Passa ai contenuti principali

Il Disegno di Legge che abroga il divieto “della riorganizzazione del disciolto partito fascista"




Cercando tra i disegni di Legge che vogliono modificare la Costituzione, nei rispettivi siti della Camera dei deputati e Senato della Repubblica, ne esiste uno, scandaloso, di cui si è parlato per qualche tempo, ma che è ancora in vita, che non è stato ritirato.
Un disegno di legge dormiente, pronto ad essere risvegliato non appena le condizioni sociali e antidemocratiche lo consentiranno.
Poche righe, d’iniziativa dei senatori DE ECCHER, DI STEFANO, BEVILACQUA, BORNACIN e TOTARO, un disegno di Legge presentato in data 29 marzo 2011; annunciato nella seduta ant. n. 529 del 30 marzo 2011, che risulta ancora da assegnare e prevede che la XII disposizione transitoria e finale della Costituzione è abrogata.
Il motivo formale e sostanziale che ha determinato la presentazione di questo atto legislativo?
Nella relazione di accompagnamento si legge testualmente che la sola ipotesi che sussista, nella realtà di oggi, il pericolo di una riproposizione di quello che è stato il partito fascista non può essere realisticamente prospettata da alcuno e conseguentemente l’approvazione del presente disegno di legge costituzionale consente, da un lato, di chiudere finalmente un capitolo che non ha motivo di rimanere aperto e, dall’altro, di ridurre quegli spazi di legislazione speciale che restano in ogni caso poco corrispondenti ad una compiuta realizzazione del principio di libertà.

Quale libertà per il partito fascista?
Un partito il cui cuore, brutale, batteva a ritmo di negazione di ogni libertà, dignità ed umanità?
Eppure ciò è stato scritto, in Parlamento, in quel luogo ove la nostra Costituzione, nata dall'antifascismo, rischia di ricevere l'ennesima bastonata con un Disegno di Legge dormiente, pronto a colpire.
Alcuni obietteranno che essendo quella una norma transitoria e non inserita nel corpus essenziale della Costituzione, prima o poi, proprio perché transitoria dovrà cadere.
Probabilmente i costituenti avevano pensato di inserirla come norma transitoria confidando nello spirito democratico di un Paese che mai e poi mai avrebbe potuto, dopo le sofferenze patite, favorire una sorta di risurrezione fascista.
Oggi esistono nuovi poteri che non si nascondono più dietro le quinte misteriose, che non si celano più nelle stanze occulte e buie ed esoteriche, esistono poteri forti che con i loro simboli conquistano anche le Olimpiadi del 2012 , già perché l'anno 2012 probabilmente sarà l'anno dove questo potere prenderà forma e consistenza, un potere visibile a tutti, ma che nessuno vuole osservare.
E' come guardare una piramide ma senza sapere che è proprio una piramide quella che si pone innanzi ai tuoi due occhi.
Il terzo occhio della saggezza, della sapienza, che condurrà l'individuo alla consapevolezza altro non è che una semplice questione di prospettiva.
Già, una questione di prospettiva e di consapevolezza, guardare per osservare e non guardare per rimanere indifferenti.
Senza sapere.
Ed allora quel disegno di Legge deve essere ritirato, visto e rilevato che risulta essere ancora in fase di assegnazione, perché la nostra società, anche in vista della presa del potere da parte di chi ha sempre manovrato il sistema senza mai mostrare il proprio volto, ma mostrando i propri simboli ed azioni, non è pronta all'abrogazione di quella norma transitoria della Costituzione italiana.

foto: simbolo apparso durante la cerimonia di conclusione delle Olimpiadi di Londra 2012

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…