Passa ai contenuti principali

FVG: abrogare le UTI e proporre la provincia autonoma di Trieste, Udine e Pordenone



Paradossalmente dalla caduta del muro di Berlino, nel mondo, non si è registrato un crollo dei muri, delle frontiere. Foucher ha denunciato che "dal 1991 sono stati istituiti più di 28 mila km di nuove frontiere internazionale ed altri 24 mila km sono stati oggetto di accordi, di limitazioni, di demarcazioni, mai prima d'ora si era così tanto negoziato, delimitato, demarcato, sorvegliato, pattugliato, sulle frontiere dell'intero globo. Si è passati da oltre 51 stati indipendenti dal dopoguerra ad oltre i 190 odierni", esiste una vera ossessione delle frontiere, come ha giustamente rilevato Federico Simonti nel suo importante libro l'invenzione della frontiera. Solo che abbiamo una memoria corta. Ci si è scandalizzati, giustamente, enormemente quando Trump ha proposto di realizzare il muro con il Messico, ma l'Occidente ha dimenticato che è stato Clinton ad aver iniziato la costruzione di quel muro, che in gran parte esiste già. Così come noi europei, nulla stiamo facendo per fermare i ridicoli reticolati sloveni anti-migranti, o quelli ungheresi o croati, d'altronde perchè mai l'Europa dovrebbe farlo, visto che con il sistema Frontex altro non attua che una enorme frontiera mobile ed in movimento sul Mediterraneo? Muri che, come il vecchio e cadente limes, o l'inutile muraglia cinese, servono per evitare "contaminazioni" e difendere il ricco nuovo impero europeo dal mondo povero e disgraziato. Riconducendo tutto a livello locale, in FVG abolite le province, si è pensato di suddividere il territorio in 18 mini contee. Che non hanno messo in connessione il territorio, piccolo ma articolato del FVG, ma lo hanno ulteriormente frammentato favorendo anche processi di competizione più che di solidarietà. Per non parlare dell'effetto collaterale ammazza-democrazia che si scaglierà contro i piccoli Comuni. Regione che ha come capoluogo Trieste, ma Udine è identificata come il capoluogo del Friuli, Gorizia in via di estinzione dal punto di vista politico, e Pordenone sembra più veneta che altro. Si sono evitati i moti di Reggio, del 1970, quando questi ebbero luogo perchè si decise di far divenire Catanzaro come capoluogo della Calabria, e si conclusero con il compromesso che a Reggio praticamente esiste la sede del Consiglio Regionale della Calabria ed una sede autonoma della Corte di Appello. Ad Udine esistono articolazioni della Regione FVG, i cui uffici principali sono collocati a Trieste. Le UTI non riescono ad ingranare la marcia e quando questa viene ingranata, camminano a singhiozzo. Ancora è possibile fermare tutto,  e perchè non proporre un sistema similare a quello della provincia autonoma di Trento e Bolzano? Dove la regione esercita le proprie funzioni, nei limiti dello statuto e delle norme di attuazione, sull'intero territorio regionale; le norme regionali si indirizzano alla generalità dei soggetti facenti parte della comunità regionale. La provincia autonoma disciplina con legge e governa (direttamente o tramite altri soggetti) la quasi totalità degli interventi pubblici locali, nei settori dell'ambiente, dell'economia e dei servizi culturali e sociali, limitatamente al suo territorio e nei confronti della propria popolazione. In FVG si potrebbe pensare alla istituzione della provincia autonoma di Trieste, Udine e Pordenone, con il territorio di Gorizia che dovrà decidere se entrare in quello di Udine od in quello di Trieste, dove pare essere più indirizzato.  E questo non significherebbe il ritorno della vecchia provincia, ma di un qualcosa di più serio e profondo. Sarebbe un modo per garantire una migliore centralità, autonomia, finalizzata a contrastare ogni ulteriore frammentazione del territorio, dannosa ed inutile, come inutili e dannosi sono i muri e le frontiere di questo nuovo secolo.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Incredibile ma vero, il Consiglio Comunale di Trieste approva mozione contro il Sindaco di Napoli

All'inverosimile non vi è mai fine, ed a Trieste meno che mai. Trieste e Napoli due città distanti, che già hanno "guerreggiato" sulla primazia del caffè, quando qualcuno a Trieste collocò un cartello, ancora non rimosso, sulla strada che conduce verso Opicina, con scritto città del caffè, in aggiunta a città della Barcolana. Ma gli scazzi tra Trieste e Napoli non sono mancati neanche ultimamente su diverse questioni politiche e battute miserabili. E la sfida, se così la possiamo chiamare tale situazione politica a dir poco assurda, continua. In relazione ai noti fatti di Napoli, in merito alla visita di Salvini, e manifestazioni di protesta che ne sono conseguite, non avendo nulla di meglio da fare, cosa ha deciso di approvare il Consiglio comunale di Trieste? Una mozione proposta dal partito della lega nord, nella quale si critica duramente l'operato del Sindaco di Napoli, sia "per il diniego dato a Salvini per la sala richiesta" che per i toni utilizzat…

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …