Passa ai contenuti principali

Viva il Re senza soldi

C'era una volta, in un tempo ove ore e minuti, secondi e decimi si confondevano tra il sogno di quell'alba che accompagnava l'essere umano al risveglio obbligato e la notte dalle grandi passioni ove ogni individuo osava sognare, una città chiamata la Piccola Vienna, abbracciata dalle acque fredde di un mare sempre più vagabondo e le alture rudi e grezze di una natura mai stanca di affrontare l'imposto tempo.
In quella terra viveva un Re, un Re amato da molti, odiato da tanti, un Re che un giorno vide tutto il suo patrimonio, tutti i suoi beni, che aveva sempre diviso con la collettività, essere conquistati e depredati dai predoni di una terra gelida e fredda ove ogni azione ed emozione era dovuta e voluta dal loro potente Dio chiamato Danaro.
Il Re perse tutto ma non la sua dignità.
Senza soldi, ma con tanta voglia di vivere, nonostante tutto.
Sono nato Re e morirò Re.
Questo era il pensiero regnante sovrano nel cuore e nella mente del Sovrano della Piccola Vienna.
Ed allora ecco il Re che doveva affrontare piccole incombenze quotidiane ma necessarie per vivere o meglio sopravvivere e cercare di capir come fare.
Scoprì la voce della solidarietà umana e sociale.
Scoprì l'eco dell'essenzialità.
Scoprì l'umiltà.
Ma un pensiero dominava i suoi pensieri.
Voglio viaggiare, devo viaggiare.
Io scrivo, rinchiuso nella mia stanza, scrivo lettere ed emozioni che condivido con la società, con la mia gente, con il mio popolo.
Ma le mie lettere devono partire.
Oggi, oggi devono essere trasportate dalla Carrozza in quella MonteLeone ove il popolo attende di ascoltar la mia storia, di leggere la mia storia che sarà la nostra storia.
Non posso certo deluderlo. Il popolo ha sempre atteso le mie lettere e le mie storie,danaro o non danaro io continuerò a scrivere, danaro o non danaro la mia parola continuerò a volare nella valle dell'eco per divenir scrittura immortale nell'eterno papiro.
E scriveva, scriveva, raccoglieva la carta che veniva scartata dai vari notabili, ed imparò il senso del riciclo ed utilizzava quell'inchiostro che custodiva con viva ed ardua passione nel suo forziere.
I predatori presero oro ed argento, ma non l'inchiostro perché non sapevano che farsene dell'inchiostro.
Eppure quelle macchie color nero gettate con violenza e sentimento sulla carta si dimostreranno essere  più importanti di ogni oro ed argento, di ogni metallo vilmente prezioso per la società.
Giorno dopo notte, notte dopo giorno, il Re scrisse varie storie, pronte per esser lette e consegnate alla sua gente.
Ed ora doveva viaggiare, viaggiare per consegnarle a quelle mani che sudavano la fatica del duro lavoro, a quei cuori che attendevano la sinfonia della speranza.
Questo pensava anche il Re.
Soldi o non soldi, viaggerò.
Ed allora decise di salir sulla carrozza a vapore senza pagar titolo di fvaggio alcuno sfidando ogni controllo e controllore.
Sudava, sudava ma proprio quando il suo cuore iniziava a diminuir le palpitazioni ecco la odiata frase: titolo di viaggio prego...
Il Re non perse tempo, diretto e conciso disse, io sono il Re, un tempo ero il Re della Piccola Vienna, avevo soldi, avevo campi, avevo tutto, ora non ho più nulla, ma ho la mia dignità. Devo consegnar queste lettere al popolo di MonteLeone. Io ero il Re, io sono il Re, non ho il titolo di viaggio, non ho soldi per pagarlo, non ho soldi per non far più nulla, ma è mio diritto quello di viaggiare, è mio diritto quello di sognare, è mio diritto quello di consegnar personalmente queste lettere al mio popolo, è mio diritto salire su questo Treno che viaggerà in ogni caso, che si fermerà presso le varie stazioni in ogni caso, non sono di alcun peso, dunque vuole multarmi? Faccia pure, ma io non pagherò, perché non ho danaro, è uno stato di necessità, ed in tal stato di necessità io ora viaggio, si ora viaggio.


Il controllore guardando in basso affermò:
Tenga, questa è la sua multa, non la pagherà, io devo fare il mio lavoro, non sarò io ad ostacolarla, Re.
Ed il Re stringeva tra le sue mani quel foglio.
E guardava scorrere il mondo fuori da quel vetro sempre più opaco sempre più sporco.
Erba alta ed incolta accompagna il lungo binario ferroso che congiungeva la Piccola Vienna con la rocca di MonteLeone.
Regnava in tal terra una guerra violenta e silente, i predatori del nord conquistarono i beni e le terre, diritti e ricchezze di ogni paese, ma la speranza e la dignità di andar oltre il loro Dio non venne conquistata, no.
Ed il Re lo sapeva bene, le storie stilizzate in quelle lettere da consegnar al suo popolo erano la fonte della ribellione.
Speranza e ribellione unite nel bacio di una emozione senza tempo.
Parole e scrittura, spada e scudo che completavano l'armatura del popolo ribelle.
Viva il Re senza soldi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…