Passa ai contenuti principali

Alla ricerca di Antonio



Dopo aver visitato le bocche del Timavo, in uno spazio di terra incredibile circondato da un piccolo gioiello quale la chiesa gotica di San Giovanni in Tuba, o dalla Grotta del Dio Mitra , recandoti verso il castello di Duino perdendoti con i pensieri nella malinconia del sentiero di Rilke, su quella strada che unisce ciò che in cuor mio è Ronchi dei Partigiani, ma formalmente conosciuta come Ronchi dei Legionari, e la piccola Vienna, Trieste, noterai un cartello stradale color marrone che indica un sito paleontologico.
Decidi di seguire l'indicazione.
Giungerai al Villaggio del Pescatore, piccolo borgo circondato dal mare ove la balneazione è vietata in buona parte della zona, alla ricerca del dinosauro adrosauroide insulare della Tetide conosciuto come Antonio.
Eh Antonio dove sei?
Segui una seconda e poi una terza indicazione ed eccoti giungere, carico di adrenalina, in un piazzale enorme.
Probabilmente quello che resta di una ex cava.
Ma ti chiederai, Antonio dove sei?
Dove andare?
Segui l'istinto.
Giungerai in qualche bivio, a destra vedrai un casolare abbandonato, a sinistra una stradina circondata dall'erba alta, davanti a tuoi occhi ancora uno splendido paesaggio ed una terza via.
Le percorri tutte, ma Antonio non si vede.
Poi ti sorge un dubbio, non è che mi sarà sfuggita qualche indicazione?
Allora decidi di tornar indietro, ed ecco la sorpresa.
Due indicazioni attaccate ad una rete  davano il benventuo al sito.
Sfuggite in quella frenesia mentre cercavi Antonio.
Probabilmente perchè poco visibili.
Segui il breve sentiero, una salita, un casolare e...
Il cancello è chiuso.
Chiuso.
Eppure i cartelli stradali indicavano il sito.
Ma è tutto chiuso.
Chiuso.
Però vedrai in lontananza il mitico Antonio.
Vedrai il suo scheletro completo al 98% quasi incollato su una pietra.
Vedrai il dinosauro con la sua lunghezza di quasi 4 metri e 130 cm di altezza riposare in quella valle dimenticata dalla sovrintendenza.
Già, perché ti ritorneranno in mente le parole lette sul Piccolo di Trieste, qualche settimana prima. Soliti problemi di burocrazia, soliti tempi, solito tutto, tranne l'insolita ma forse comprensibile guerra con la sovrintendenza, ma il sito è chiuso.
Un sito che dalla sua apertura avvenuta il 31 marzo 2011, fino al giorno 8/5/2012, ha avuto più di 8.000 visite.
Ma oggi è chiuso.
Ieri anche.
Domani probabilmente.
Certo, molte persone tenteranno l'avventura di andare a cercare e trovare Antonio.
Ma i turisti non credo la prenderanno bene la sorpresina, quando giungeranno, dopo aver sbagliato varie volte strada, presso il sito e lo troveranno, se lo troveranno, chiuso
Visto che si vive tanto di apparenza, forse sarebbe il caso di coprire temporaneamente i cartelli stradali che indicano il sito paleontologico e risparmiare a questa terra una brutta figura.
Perché vi assicuro, che non è certamente entusiasmante andare alla ricerca di Antonio, sperando di poterlo incontrare, e poi trovarti davanti  un cancello chiuso, senza alcuna spiegazione.
Se è questo il modo con cui incentiviamo il turismo e la cultura, che dire?
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto