Passa ai contenuti principali

Da 15 giorni "prigioniero" di Trieste




Le stazioni dei treni o le autostazioni, sono luoghi ove spesso ti capita di incontrare persone che senza inibizione alcuna mostrano la loro nudità esistenziale.
Nessuna veste.
Il limite tra follia e ragione corre su quel limbo tra il reale ed il surreale, che divide la monotonia quotidiana dalla straordinarietà quotidiana.
Osservi la mano della bora schiaffeggiare i motorini che con effetto domino cadono uno dietro l'altro violentemente sull'asfalto cittadino, vedrai i lampioni ballare.
Una sigaretta fumata dal vento ed una persona che si avvicina interrompendo quel silenzio effettivamente ululante passione.
Ti sentirai chiedere “è questa la Bora?”
“Beh, poteva andare peggio” sarà la tua risposta.
Poi una chiacchiera dopo l'altra ed ecco la sua storia personale.
Ha vissuto in Francia per vari anni, poi è stato contattato da una azienda che opera in Serbia in futura collaborazione con la Fiat e per qualche motivo, che non è dato ben sapere, verrà arrestato.
Nove giorni nelle galere serbe, mi dirà che erano in 16 in una sola cella.
Nove giorni senza poter avvisare nessuno.
Nove giorni nella prigione di nessuno.
Dopo quei giorni di prigionia, ovviamente ha perso il lavoro, per assenza ingiustificata ma anche perché ha avuto il foglio di via.
Ed eccolo a Trieste.
Da settimane, mi riferisce, cerca di partire per la sua terra,la Puglia.
Ma non può..
Ad ogni tentativo viene fatto scendere dal treno.
Già,perché senza soldi, non può comprare il biglietto.
“ 68 euro, tanto mi serve, vedi? Questa è una multa di 219 euro. Ero senza biglietto, mi hanno fatto scendere e come la pago? Carta sprecata. Intanto sono bloccato qui, non ho soldi per andare via”
E la storia continua, ti racconterà che non dormirà presso il dormitorio locale, pochi letti, preferisce la strada o quando si può l'atrio della stazione. E poi ecco lo sfogo che esplica bene l'essenza della guerra tra poveri con inconsapevole o consapevole rabbia razziale.
Ti sembra giusto- mi dirà con voce violenta e dura- che quelli della Romania possono ritornare a casa, gli pagano anche il biglietto, ed io che sono italiano non posso rientrare a casa mia in Italia? La gente non guarda, ti lascia morire per strada.

Penserai che sarà la solita fantasiosa storia raccontata per commuovere le persone e sollecitarle ad offrire qualche moneta.
No.
Non mi chiederà neanche un centesimo.
Il tempo corre.
Il treno è in arrivo.
Devi andare.
Lui, con la sua vita criminale, folle o forse razionale, sarà ancora lì a provare per l'ennesima volta un viaggio clandestino per la Puglia, mentre la vita continua.
Prima di salutarti ti dirà, con sorriso beffardo, è da 15 giorni che sono prigioniero di Trieste, ti sembra normale?


Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …