Passa ai contenuti principali

Il lavoro dei dirigenti comunali è “valutato” dalla politica o dai cittadini?




E' stata recentemente resa nota una comunicazione, considerata come circolare, che il Sindaco di Trieste, ha inviato ai dirigenti comunali e per conoscenza agli assessori della sua giunta, per delle problematiche varie figlie di quelle lamentele, spesso oggetto di strumentalizzazioni politiche, che certamente hanno creato allarme “rosso” nel palazzo “sipario” cittadino.
Il Piccolo di Trieste nella giornata del 30 luglio rendeva noto l' articolato inciso che seguirà, tratto certamente dalla circolare inviata dal Sindaco, ad alcuni dipendenti comunali.
«Visto che ormai è evidente che dobbiamo fare i conti con un’opposizione piuttosto agguerrita su questi aspetti, e talora munita di lente degna del miglior Sherlock Holmes, e tenuto conto soprattutto dell’attenzione che tutti noi dobbiamo al raggiungimento della maggior correttezza amministrativa possibile, colgo l’occasione per raccomandare a tutti la massima attenzione anche a questi aspetti in modo da ridurre, e se possibile eliminare, il rischio di contestazioni, certo eccessive ma comunque spiacevoli soprattutto se talora non del tutto motivate»

Tono morbido, certamente particolare per il carattere che quella comunicazione doveva avere, poco formale, e forse anche romanzesco.
Non capita tutti i giorni di leggere una circolare o comunicazione del sindaco con il richiamo a Sherlock Holmes, direi che probabilmente, essendo personalmente un cultore del non formalismo e della non burocrazia che spesso compromette ogni senso reale di libertà, ho apprezzato il cercare di ricondurre il tutto in una sorta di atmosfera da giallo deduttivo, sono invece rimasto perplesso in merito al fatto che il lavoro dei dirigenti comunali venga valutato dalla politica e non dal reale datore di lavoro quale i cittadini.
Premesso che sono sempre stato critico in merito al concetto di valutazione, chi valuta il soggetto valutante? Quali sono i criteri? Quale etica? rilevo che non può essere la politica a condizionare l'operato del dipendente comunale.
I dirigenti del comune di Trieste, hanno guadagni elevati. Nel sito del Comune di Trieste, si legge nei dati aggiornati al 31 dicembre 2010, che lo stipendio massimo è quello del segretario generale pari ad euro 247.713,68 lorde, per arrivare ad un minimo stipendiale dirigenziale pari ad euro 88 mila circa, sempre lorde.
Gli stipendi dei dirigenti comunali vengono pagati anche grazie alle tasse imposte ai cittadini.
Ed allora l'operato dei dirigenti del comune di Trieste non deve sottostare  esclusivamente alla valutazione e strumentalizzazione della politica, anche se le nomine spesso sono espressione di indirizzi specifici politici e forse questo è il vero nodo della questione, ma ai doveri contrattuali ai diritti contrattuali e se devono rispondere a qualcuno, questo qualcuno si chiama in via prevalente cittadinanza e non certamente l'opposizione o maggioranza politica.
La politica di Palazzo invece deve farsi portavoce delle istanze dei cittadini, ma non strumentalizzare il lavoro dei dipendenti per motivi altri che sembrano condurre l'acqua verso il mulino della politica politichese piuttosto che verso il rispetto del principio del buon andamento dell'amministrazione pubblica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …