Passa ai contenuti principali

Il lavoro dei dirigenti comunali è “valutato” dalla politica o dai cittadini?




E' stata recentemente resa nota una comunicazione, considerata come circolare, che il Sindaco di Trieste, ha inviato ai dirigenti comunali e per conoscenza agli assessori della sua giunta, per delle problematiche varie figlie di quelle lamentele, spesso oggetto di strumentalizzazioni politiche, che certamente hanno creato allarme “rosso” nel palazzo “sipario” cittadino.
Il Piccolo di Trieste nella giornata del 30 luglio rendeva noto l' articolato inciso che seguirà, tratto certamente dalla circolare inviata dal Sindaco, ad alcuni dipendenti comunali.
«Visto che ormai è evidente che dobbiamo fare i conti con un’opposizione piuttosto agguerrita su questi aspetti, e talora munita di lente degna del miglior Sherlock Holmes, e tenuto conto soprattutto dell’attenzione che tutti noi dobbiamo al raggiungimento della maggior correttezza amministrativa possibile, colgo l’occasione per raccomandare a tutti la massima attenzione anche a questi aspetti in modo da ridurre, e se possibile eliminare, il rischio di contestazioni, certo eccessive ma comunque spiacevoli soprattutto se talora non del tutto motivate»

Tono morbido, certamente particolare per il carattere che quella comunicazione doveva avere, poco formale, e forse anche romanzesco.
Non capita tutti i giorni di leggere una circolare o comunicazione del sindaco con il richiamo a Sherlock Holmes, direi che probabilmente, essendo personalmente un cultore del non formalismo e della non burocrazia che spesso compromette ogni senso reale di libertà, ho apprezzato il cercare di ricondurre il tutto in una sorta di atmosfera da giallo deduttivo, sono invece rimasto perplesso in merito al fatto che il lavoro dei dirigenti comunali venga valutato dalla politica e non dal reale datore di lavoro quale i cittadini.
Premesso che sono sempre stato critico in merito al concetto di valutazione, chi valuta il soggetto valutante? Quali sono i criteri? Quale etica? rilevo che non può essere la politica a condizionare l'operato del dipendente comunale.
I dirigenti del comune di Trieste, hanno guadagni elevati. Nel sito del Comune di Trieste, si legge nei dati aggiornati al 31 dicembre 2010, che lo stipendio massimo è quello del segretario generale pari ad euro 247.713,68 lorde, per arrivare ad un minimo stipendiale dirigenziale pari ad euro 88 mila circa, sempre lorde.
Gli stipendi dei dirigenti comunali vengono pagati anche grazie alle tasse imposte ai cittadini.
Ed allora l'operato dei dirigenti del comune di Trieste non deve sottostare  esclusivamente alla valutazione e strumentalizzazione della politica, anche se le nomine spesso sono espressione di indirizzi specifici politici e forse questo è il vero nodo della questione, ma ai doveri contrattuali ai diritti contrattuali e se devono rispondere a qualcuno, questo qualcuno si chiama in via prevalente cittadinanza e non certamente l'opposizione o maggioranza politica.
La politica di Palazzo invece deve farsi portavoce delle istanze dei cittadini, ma non strumentalizzare il lavoro dei dipendenti per motivi altri che sembrano condurre l'acqua verso il mulino della politica politichese piuttosto che verso il rispetto del principio del buon andamento dell'amministrazione pubblica.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…