Passa ai contenuti principali

Il caso del monumento ai 71 ostaggi fucilati dai nazisti di Opicina




Con questo intervento voglio riportare alla memoria un luogo conosciuto da tanti ma dimenticato anche da tanti.
Il monumento ai 71 ostaggi fucilati dai nazisti il 3 aprile del 1944 in Opicina.
Quella terra che sovrasta il golfo di Trieste ed è raccolta nelle alture carsiche è ricca di storia, di sofferenze, di resistenza.
Eppure noterai che non sempre i monumenti in questo Stato hanno lo stesso peso, hanno lo stesso valore. Dipende spesso da quanto possano essere strumentali a determinate logiche.
Pensi alle Foiba di Basovizza dichiarata ufficialmente Monumento Nazionale , curata nei minimi particolari, e pensi al monumento dedicato ai 71 ostaggi fucilati dai nazisti, che non ha avuto lo stesso tipo di attenzione da parte delle solite istituzioni.
Eppure si parla di essere umani morti per quella libertà che oggi diamo come cosa scontata, ma non lo è. Nulla è scontato.
Qualche giorno addietro mi trovavo al Knulp di Trieste, locale di riferimento di intellettuali, musicisti, artisti, e semplici persone che hanno voglia di condividere un momento di socializzazione.

Fai due chiacchiere con Fausto e ti rappresenta tutto il suo stupore per quello che aveva appena visto.
Ovvero che si era recato in Opicina seguendo la strada per Vienna per gettare dei rifiuti presso il centro di raccolta ed ha visto il monumento ai 71 ostaggi, nella parte di accesso ad esso, essere in condizioni di abbandono.
Allora decidiamo con alcuni amici di Trieste, Pietro, suo figlio, Daniela e Fausto di recarci personalmente in quel posto.
Abbiamo toccato con mano una storia non molto conosciuta e forse sconosciuta totalmente alle nuove generazioni.
Il tutto in una traversa apparentemente anonima di quella strada che conduce verso la Slovenia.
Un piccolo piazzale, un passaggio di cemento conquistato dall'erba incolta, due cartelli color marrone,di cui uno ben nascosto dalla folta vegetazione, un recinto con una stella rossa e la storia della resistenza è innanzi ai tuoi occhi.


Provi a chiudere gli occhi.
Provi ad immaginare l'immaginabile che è stato ahimè atrocemente reale.
Ascolti le urla dei soldati tedeschi, respiri l'odore freddo e nefasto della polvere da sparo.
Vedi quelle persone legate, che con dignità affronteranno la morte.
La morte.
Parola terribile.
Sudi, tremi, forse avrai guardato in faccia l'uomo che ti ucciderà, forse avrai guardato in alto, forse avrai semplicemente chiuso gli occhi.
Occhi che noi non dobbiamo chiudere.
E vedrai quel monumento essere circondato dal centro raccolta dei rifiuti e dal Poligono di Tiro.
Poligono di Tiro che ha anche una sua storia conflittuale in corso. Infatti, il consiglio nazionale dell’ANPI-Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, riunito a Chianciano Terme il 31 marzo-1ºaprile 2012 ha deliberato, in merito all'annosa ed irrisolta situazione del Poligono di Tiro di Opicina presso Trieste ancora funzionante, dove il 15 dicembre 1941 cinque antifascisti sloveni, Viktor Bobek, Ivan Ivančič, Simon Kos, Pinko Tomažič e Ivan Vadnal, vennero fucilati a seguito della condanna a morte emanata a loro carico dal Tribunale Speciale una sorta di ultima diffida al Prefetto ed alle amministrazioni comunali per realizzare in quel posto un parco per la pace e chiudere definitivamente quel Poligono anche in virtù di presunti taciti accordi maturati in passato e mai rispettati.

Dunque il Poligono di Tiro, 




ed un centro della raccolta rifiuti circondano la storia per la libertà.

Ma è una storia che soffre e viene anche schiaffeggiata dalla società .
Il vialetto che ti conduce alla targa marmorea è assediato dall'erba alta ed incolta.
Perché?

Ma noterai che mancano anche delle indicazioni per coloro che non conoscono quell'evento figlio del peggior nazismo, nato da una rappresaglia, perché gli ostaggi furono fucilati per un attentato al cinema di Opicina del giorno prima, che aveva causato la morte di 7 soldati tedeschi.
7 soldati tedeschi uccisi, 71 persone fucilate come risposta e furono anche le prime ad essere bruciate nel forno crematorio della Risiera di San Sabba a Trieste, unico campo di sterminio del genere in Italia.



Basterebbero poche indicazioni per illustrare in semplici righe cosa è stato quel 3 aprile, poche righe dalla storia immensa e sconosciuta alle nuove generazioni.

E' chiedere tanto alle istituzioni? Tagliare l'erba incolta, collocare un cartello illustrativo e non estremamente nozionistico come quello vigente? Se non provvederanno le istituzioni certamente provvederanno i cittadini, perché in tempo di crisi lo spirito dell'autorganizzazione è destinato a divenire realtà diffusa.


note: la foto del Poligono di Tiro è di Pietro Bellino.

Aggiornamento: L'ANPI locale ha fatto presente che il Comune di Trieste provvede alla pulizia esterna dell'area circa ogni tre mesi... Che dire? Sventurato tu che ti troverai a passare da quel luogo nei mesi ove la pulizia non è realizzata...mi domando perchè questa discriminazione tra memoria e memoria? Perchè alcuni monumenti vengono esaltati ed altri trascurati? Chi decide?
MB








Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …