Passa ai contenuti principali

Viva il Re senza soldi

C'era una volta, in un tempo ove ore e minuti, secondi e decimi si confondevano tra il sogno di quell'alba che accompagnava l'essere umano al risveglio obbligato e la notte dalle grandi passioni ove ogni individuo osava sognare, una città chiamata la Piccola Vienna, abbracciata dalle acque fredde di un mare sempre più vagabondo e le alture rudi e grezze di una natura mai stanca di affrontare l'imposto tempo.
In quella terra viveva un Re, un Re amato da molti, odiato da tanti, un Re che un giorno vide tutto il suo patrimonio, tutti i suoi beni, che aveva sempre diviso con la collettività, essere conquistati e depredati dai predoni di una terra gelida e fredda ove ogni azione ed emozione era dovuta e voluta dal loro potente Dio chiamato Danaro.
Il Re perse tutto ma non la sua dignità.
Senza soldi, ma con tanta voglia di vivere, nonostante tutto.
Sono nato Re e morirò Re.
Questo era il pensiero regnante sovrano nel cuore e nella mente del Sovrano della Piccola Vienna.
Ed allora ecco il Re che doveva affrontare piccole incombenze quotidiane ma necessarie per vivere o meglio sopravvivere e cercare di capir come fare.
Scoprì la voce della solidarietà umana e sociale.
Scoprì l'eco dell'essenzialità.
Scoprì l'umiltà.
Ma un pensiero dominava i suoi pensieri.
Voglio viaggiare, devo viaggiare.
Io scrivo, rinchiuso nella mia stanza, scrivo lettere ed emozioni che condivido con la società, con la mia gente, con il mio popolo.
Ma le mie lettere devono partire.
Oggi, oggi devono essere trasportate dalla Carrozza in quella MonteLeone ove il popolo attende di ascoltar la mia storia, di leggere la mia storia che sarà la nostra storia.
Non posso certo deluderlo. Il popolo ha sempre atteso le mie lettere e le mie storie,danaro o non danaro io continuerò a scrivere, danaro o non danaro la mia parola continuerò a volare nella valle dell'eco per divenir scrittura immortale nell'eterno papiro.
E scriveva, scriveva, raccoglieva la carta che veniva scartata dai vari notabili, ed imparò il senso del riciclo ed utilizzava quell'inchiostro che custodiva con viva ed ardua passione nel suo forziere.
I predatori presero oro ed argento, ma non l'inchiostro perché non sapevano che farsene dell'inchiostro.
Eppure quelle macchie color nero gettate con violenza e sentimento sulla carta si dimostreranno essere  più importanti di ogni oro ed argento, di ogni metallo vilmente prezioso per la società.
Giorno dopo notte, notte dopo giorno, il Re scrisse varie storie, pronte per esser lette e consegnate alla sua gente.
Ed ora doveva viaggiare, viaggiare per consegnarle a quelle mani che sudavano la fatica del duro lavoro, a quei cuori che attendevano la sinfonia della speranza.
Questo pensava anche il Re.
Soldi o non soldi, viaggerò.
Ed allora decise di salir sulla carrozza a vapore senza pagar titolo di fvaggio alcuno sfidando ogni controllo e controllore.
Sudava, sudava ma proprio quando il suo cuore iniziava a diminuir le palpitazioni ecco la odiata frase: titolo di viaggio prego...
Il Re non perse tempo, diretto e conciso disse, io sono il Re, un tempo ero il Re della Piccola Vienna, avevo soldi, avevo campi, avevo tutto, ora non ho più nulla, ma ho la mia dignità. Devo consegnar queste lettere al popolo di MonteLeone. Io ero il Re, io sono il Re, non ho il titolo di viaggio, non ho soldi per pagarlo, non ho soldi per non far più nulla, ma è mio diritto quello di viaggiare, è mio diritto quello di sognare, è mio diritto quello di consegnar personalmente queste lettere al mio popolo, è mio diritto salire su questo Treno che viaggerà in ogni caso, che si fermerà presso le varie stazioni in ogni caso, non sono di alcun peso, dunque vuole multarmi? Faccia pure, ma io non pagherò, perché non ho danaro, è uno stato di necessità, ed in tal stato di necessità io ora viaggio, si ora viaggio.


Il controllore guardando in basso affermò:
Tenga, questa è la sua multa, non la pagherà, io devo fare il mio lavoro, non sarò io ad ostacolarla, Re.
Ed il Re stringeva tra le sue mani quel foglio.
E guardava scorrere il mondo fuori da quel vetro sempre più opaco sempre più sporco.
Erba alta ed incolta accompagna il lungo binario ferroso che congiungeva la Piccola Vienna con la rocca di MonteLeone.
Regnava in tal terra una guerra violenta e silente, i predatori del nord conquistarono i beni e le terre, diritti e ricchezze di ogni paese, ma la speranza e la dignità di andar oltre il loro Dio non venne conquistata, no.
Ed il Re lo sapeva bene, le storie stilizzate in quelle lettere da consegnar al suo popolo erano la fonte della ribellione.
Speranza e ribellione unite nel bacio di una emozione senza tempo.
Parole e scrittura, spada e scudo che completavano l'armatura del popolo ribelle.
Viva il Re senza soldi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…