Passa ai contenuti principali

Quali le giuste denominazioni in friulano delle località dell'Isontino?


In Friuli Venezia Giulia in linea teorica dovrebbe essere garantito anche quello che viene definito come il ‘bilinguismo visivo’, con la giusta predisposizione della segnaletica interna bilingue e l’apposizione di indicazioni stradali recanti, accanto al toponimo italiano, il corrispondente friulano o sloveno. Se da un lato vi è stata una buona sensibilità in materia, specialmente nel cuore del Friuli, o nelle zone del Carso triestino per lo sloveno, lo stesso non può dirsi per diverse località che risultano essere fortemente menomate in tal senso. Come è noto nel 2014 ai sensi dell’articolo 11, comma 1, della legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29, sono state approvate le denominazioni toponimiche ufficiali in lingua friulana e riportano due varianti, il friulano comune ed il friulano locale. Ed il detto articolo così recita: "La denominazione ufficiale in lingua friulana di comuni, frazioni e località è stabilita dalla Regione, su proposta dell'ARLeF, tenuto conto delle varianti locali, e d'intesa con i Comuni interessati(...)". Quelli della provincia di Gorizia, o meglio ex provincia di Gorizia che per sintesi chiamerò isontino sono questi:

BUDIGNACCO BUDIGNAC in friulano comune idem in friulano locale, CAPRIVA DEL FRIULI in CAPRIVE/CAPRIVA; RUSSIZ INFERIORE in RUSSIZ DISOT idem in friulano locale, RUSSIZ SUPERIORE in RUSSIZ DISORE/RUSSIZ DISORA; SPESSA in SPESSE/SPESSA; ANGORIS in ANGORIS idem in friulano locale; BOATINA in LA BOATINE; BORGNANO in BORGNAN; BRAZZANO in BREÇAN/BREZAN; CORMONS in CORMONS; GIASSICO in INSIC; MONTICELLO in MONTISEL ;POVIA in POVIE; RONCADA in LA RONCJADE; SAN QUIRINO  in SAN QUARIN; SAN ROCCO in SAN ROC; SUBIDA in LA SUBIDE DOLEGNA DEL COLLIO in DOLEGNE DAL CUEI/ DOLEGNA DAL CUEI; LONZANO in  LONZAN idem in friulano locale; MERNICCO in MERNIC idem in friulano locale; RESTOCINA in RESTOZINE/RESTOZINA; RUTTARS in  ROTÂRS idem in friulano locale; SCRIÒ in SCRIÙ idem in friulano locale; TRUSSIO in TRUS idem in friulano locale; VENCÒ in VENCÒ idem in friulano locale; FARRA D’ISONZO in FARE/FARA; MAINIZZA in MAINIZE/MAINIZA; VILLANOVA DI FARRA in VILEGNOVE/VILAGNOVA; CASA ROSSA in CJASE ROSSE/CJASA ROSSA. 

Ed ancora: 
GORIZIA in GURIZE/GURIZA; GRADISCHIUTTA in  GARDISCJUTE/GARDISCJUTA; LUCINICO in  LUCINÎS/LUZINÌS; MOCHETTA in MOCHETE MOCHETA; PIEDIMONTE DEL CALVARIO in PUDIGORI idem in friulano locale; PIUMA in PIUME/PIUMA SAN MAURO in SAN MAUR idem in friulano locale;SANT'ANDREA in SANT ANDRÂT; BRUMA in BRUME/BRUMA;GRADISCA D’ISONZO in GARDISCJE/GARDISCJA; CORONA in CORONE/CORONA; MARIANO DEL FRIULI in MARIAN idem in friulano locale;MEDEA in MIGJEE/MIGJEA;ARIS/DARIS; MARINA JULIA in MARINE JULIE; MONFALCONE in MONFALCON; PANZANO in PANZAN; MORARO in MORÂR; MOSSA in MOSSE/MOSSA; OLIVERS in OLIVÊRS idem in friulano locale; VALLISELLA in VALISELE/VALISELA; FRATTA in FRATE/FRATA; ROMANS D’ISONZO in ROMANS DAL LUSINÇ/ROMANS; VERSA in VIARSE/VIARSA; BOSCHINI in USSIE/USSIA; PETEANO in PETEAN idem in friulano locale;TERZARMATA in SDRAUSSINE/SDRAUSSINA; SAGRADO in SEGRÂT idem in friulano locale; SAN MARTINO DEL CARSO in SAN MARTIN DAL CJARS; SAN LORENZO ISONTINO in SAN LURINÇ LISUNTIN /SAN LURINZ; VILLESSE  in VILLESSE /VILÈS.

Da notare l’assenza del comune di Ronchi, così come nella realtà effettiva delle cose, come avviene purtroppo anche per lo sloveno lì ove ne è prevista la tutela ex lege, sono una effettiva rarità i cartelli stradali in friulano nella maggior parte di queste località e non solo, a partire da quello che dovrebbe darti il benvenuto nella città o nel paese di cui all’elenco ora citato. D'altronde basta pensare al cartello in autostrada che segna il confine con il Veneto, scritto rigorosamente in italiano ad oggi è utopico da queste parti aggiungere anche Friûl Vignesie Julie. Insomma, questa sì che è una vittoria “mutilata” in materia di diritti in tema di plurilinguismo a cui il FVG deve la sua essenza di specialità.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…