Passa ai contenuti principali

Da 15 giorni "prigioniero" di Trieste




Le stazioni dei treni o le autostazioni, sono luoghi ove spesso ti capita di incontrare persone che senza inibizione alcuna mostrano la loro nudità esistenziale.
Nessuna veste.
Il limite tra follia e ragione corre su quel limbo tra il reale ed il surreale, che divide la monotonia quotidiana dalla straordinarietà quotidiana.
Osservi la mano della bora schiaffeggiare i motorini che con effetto domino cadono uno dietro l'altro violentemente sull'asfalto cittadino, vedrai i lampioni ballare.
Una sigaretta fumata dal vento ed una persona che si avvicina interrompendo quel silenzio effettivamente ululante passione.
Ti sentirai chiedere “è questa la Bora?”
“Beh, poteva andare peggio” sarà la tua risposta.
Poi una chiacchiera dopo l'altra ed ecco la sua storia personale.
Ha vissuto in Francia per vari anni, poi è stato contattato da una azienda che opera in Serbia in futura collaborazione con la Fiat e per qualche motivo, che non è dato ben sapere, verrà arrestato.
Nove giorni nelle galere serbe, mi dirà che erano in 16 in una sola cella.
Nove giorni senza poter avvisare nessuno.
Nove giorni nella prigione di nessuno.
Dopo quei giorni di prigionia, ovviamente ha perso il lavoro, per assenza ingiustificata ma anche perché ha avuto il foglio di via.
Ed eccolo a Trieste.
Da settimane, mi riferisce, cerca di partire per la sua terra,la Puglia.
Ma non può..
Ad ogni tentativo viene fatto scendere dal treno.
Già,perché senza soldi, non può comprare il biglietto.
“ 68 euro, tanto mi serve, vedi? Questa è una multa di 219 euro. Ero senza biglietto, mi hanno fatto scendere e come la pago? Carta sprecata. Intanto sono bloccato qui, non ho soldi per andare via”
E la storia continua, ti racconterà che non dormirà presso il dormitorio locale, pochi letti, preferisce la strada o quando si può l'atrio della stazione. E poi ecco lo sfogo che esplica bene l'essenza della guerra tra poveri con inconsapevole o consapevole rabbia razziale.
Ti sembra giusto- mi dirà con voce violenta e dura- che quelli della Romania possono ritornare a casa, gli pagano anche il biglietto, ed io che sono italiano non posso rientrare a casa mia in Italia? La gente non guarda, ti lascia morire per strada.

Penserai che sarà la solita fantasiosa storia raccontata per commuovere le persone e sollecitarle ad offrire qualche moneta.
No.
Non mi chiederà neanche un centesimo.
Il tempo corre.
Il treno è in arrivo.
Devi andare.
Lui, con la sua vita criminale, folle o forse razionale, sarà ancora lì a provare per l'ennesima volta un viaggio clandestino per la Puglia, mentre la vita continua.
Prima di salutarti ti dirà, con sorriso beffardo, è da 15 giorni che sono prigioniero di Trieste, ti sembra normale?


Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…