Passa ai contenuti principali

Il Disegno di Legge che abroga il divieto “della riorganizzazione del disciolto partito fascista"




Cercando tra i disegni di Legge che vogliono modificare la Costituzione, nei rispettivi siti della Camera dei deputati e Senato della Repubblica, ne esiste uno, scandaloso, di cui si è parlato per qualche tempo, ma che è ancora in vita, che non è stato ritirato.
Un disegno di legge dormiente, pronto ad essere risvegliato non appena le condizioni sociali e antidemocratiche lo consentiranno.
Poche righe, d’iniziativa dei senatori DE ECCHER, DI STEFANO, BEVILACQUA, BORNACIN e TOTARO, un disegno di Legge presentato in data 29 marzo 2011; annunciato nella seduta ant. n. 529 del 30 marzo 2011, che risulta ancora da assegnare e prevede che la XII disposizione transitoria e finale della Costituzione è abrogata.
Il motivo formale e sostanziale che ha determinato la presentazione di questo atto legislativo?
Nella relazione di accompagnamento si legge testualmente che la sola ipotesi che sussista, nella realtà di oggi, il pericolo di una riproposizione di quello che è stato il partito fascista non può essere realisticamente prospettata da alcuno e conseguentemente l’approvazione del presente disegno di legge costituzionale consente, da un lato, di chiudere finalmente un capitolo che non ha motivo di rimanere aperto e, dall’altro, di ridurre quegli spazi di legislazione speciale che restano in ogni caso poco corrispondenti ad una compiuta realizzazione del principio di libertà.

Quale libertà per il partito fascista?
Un partito il cui cuore, brutale, batteva a ritmo di negazione di ogni libertà, dignità ed umanità?
Eppure ciò è stato scritto, in Parlamento, in quel luogo ove la nostra Costituzione, nata dall'antifascismo, rischia di ricevere l'ennesima bastonata con un Disegno di Legge dormiente, pronto a colpire.
Alcuni obietteranno che essendo quella una norma transitoria e non inserita nel corpus essenziale della Costituzione, prima o poi, proprio perché transitoria dovrà cadere.
Probabilmente i costituenti avevano pensato di inserirla come norma transitoria confidando nello spirito democratico di un Paese che mai e poi mai avrebbe potuto, dopo le sofferenze patite, favorire una sorta di risurrezione fascista.
Oggi esistono nuovi poteri che non si nascondono più dietro le quinte misteriose, che non si celano più nelle stanze occulte e buie ed esoteriche, esistono poteri forti che con i loro simboli conquistano anche le Olimpiadi del 2012 , già perché l'anno 2012 probabilmente sarà l'anno dove questo potere prenderà forma e consistenza, un potere visibile a tutti, ma che nessuno vuole osservare.
E' come guardare una piramide ma senza sapere che è proprio una piramide quella che si pone innanzi ai tuoi due occhi.
Il terzo occhio della saggezza, della sapienza, che condurrà l'individuo alla consapevolezza altro non è che una semplice questione di prospettiva.
Già, una questione di prospettiva e di consapevolezza, guardare per osservare e non guardare per rimanere indifferenti.
Senza sapere.
Ed allora quel disegno di Legge deve essere ritirato, visto e rilevato che risulta essere ancora in fase di assegnazione, perché la nostra società, anche in vista della presa del potere da parte di chi ha sempre manovrato il sistema senza mai mostrare il proprio volto, ma mostrando i propri simboli ed azioni, non è pronta all'abrogazione di quella norma transitoria della Costituzione italiana.

foto: simbolo apparso durante la cerimonia di conclusione delle Olimpiadi di Londra 2012

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…