legge per esempio in uno dei maggiori siti che pubblicizzano il prodotto dell'anno. La sigaretta elettronica. Vaporizzatore o cartomizzatore, batteria elettrica e la sigaretta, del futuro è tua. Certo sono partite alcune inchieste in merito per esempio con riferimento al caso di una batteria esplosa, altre valutazioni sono in itinere sulla  pericolosità presunta del prodotto. Ma viaggiando sulla linea Trieste Venezia ecco ascoltare all'improvviso il messaggio automatico che in sostanza dice che sul treno è vietato fumare la sigaretta elettronica, messaggio che verrà ribadito anche in lingua inglese. Ed ecco anche i commenti “stupiti” di molti passeggeri, che erano convinti di poter fumare la sigaretta elettronica anche sul treno. E' in corso una battaglia immensa tra le cla…

Poco (G)rasso e poco (T)ravaglio ed il Paese scoppia

Nel giorno in cui la Corte d'Appello di Palermo ha condannato l'ex senatore Pdl Marcello Dell'Utri imputato di concorso esterno in associazione mafiosa confermando la pena di 7 anni di primo grado, il neo Presidente del Senato della Repubblica, partecipa a Piazza Pulita per difendere il proprio onore. La cosa sorprendente di questa vicenda è che un fatto del genere, che dovrebbe indurre alla riflessione sulla entrata in politica di magistrati o ex magistrati, è che il giorno dopo quella intervista, che dovrebbe essere sulle prime pagine di ogni giornale, ha trovato uno spazio non adeguato, probabilmente per ragioni di opportunità politica o per il fatto che Grasso è stato semplicemente poco convincente, lo stesso invece non può dirsi per le "accuse" sollevate da parte di Marco Travaglio che hanno avuto certamente maggiore diffusione . 
***
Uno dei primi pensieri espressi dal Presidente del Senato durante la puntata di Piazza Pulita del 25 marzo lascia già intendere…

In FVG più femmine che maschi ma...

pubblicato su bora.la
L'Istat nel mese di febbraio del 2013 ha presentato il censimento generale della popolazione e delle abitazioni avendo come riferimento l'anno 2011. E' emerso che al 9 ottobre 2011, data di riferimento del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, la popolazione residente in Friuli-Venezia Giulia ammonta a 1.218.985 unità. Tra i dati più significativi certamente vi era quello con riferimento alla popolazione straniera, infatti l'Istat a tal proposito scriveva che nel corso dell’ultimo decennio la popolazione straniera residente in Friuli-Venezia Giulia è più che raddoppiata, passando da 38.120 a 96.879, con una crescita pari al 154,1%. Ma uno dei dati che mi ha colpito di più è che in FVG risultano più femmine che maschi . In Friuli-Venezia Giulia risiedono 93,2 uomini ogni 100 donne (588.025 uomini, 630.960 donne). Il dato è in linea col valore nazionale di 93,7 uomini ogni 100 donne. La variabilità interprovinciale non è tr…

Quando la critica diventa troll

Spread, cheating, scouting, troll, inglesismi che si impongono nel bel mezzo della ricca lingua italiana. Termini associati ad eventi, fatti, notizie, che nella frenesia della informazione mediatica riescono ad ancorare nel porto del pregiudizio l'elemento chiave che condizionerà il libero pensiero di una massa sempre meno critica e sempre più vincolata ai dogmi decisi dal sistema. Ed allora sarò eretico nel dire che l'operazione troll è pericolosa. Il Troll, come ora usato in internet, trae ispirazione dalla creatura umanoide diffusa nel Nord Europa, che si pietrificava quando veniva colpita dalla luce del sole, e per questo motivo si muoveva solo di notte, era malvagia anche se birichina, aveva un aspetto orripilante, era violento e puzzava. Associato ad internet il troll è colui o colei che abusa dello strumento della critica inondando di messaggi blog, siti internet, social , la rete, con fini dubbi. E' difficile riuscire a provare che dietro il troll vi possa essere…

