Passa ai contenuti principali

Sei del Sud? Allora sei un barbaro. Il caso del concorso per presidi del Friuli Venezia Giulia





Il concorso per presidi continua a fare discutere.
Dopo i ricorsi al Tar rigettati, è seguita anche la produzione di un vero e proprio esposto alla Procura della Repubblica.
Ma probabilmente ciò che dovrebbe comportare l'annullamento delle prove, a parer mio, non sarà nessun atto di impugnazione giuridica, ma sostanziale.
Quello che si è appreso dal giornale locale, il Piccolo, è a dir poco vergognoso.
Sì, vergognoso.
Parto da una prima considerazione.
Il Piccolo, nello spazio riservato alle notizie regionali del 22 giugno 2012,



rende noto che uno dei ricorrenti, non ammesso agli orali, sosteneva che I care era il motto inventato da Don Milani, secondo il presidente della Commissione giudicante, che è avvocato distrettuale dello Stato per il Friuli Venezia Giulia, “I Care è il motto inventato da Obama ed in Italia adottato da Veltroni e che è un errore attribuirlo a Don Milani che si esprimeva in toscano ed in latino, non certo in inglese”

Internet è una risorsa, ma anche i libri lo sono.
Dico ciò perché se il presidente della Commissione dice di non fidarsi di quanto emerge in internet, a proposito della paternità di quella frase, avrebbe fatto cosa buona e giusta a cercare la fonte con i metodi tradizionali.
Per esempio nel libro L'obbedienza non è più una virtù, -libreria editrice fiorentina- documenti del processo di Don Milani, stampato a Firenze , a pagina 34, nella Lettera ai giudici di don Milani, scritta a Barbiana, nel lontano 24 ottobre 1965 , testualmente si legge:
Come ognuno deve sentirsi responsabile di tutto. Su una parete della nostra scuola c’è scritto grande “I care“. È il motto intraducibile dei giovani americani migliori. “Me ne importa, mi sta a cuore” il contrario esatto del motto fascista “Me ne frego”.

Prima di Obama e prima di Veltroni dunque.
Se questa è la preparazione di chi ha giudicato i futuri presidi, o deciso chi doveva superare il detto concorso o meno che dire?
Ma vi è di peggio, ahimè.
Il Piccolo, sempre nell'articolo del 22 giugno 2012, rende noto che nel testo della relazione per la difesa erariale, a fronte dei ricorsi prodotti al Tar da alcuni partecipanti al concorso, ricorso che verrà rigettato, che il Presidente della Commissione testualmente scrive “ tanto meno era compito nostro riempire i posti costasse quel che costasse perché non arrivassero i barbari”. Il Presidente della commissione si giustificherà dicendo “quanto ai barbari ho adottato quel termine collegandomi idealmente allo sprezzante tono del parlamentare leghista, ho voluto enfatizzare l'assurda piega che ha avuto questa vicenda. Ovvio che la parola barbari applicata ad insegnanti o persone non del luogo non mi appartiene. Non equivochiamo.
E certo, non equivochiamo.
E' grave, gravissimo, una nefandezza degna di ogni ignoranza di Stato, riportare in atto ufficiale ed istituzionale una simile considerazione.
Non esistono giustificazioni e comprensioni.
Nulla.
Ed allora se è questo lo spirito e l'animus che ha determinato la correzione dei compiti, si deve procedere come minimo all'annullamento del concorso per dirigenti scolastici nel Friuli Venezia Giulia, ed avviare immediatamente una ispezione ministeriale, per valutare l'operato dei soggetti ivi coinvolti.
Io ho sempre reputato questa terra, mi riferisco al Friuli Venezia Giulia, una terra accogliente, ove l'integrazione è possibile. Leggere simili barbarie che non possono che non essere ricondotte nel pozzo meschino del razzismo, non può che recare rabbia e sofferenza umana.

Concludo con l'incipit di una Lettera a una professoressa, un pensiero ribelle fatto proprio da tanti ragazzi, fatto proprio in quella scuola che ha rifiutato il classismo, che ha rifiutato la scuola della gerarchia, che ha rifiutato la scuola della concorrenza, e forse proprio per questo motivo si tende a negare la paternità di I care a Don Milani, perchè la scuola che oggi vogliono i governanti di questo Paese è una scuola che va letteralmente e sostanzialmente contro i precetti voluti anche da Don Milani.

Cara signora, lei di me non ricorderà nemmeno il nome. Ne ha bocciati tanti.
Io invece ho ripensato spesso a lei, ai suoi colleghi, a quell’istituzione che chiamate scuola, ai ragazzi che “respingete”. Ci respingete nei campi e nelle fabbriche e ci dimenticate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…