Passa ai contenuti principali

Quali le giuste denominazioni in friulano delle località dell'Isontino?


In Friuli Venezia Giulia in linea teorica dovrebbe essere garantito anche quello che viene definito come il ‘bilinguismo visivo’, con la giusta predisposizione della segnaletica interna bilingue e l’apposizione di indicazioni stradali recanti, accanto al toponimo italiano, il corrispondente friulano o sloveno. Se da un lato vi è stata una buona sensibilità in materia, specialmente nel cuore del Friuli, o nelle zone del Carso triestino per lo sloveno, lo stesso non può dirsi per diverse località che risultano essere fortemente menomate in tal senso. Come è noto nel 2014 ai sensi dell’articolo 11, comma 1, della legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29, sono state approvate le denominazioni toponimiche ufficiali in lingua friulana e riportano due varianti, il friulano comune ed il friulano locale. Ed il detto articolo così recita: "La denominazione ufficiale in lingua friulana di comuni, frazioni e località è stabilita dalla Regione, su proposta dell'ARLeF, tenuto conto delle varianti locali, e d'intesa con i Comuni interessati(...)". Quelli della provincia di Gorizia, o meglio ex provincia di Gorizia che per sintesi chiamerò isontino sono questi:

BUDIGNACCO BUDIGNAC in friulano comune idem in friulano locale, CAPRIVA DEL FRIULI in CAPRIVE/CAPRIVA; RUSSIZ INFERIORE in RUSSIZ DISOT idem in friulano locale, RUSSIZ SUPERIORE in RUSSIZ DISORE/RUSSIZ DISORA; SPESSA in SPESSE/SPESSA; ANGORIS in ANGORIS idem in friulano locale; BOATINA in LA BOATINE; BORGNANO in BORGNAN; BRAZZANO in BREÇAN/BREZAN; CORMONS in CORMONS; GIASSICO in INSIC; MONTICELLO in MONTISEL ;POVIA in POVIE; RONCADA in LA RONCJADE; SAN QUIRINO  in SAN QUARIN; SAN ROCCO in SAN ROC; SUBIDA in LA SUBIDE DOLEGNA DEL COLLIO in DOLEGNE DAL CUEI/ DOLEGNA DAL CUEI; LONZANO in  LONZAN idem in friulano locale; MERNICCO in MERNIC idem in friulano locale; RESTOCINA in RESTOZINE/RESTOZINA; RUTTARS in  ROTÂRS idem in friulano locale; SCRIÒ in SCRIÙ idem in friulano locale; TRUSSIO in TRUS idem in friulano locale; VENCÒ in VENCÒ idem in friulano locale; FARRA D’ISONZO in FARE/FARA; MAINIZZA in MAINIZE/MAINIZA; VILLANOVA DI FARRA in VILEGNOVE/VILAGNOVA; CASA ROSSA in CJASE ROSSE/CJASA ROSSA. 

Ed ancora: 
GORIZIA in GURIZE/GURIZA; GRADISCHIUTTA in  GARDISCJUTE/GARDISCJUTA; LUCINICO in  LUCINÎS/LUZINÌS; MOCHETTA in MOCHETE MOCHETA; PIEDIMONTE DEL CALVARIO in PUDIGORI idem in friulano locale; PIUMA in PIUME/PIUMA SAN MAURO in SAN MAUR idem in friulano locale;SANT'ANDREA in SANT ANDRÂT; BRUMA in BRUME/BRUMA;GRADISCA D’ISONZO in GARDISCJE/GARDISCJA; CORONA in CORONE/CORONA; MARIANO DEL FRIULI in MARIAN idem in friulano locale;MEDEA in MIGJEE/MIGJEA;ARIS/DARIS; MARINA JULIA in MARINE JULIE; MONFALCONE in MONFALCON; PANZANO in PANZAN; MORARO in MORÂR; MOSSA in MOSSE/MOSSA; OLIVERS in OLIVÊRS idem in friulano locale; VALLISELLA in VALISELE/VALISELA; FRATTA in FRATE/FRATA; ROMANS D’ISONZO in ROMANS DAL LUSINÇ/ROMANS; VERSA in VIARSE/VIARSA; BOSCHINI in USSIE/USSIA; PETEANO in PETEAN idem in friulano locale;TERZARMATA in SDRAUSSINE/SDRAUSSINA; SAGRADO in SEGRÂT idem in friulano locale; SAN MARTINO DEL CARSO in SAN MARTIN DAL CJARS; SAN LORENZO ISONTINO in SAN LURINÇ LISUNTIN /SAN LURINZ; VILLESSE  in VILLESSE /VILÈS.

Da notare l’assenza del comune di Ronchi, così come nella realtà effettiva delle cose, come avviene purtroppo anche per lo sloveno lì ove ne è prevista la tutela ex lege, sono una effettiva rarità i cartelli stradali in friulano nella maggior parte di queste località e non solo, a partire da quello che dovrebbe darti il benvenuto nella città o nel paese di cui all’elenco ora citato. D'altronde basta pensare al cartello in autostrada che segna il confine con il Veneto, scritto rigorosamente in italiano ad oggi è utopico da queste parti aggiungere anche Friûl Vignesie Julie. Insomma, questa sì che è una vittoria “mutilata” in materia di diritti in tema di plurilinguismo a cui il FVG deve la sua essenza di specialità.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…