La schedatura della comunità studentesca e la valutazione delle scuole

Annotare su una scheda, cartacea o informatica, dati e informazioni relativi a cose o persone è il significato di schedatura. Questo è quello che accade e rischia di diventare la norma per migliaia di studenti frequentanti le scuole italiane. Le istituzioni scolastiche trasmettono i dati che riguardano la situazione della comunità studentesca utilizzando le funzionalità del sistema informativo del MIUR (SIDI), a questo scopo è stata implementata un’Area dedicata alle scuole (SIDI SCUOLA - Fascicolo dello Studente) per favorire il trasferimento dei dati sotto il pieno controllo delle stesse. In questo contesto ogni scuola ha praticamente un proprio server virtuale completamente dedicato dove archiviare i propri dati.
Ma a cosa servono questi dati? Il progetto Vales, in corso in 300 scuole italiane, che nei suoi principi fondamentali è stato accolto in quello che dovrebbe essere il Servizio Nazionale di Valutazione delle scuole, tra le varie cose include la fase del progetto di autovalutazi…

Manifesti con il casco? Rischi 4 anni di galera. Ripresentato il disegno di legge di Cirielli

La XVII Legislatura è praticamente iniziata. Sono numerosi i disegni di legge depositati che spaziano dai diritti civili, a problematiche specifiche nel settore del lavoro,a questioni energetiche a quelle penali. Tra le tante quella che mi ha colpito di più è la ripresentazione  del DDL C.4005 della precedente legislatura, d’iniziativa del deputato CIRIELLI. Depositato il 15 marzo ancora da assegnare e prevede modifiche all’articolo 5 della legge 22 maggio 1975, n. 152, e all’articolo 380 del codice di procedura penale, concernenti il delitto di travisamento in occasione di manifestazioni che si svolgano in luogo pubblico o aperto al pubblico. Un Disegno di Legge che è nato in relazione agli episodi verificatisi il 15 ottobre 2011 a Roma e prefigge di accentuare il rango penale del travisamento, disciplinandolo come « delitto » e introducendo, in luogo dell’arresto e dell’ammenda, la sanzione della reclusione e della multa. È prevista, infine, una speciale aggravante, con relativo …

Porto “vecchio” di Trieste: Referendum sì, referendum no

intervento pubblicato su bora.la

Se pol o no se pol? Il mio motto è se vuoi, puoi. E' una questione di volontà e di determinazione, è una questione di buon senso, è una questione di amore per Trieste, è una questione di sogno possibile, quel sogno che io nel mio piccolo coltivo sul Porto “Vecchio”, lungi da ogni speculazione, ma lungi anche da ogni immobilismo ovvero democrazia partecipata e diretta. Sembra di capire che il Sindaco di Trieste stia valutando seriamente la proposta che io per primo avevo lanciatoanche sul blog ovvero la possibilità di realizzare un referendum sul Porto Vecchio di Trieste, il cui quesito è in fase di discussione. Ed apriti cielo.Ecco la teoria del no se pol avanzare che in sostanza è incentrata su alcuni teoremi o dogmi come Lo Statuto non lo consente, A che serve se è vincolato dall’Allegato VIII del Trattato di pace del 1947 e dal Memorandum di Londra del 1954, E' solo attività di propaganda, E' solo uno spreco di danaro pubblico.
Il Referendum…

Dopo l'elezione del deputato Alessio Tacconi il M5S di Zurigo si spacca

Si litiga all'interno del Pd, all'interno del M5S, all'interno delle forze politiche che hanno preso uno schiaffo non previsto alle politiche nazionali, ma si litiga anche all'estero. La democrazia è un qualcosa di indefinito, di imperfetto, opinabile ed in continuo movimento. Quello che è accaduto a Zurigo certamente deve indurre alla riflessione. Vi è stato un botta e risposta a dir poco aspro, tra alcuni attivisti del M5S estero, che in sostanza ha riguardato il modo in cui sarebbe stata condotta la campagna elettorale da parte di Alessio Tacconi, eletto per la circoscrizione estera a nome del M5S al parlamento italiano, il quale poi ha risposto, ad ogni contestazione, con un video che linkerò.
Cosa è successo? Nel sito M5S estero si legge testualmente quanto ora segue:
“Per le elezioni politiche italiane del 2013, il MoVimento 5 Stelle ha presentato delle liste di candidati in tutte le ripartizioni del mondo (Europa, America Settentrionale e Centrale, America M…

Open Mind Bologna, cosa vuol dire essere donna?

