Passa ai contenuti principali

I funerali dell’arciduca Francesco Ferdinando e Sofia, dall'accoglienza di Trieste all'indifferenza di Vienna



Durante la turbolenta estate del 2014, a Trieste, tra piazza della Borsa, la fontana dei Quattro Continenti ed il palazzo del Governo, si potevano osservare le tre stazioni che riportavano le foto di Francesco Penco e Mario Circovich e che ben evidenziavano la calorosa e partecipata accoglienza che Trieste manifestò nei confronti dell'erede al trono dell'Impero austro-ungarico e sua moglie. Come è noto, giunsero le bare, in città, il  2 luglio 1914, sbarcarono dalla corazzata “Viribus Unitis” e percorsero alcune vie di Trieste per raggiungere la Stazione della Ferrovia meridionale per poi congiungersi con Vienna. Non era un mistero che l'arciduca e sua moglie non fossero ben visti a Vienna dall'Imperatore Francesco, il quale sembrava essere più infastidito dal come la morte era avvenuta più che per la morte dell'erede al trono. Duplice omicidio che comportò una immediata reazione repressiva pesantissima, ( in realtà un pretesto per domare e conquistare i ribelli Serbi) solo 48 dopo ore l'assassinio in Bosnia furono arrestati 200 serbi, diversi contadini impiccati subito, alla fine di luglio, 5000 erano i serbi dietro le sbarre e 150 furono impiccati appena iniziarono le ostilità. Nel libro di Max Hastings, Catastrophe 1914: Europe Goes to War, (traduzione italiana, Catastrofe 1914 L'Europa in guerra edito da Neri Pozza), tra le pagine 33 e 35 si dedica spazio a questo evento e si sottolinea, per esempio, che “l'imperatore Francesco ricevette la notizia senza mostrare alcuna emozione, durante la cena, e decise di continuare a cenare da solo”, oppure che il "funerale dell'arciduca durò appena un quarto d'ora e subito dopo Francesco Giuseppe torno a Ischl e alle sue cure termali". Ed ancora che il 29 giugno a Vienna il professor Redlich scriveva: “in città non c'è alcun segno di lutto, c'è musica ovunque”, mentre il Times racconterà il “funerale in termini così sobri da indurre sonnolenza e gli osservatori stranieri a Vienna si stupirono del fatto che in città il lutto per l'erede al trono imperiale fosse tanto superficiale e chiaramente solo di circostanza”. Insomma, una reazione completamente diversa tra Trieste e Vienna. Dall'accoglienza, condizionata certamente anche da tanta curiosità, di Trieste, alla quasi totale indifferenza di Vienna. Eppure quell'evento determinò la goccia, la diabolica e tremenda goccia, che traboccò dal fatidico vaso. Poi morte e distruzione in quell'Impero predestinato alla sua inevitabile dissoluzione. Oggi nell'austronostalgia molti hanno trovato un riparo verso quelle avversità e senso di smarrimento che connotano il presente. Rispolverando miti, regni, rimuovendo le cose negative, concentrandosi solo sulle cose positive. Continuando di questo passo presto si arriverà a rimpiangere anche la Monarchia in Italia, se non il fascismo con la solita menata del fascismo buono che viene contrapposto al fascismo cattivo,  come se fossero due entità autonome, separate, distinte, quando in realtà quello fantomatico "buono" era funzionale a quello cattivo, il fascismo uno solo era, e non esiste e non può esistere fascismo buono e fascismo cattivo, e lo stesso discorso vale per il re o l'imperatore, almeno per chi coltiva realmente una minima idea di democraziae giustizia sociale, effetti collaterali di una società che ha demolito ogni ideologia a favore dell'unica ideologia dominante quella della globalizzazione selvaggia voluta da capitalismo, e dunque più re ed imperatori e regine ed imperatrici per tutti.

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…