Passa ai contenuti principali

Il rione CitàVecia incontra Andrea Dapretto assessore ai lavori pubblici





Un foglio rionale, una scenografia underground, qualche bicchiere di vino, sedie di legno e tanta voglia di partecipare ed essere soggetti attivi nella vita della Città.
Nella prima serata del 12 luglio in via Diaz 22 Trieste, durante la presentazione del numero 2 di CitàVecia Starigrad, un foglio non periodico partecipativo, il rione storico ha incontrato l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Trieste Andrea Dapretto.
Si è discusso del degrado urbano, di cosa è stato il progetto, quasi fallimentare, Urban, di quali possono essere gli sviluppi di un rione che a detta di molti rischia di divenire un dormitorio.
Varie proposte sono emerse nel corso del dibattito, come quella di realizzare una sorta di cineteca incentrata sul cinema triestino e regionale, per dare spazio al cinema indipendente ed alternativo ma anche dove raccogliere tutti i film girati a Trieste ad esempio, magari recuperando qualche edificio pubblico che può essere offerto alla collettività.
Si farà non si farà? Il tempo risponderà.
Altri hanno proposto una diversa gestione di Piazza Hortis, altri ancora un servizio di noleggio di biciclette od un biglietto del bus agevolato per le fasce sociali più deboli.
Ovviamente le critiche non sono mancate. Il problema molto sentito dal rione è emerso per esempio in merito alla non chiara questione del parcheggio della “curia” non si comprende come non si sia riusciti a fermare quell'opera che devasta l'equilibrio urbanistico e storico del rione, ma è emersa anche la problematica inerente alla scomparsa delle attività storiche della Città Vecchia, lì ove un tempo si lavorava e coltivava l'artigianato ora sorgono parcheggi.
E' stata interessante la discussione anche dal punto di vista sociale e culturale, si è messo in discussione il funzionamento della società, si è rilevato il poco senso di civiltà di molti cittadini ma nello stesso tempo l'assessore ha evidenziato che le città devono cambiare, devono mutare, non si può rimanere incollati al passato.
E' stato anche interessante notare quali sono i processi decisionali e come maturano le difficoltà nell'affrontare varie questioni. Per esempio il caso della scalinata in arenaria che conduce a via dei Fabbri, da anni in stato di dissesto ma non si riesce ad intervenire perché qualsiasi azione  potrebbe recare qualche rilevante scontento, intanto quella scalinata continua a rimaner pericolante a rischio di chi la percorre.
L'assessore ha anche evidenziato che il Comune di Trieste si è attivato con tempismo per concorrere al contratto di riqualificazione delle città come previsto dal recente decreto sviluppo, e che vari interventi verranno realizzati come il recupero della Campagna Prandi ad esempio.
Oltre due ore di dibattito, grande disponibilità e partecipazione di Andrea Dapretto, grande disponibilità della cittadinanza a partecipare ad un dibattito che probabilmente dovrà ripetersi e si ripeterà, perché i cittadini vogliono essere soggetti attivi nei processi decisionali della Città.
Specialmente in Trieste che certamente deve guardare alle grandi capitali per cercare di emulare il meglio ma senza dimenticare la propria identità storica e culturale ed investire soprattutto nella cultura, nella ricerca, nell'arte e nell'artigianato senza ovviamente dimenticare la vocazione naturale di Trieste che è quella portuale, porto franco incluso.
In tempo di crisi Trieste deve rispondere innovandosi ma anche riconoscendo una maggiore attenzione e tutela al patrimonio pubblico ed al bene comune, sperando che casi come quello del parcheggio della curia non debbano più ripetersi sia per la tutela del patrimonio artistico che per la tutela anche di quel senso di bellezza che oggi rischia di venir meno.
Basta pensare alle condizioni in cui verte ancora il molo Audace, simbolo mediatico di Trieste.
In ogni caso nella giornata del 12 luglio si è consumata una bella esperienza di democrazia diretta e partecipata, dialogando e confrontandosi con il Comune di Trieste, esperienza che in altre forme e tentativi di socializzazione anche di natura artistica certamente continuerà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…