Sì, lo ammetto, sono in "conflitto di interessi." Già, perché la mostra fotografica, totalmente auto-umano- prodotta, che verrà inaugurata il 22 marzo 2013 presso lo SPAZIOBARNUM - via de’ Pepoli 8/b - Bologna , è di mia sorella, Laura. Solo arte, voglia di comunicare ed urlare al mondo omologato e conformista l'essere donna nel tempo del culto non più occulto. Un tempo ove la donna è trattata come oggetto, una donna che viene usata e strumentalizzata per fini politici e sociali solo per conferire il senso dell'apparenza, apparenza che deve consistere nell'affermare la fine delle discriminazioni. Ma questo culto oggetto è la peggiore delle violenze che si possa esercitare verso la donna.
Un WORK IN PROGRESS con più appuntamenti sparsi nel tempo e nello spazio presente per offrire una prospettiva dell'essere donna. Immagini e scatti, oggetti e nudità velata, nero e bianco, colori e opacità, senso e controsenso nell'insieme dell'essere donna.
"Ap…

Quel W la mafia ai topolini di Trieste

Barcola è un luogo incantevole, nel bel mezzo del golfo triestino potrai osservare il castello di Miramare, intravedere Piazza dell'Unità d'Italia, osservare quella sottile striscia di terra che continua ad essere Italia conferendo le spalle a quel Carso che mai finirà di stupire. A Barcola esistono anche i topolini che per la loro architettura particolare da molti vengono definiti come unici in tutta l'Europa.
Ebbene, attraversando i topolini della costiera triestina, affollati in estate, meno durante il corso dell'anno, non potrai non notare il vandalismo. Scritte sui muri. Si andrà da quelle apparentemente senza senza senso per i comuni mortali, al ricordo di imprese epiche, come essersi tuffati a mare in piena stagione invernale. Complimenti all'eroe od all'eroina,ti verrà da pensare, ma complimenti anche per il bel gesto vandalico.

Scritti, disegni volgari, e poi bestialità pure. Da frasi razziste come w i negri in Italia con i soldi, a w la mafia.

Per usare le p…

La COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI ed il FVG

Il settore dei rifiuti nonché quello delle bonifiche ambientali è un vero e proprio business che ovviamente attira in modo consistente l'attenzione delle varie organizzazioni criminali non solo italiane ma anche straniere.La Commissione  Parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti ha, i primi di marzo 2013, pubblicato la sua relazione e si è recata ripetutamente in diverse regioni quali Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Per quanto riguarda il FVG l'attenzione è stata focalizzata in particolar modo sul sito di interesse nazionale di Trieste ex Ferriera Depuratore Servola e la laguna di Grado e Marano.Sulla la laguna di Grado e Marano in relazione al quale era stata dichiarata l’emergenza ambientale con la creazione di una struttura commissariale, prorogata di anno in anno per ben dieci anni quello che si sottolinea è che l’apertura di un’indagine penale da …

La discriminazione stipendiale dei docenti della scuola primaria

Ero uno di quelli che aveva lanciato in rete, proprio durante il dibattito sulla questione delle 24 ore, la proposta di prevedere una estensione del regime di 18 ore in tutti gli ordini e gradi di scuola. Ritorno su questa proposta ma incentrando il discorso sulla condizione retributiva dei docenti della scuola primaria. Un recente studio ha dimostrato che i docenti della scuola primaria sono quelli che lavorano di più, con una prestazione oraria annua di 1.286 ore (media settimanale da settembre a giugno di 34 ore), seguiti da quelli della materna con 1.202 ore (media settimanale 32), e dai docenti della secondaria di I e II grado praticamente alla pari con 1.138/1.140 ore annue (media settimanale di 30 ore). Sempre in tale studio si afferma che "tre ore di insegnamento di un docente di elementare sono retribuite come due ore di insegnamento del collega della secondaria. E' quanto si ricava rapportando il numero di ore di lavoro prestate con lo stipendio liquidato, ottenendo…