Passa ai contenuti principali

FVG: abrogare le UTI e proporre la provincia autonoma di Trieste, Udine e Pordenone



Paradossalmente dalla caduta del muro di Berlino, nel mondo, non si è registrato un crollo dei muri, delle frontiere. Foucher ha denunciato che "dal 1991 sono stati istituiti più di 28 mila km di nuove frontiere internazionale ed altri 24 mila km sono stati oggetto di accordi, di limitazioni, di demarcazioni, mai prima d'ora si era così tanto negoziato, delimitato, demarcato, sorvegliato, pattugliato, sulle frontiere dell'intero globo. Si è passati da oltre 51 stati indipendenti dal dopoguerra ad oltre i 190 odierni", esiste una vera ossessione delle frontiere, come ha giustamente rilevato Federico Simonti nel suo importante libro l'invenzione della frontiera. Solo che abbiamo una memoria corta. Ci si è scandalizzati, giustamente, enormemente quando Trump ha proposto di realizzare il muro con il Messico, ma l'Occidente ha dimenticato che è stato Clinton ad aver iniziato la costruzione di quel muro, che in gran parte esiste già. Così come noi europei, nulla stiamo facendo per fermare i ridicoli reticolati sloveni anti-migranti, o quelli ungheresi o croati, d'altronde perchè mai l'Europa dovrebbe farlo, visto che con il sistema Frontex altro non attua che una enorme frontiera mobile ed in movimento sul Mediterraneo? Muri che, come il vecchio e cadente limes, o l'inutile muraglia cinese, servono per evitare "contaminazioni" e difendere il ricco nuovo impero europeo dal mondo povero e disgraziato. Riconducendo tutto a livello locale, in FVG abolite le province, si è pensato di suddividere il territorio in 18 mini contee. Che non hanno messo in connessione il territorio, piccolo ma articolato del FVG, ma lo hanno ulteriormente frammentato favorendo anche processi di competizione più che di solidarietà. Per non parlare dell'effetto collaterale ammazza-democrazia che si scaglierà contro i piccoli Comuni. Regione che ha come capoluogo Trieste, ma Udine è identificata come il capoluogo del Friuli, Gorizia in via di estinzione dal punto di vista politico, e Pordenone sembra più veneta che altro. Si sono evitati i moti di Reggio, del 1970, quando questi ebbero luogo perchè si decise di far divenire Catanzaro come capoluogo della Calabria, e si conclusero con il compromesso che a Reggio praticamente esiste la sede del Consiglio Regionale della Calabria ed una sede autonoma della Corte di Appello. Ad Udine esistono articolazioni della Regione FVG, i cui uffici principali sono collocati a Trieste. Le UTI non riescono ad ingranare la marcia e quando questa viene ingranata, camminano a singhiozzo. Ancora è possibile fermare tutto,  e perchè non proporre un sistema similare a quello della provincia autonoma di Trento e Bolzano? Dove la regione esercita le proprie funzioni, nei limiti dello statuto e delle norme di attuazione, sull'intero territorio regionale; le norme regionali si indirizzano alla generalità dei soggetti facenti parte della comunità regionale. La provincia autonoma disciplina con legge e governa (direttamente o tramite altri soggetti) la quasi totalità degli interventi pubblici locali, nei settori dell'ambiente, dell'economia e dei servizi culturali e sociali, limitatamente al suo territorio e nei confronti della propria popolazione. In FVG si potrebbe pensare alla istituzione della provincia autonoma di Trieste, Udine e Pordenone, con il territorio di Gorizia che dovrà decidere se entrare in quello di Udine od in quello di Trieste, dove pare essere più indirizzato.  E questo non significherebbe il ritorno della vecchia provincia, ma di un qualcosa di più serio e profondo. Sarebbe un modo per garantire una migliore centralità, autonomia, finalizzata a contrastare ogni ulteriore frammentazione del territorio, dannosa ed inutile, come inutili e dannosi sono i muri e le frontiere di questo nuovo secolo.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …