Passa ai contenuti principali

Il rione CitàVecia incontra Andrea Dapretto assessore ai lavori pubblici





Un foglio rionale, una scenografia underground, qualche bicchiere di vino, sedie di legno e tanta voglia di partecipare ed essere soggetti attivi nella vita della Città.
Nella prima serata del 12 luglio in via Diaz 22 Trieste, durante la presentazione del numero 2 di CitàVecia Starigrad, un foglio non periodico partecipativo, il rione storico ha incontrato l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Trieste Andrea Dapretto.
Si è discusso del degrado urbano, di cosa è stato il progetto, quasi fallimentare, Urban, di quali possono essere gli sviluppi di un rione che a detta di molti rischia di divenire un dormitorio.
Varie proposte sono emerse nel corso del dibattito, come quella di realizzare una sorta di cineteca incentrata sul cinema triestino e regionale, per dare spazio al cinema indipendente ed alternativo ma anche dove raccogliere tutti i film girati a Trieste ad esempio, magari recuperando qualche edificio pubblico che può essere offerto alla collettività.
Si farà non si farà? Il tempo risponderà.
Altri hanno proposto una diversa gestione di Piazza Hortis, altri ancora un servizio di noleggio di biciclette od un biglietto del bus agevolato per le fasce sociali più deboli.
Ovviamente le critiche non sono mancate. Il problema molto sentito dal rione è emerso per esempio in merito alla non chiara questione del parcheggio della “curia” non si comprende come non si sia riusciti a fermare quell'opera che devasta l'equilibrio urbanistico e storico del rione, ma è emersa anche la problematica inerente alla scomparsa delle attività storiche della Città Vecchia, lì ove un tempo si lavorava e coltivava l'artigianato ora sorgono parcheggi.
E' stata interessante la discussione anche dal punto di vista sociale e culturale, si è messo in discussione il funzionamento della società, si è rilevato il poco senso di civiltà di molti cittadini ma nello stesso tempo l'assessore ha evidenziato che le città devono cambiare, devono mutare, non si può rimanere incollati al passato.
E' stato anche interessante notare quali sono i processi decisionali e come maturano le difficoltà nell'affrontare varie questioni. Per esempio il caso della scalinata in arenaria che conduce a via dei Fabbri, da anni in stato di dissesto ma non si riesce ad intervenire perché qualsiasi azione  potrebbe recare qualche rilevante scontento, intanto quella scalinata continua a rimaner pericolante a rischio di chi la percorre.
L'assessore ha anche evidenziato che il Comune di Trieste si è attivato con tempismo per concorrere al contratto di riqualificazione delle città come previsto dal recente decreto sviluppo, e che vari interventi verranno realizzati come il recupero della Campagna Prandi ad esempio.
Oltre due ore di dibattito, grande disponibilità e partecipazione di Andrea Dapretto, grande disponibilità della cittadinanza a partecipare ad un dibattito che probabilmente dovrà ripetersi e si ripeterà, perché i cittadini vogliono essere soggetti attivi nei processi decisionali della Città.
Specialmente in Trieste che certamente deve guardare alle grandi capitali per cercare di emulare il meglio ma senza dimenticare la propria identità storica e culturale ed investire soprattutto nella cultura, nella ricerca, nell'arte e nell'artigianato senza ovviamente dimenticare la vocazione naturale di Trieste che è quella portuale, porto franco incluso.
In tempo di crisi Trieste deve rispondere innovandosi ma anche riconoscendo una maggiore attenzione e tutela al patrimonio pubblico ed al bene comune, sperando che casi come quello del parcheggio della curia non debbano più ripetersi sia per la tutela del patrimonio artistico che per la tutela anche di quel senso di bellezza che oggi rischia di venir meno.
Basta pensare alle condizioni in cui verte ancora il molo Audace, simbolo mediatico di Trieste.
In ogni caso nella giornata del 12 luglio si è consumata una bella esperienza di democrazia diretta e partecipata, dialogando e confrontandosi con il Comune di Trieste, esperienza che in altre forme e tentativi di socializzazione anche di natura artistica certamente continuerà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…